Assistenza sociosanitaria

Una diagnosi più rapida della fragilità negli anziani che invecchiano a casa è la chiave per aiutarli a rimanere indipendenti

Adv

Doctor supporting elderly woman in clinic, closeup

Nei prossimi 10 anni, il numero di canadesi che convivono con la fragilità aumenterà fino a superare i due milioni . La fragilità è importante perché non solo influisce sulla capacità di funzionare degli anziani, ma mette anche a rischio la loro salute.

Adv

La fragilità è uno stato di ridotta funzionalità fisica per gli anziani che vivono in modo indipendente nella comunità. Sembra diverso per individui diversi e può influenzare la resistenza, l’equilibrio, la cognizione o l’impegno sociale. Spesso la valutazione della fragilità è limitata alle valutazioni in studio da parte dei medici. Se potesse essere valutato in altri contesti, potrebbe offrire l’opportunità di rispondere ai bisogni degli anziani per i servizi più velocemente e con meno oneri per il sistema sanitario.

In qualità di infermieri, abbiamo condotto un progetto di miglioramento della qualità per espandere l’identificazione e la risposta alla fragilità per gli anziani che vivono nella comunità. Il progetto ha anche coinvolto il personale dell’assistenza sociale e altri che lavorano nei servizi per anziani a Edmonton per valutare la fragilità degli anziani, eseguendo queste valutazioni presso un centro per anziani della comunità.

Il nostro obiettivo era confermare che lo screening della fragilità potrebbe essere efficace senza il coinvolgimento di professionisti medici e testare un nuovo metodo per identificare e prevenire il declino funzionale.

Abilitazione della valutazione della fragilità

Sfortunatamente – o, guardando indietro ora, forse per caso – il progetto è iniziato contemporaneamente all’inizio della pandemia di COVID-19 e il team ha dovuto ruotare rapidamente per garantire la continuazione e il successo. La pandemia ha costretto il team a pensare alla valutazione della fragilità in modi totalmente diversi e a sviluppare un approccio innovativo per valutare e rispondere virtualmente alla fragilità.

Una donna con i capelli grigi che sorride mentre tiene un telefono all'orecchio.
La valutazione virtuale utilizzava domande al telefono per valutare la fragilità. (Shutterstock)

Avevamo bisogno di trovare un modo per continuare questo importante lavoro nonostante le limitate interazioni faccia a faccia.

Inizialmente, il piano prevedeva che i fornitori di cure primarie utilizzassero uno strumento preesistente, la Clinical Frailty Scale (CFS) sviluppata presso la Dalhousie University, per valutare la fragilità durante gli appuntamenti di persona presso un’organizzazione per anziani con sede nella comunità nel centro di Edmonton. Poiché le visite di persona erano limitate, il nostro team ha identificato un approccio alternativo che prevedeva di intervistare gli anziani per telefono e fargli fornire un’autovalutazione del loro livello di fragilità.

È stata ottenuta l’autorizzazione da Dalhousie per adattare la scala della fragilità clinica a uno strumento di screening della fragilità virtuale. Gli anziani hanno risposto bene al processo e, dopo alcune modifiche, siamo passati a una versione virtuale nuova e migliorata di Building Resilience e Responding to Seniors Frailty, nota come DRAGONFLY .

Fornire supporto nella comunità

I punteggi del Virtual Frailty Screening variavano da zero a nove e sono stati suddivisi in tre categorie: fragilità lieve (punteggi da uno a tre), fragilità moderata (da quattro a sei) e fragilità grave (da sette a nove). È interessante notare che sono stati gli anziani moderatamente fragili a richiedere il massimo supporto. Coloro che stavano vivendo una fragilità lieve non hanno richiesto un intervento attivo e quelli che stavano vivendo una fragilità grave sono stati ben supportati. Sono stati gli anziani nella categoria moderata a richiedere un intervento intensivo.

La risposta del team di DRAGONFLY si è concentrata sulla fornitura di supporto sia sociale che clinico per l’assistenza nella comunità. I supporti sociali più comuni includevano l’assistenza finanziaria, il supporto abitativo, i trasporti, i servizi a domicilio, le segnalazioni legali e il completamento di pratiche mediche. Più in particolare, assistere gli anziani con le pratiche burocratiche per accedere a fondi o alloggi adeguati.

Altri anziani hanno richiesto risorse più pratiche, come un collegamento a un servizio di guida per appuntamenti medici o assistenza con la consegna di generi alimentari durante la pandemia.

Un uomo con i capelli grigi tiene in mano una penna mentre una donna più giovane sorride accanto a lui
I supporti sociali più comuni includevano l’assistenza finanziaria, il supporto abitativo, i trasporti, i servizi a domicilio, le segnalazioni legali e il completamento di pratiche mediche. (Shutterstock)

Le connessioni sociali erano molto importanti. Gli anziani sono stati indirizzati alla programmazione ricreativa per migliorare il coinvolgimento con i coetanei, i collegamenti con altri anziani provenienti da specifiche comunità di nuovi arrivati, il supporto del caregiver, i gruppi di supporto psicosociale e le comunità virtuali. I supporti per il benessere includevano l’uso di navigatori multiculturali per aiutare i nuovi arrivati ??ad acclimatarsi alle loro nuove case, connessioni LGBTQ2S, traduzioni mediche e consulenza per coloro che lottano con comportamenti da accaparramento.

I supporti clinici più comuni includevano la connessione a un nuovo fornitore di cure primarie, l’aiuto nella ricerca di fornitori di servizi sanitari alleati come fisioterapisti o farmacisti, la registrazione del programma della rete di assistenza primaria, l’agevolazione delle revisioni delle farmacie, il collegamento con la consulenza sulla salute mentale e la navigazione sanitaria.

La loro messa in atto e il monitoraggio regolare degli anziani tramite telefono hanno dimostrato un miglioramento della loro resilienza. Abbiamo assistito a una significativa diminuzione delle loro esigenze di supporto e dei divari in un periodo di 12 mesi.

La fragilità nella comunità

Valutare e rispondere alla fragilità nella comunità non è mai stato così importante. La pandemia ha messo in evidenza i rischi intrinseci della vita in comunità e l’importanza di mantenere gli anziani che vivono nelle loro comunità il più a lungo possibile. La vita indipendente contribuisce a una maggiore salute degli anziani e aiuta anche a mantenere bassi i costi dell’assistenza sanitaria .

Sappiamo già che gli anziani che sono socialmente impegnati non sono solo più felici, ma anche più sani . Pensare e implementare nuovi modi per identificare la fragilità e includere i servizi sociali come un settore importante in questo lavoro rappresenta un nuovo modo per integrare la nostra salute e le sfere sociali, radicando il benessere nelle nostre comunità, non nelle nostre cliniche.

Il nostro programma ha fatto un’importante differenza per oltre 100 anziani durante un periodo molto difficile per loro. Di fronte al distanziamento sociale e ai servizi faccia a faccia limitati, DRAGONFLY ha continuato a valutare la fragilità degli anziani nella comunità e ci ha permesso di rispondere ai bisogni funzionali in modo significativo.

Questo progetto sta volgendo al termine, ma attualmente stiamo lavorando con altre organizzazioni che servono gli anziani e speriamo di applicare le lezioni di DRAGONFLY per costruire la capacità di valutare e rispondere alla fragilità, impedendone la progressione.


This article is republished from The Conversation under a Creative Commons license. Read the original article.