Mangiare e bere

Pepe nero: sano o no?

Adv

Tutti sanno che consumare troppo sale fa male alla salute. Ma nessuno menziona mai il potenziale impatto dell’altro condimento nell’ampolla: il pepe nero. Ha effetti sulla tua salute?

Adv

Certamente, le persone attraverso i secoli hanno pensato così. Il pepe nero, le bacche essiccate del vitigno Piper nigrum , fa parte della medicina tradizionale indiana (Ayurvedica) da migliaia di anni . I praticanti ayurvedici ritengono che abbia proprietà ” carminative “, cioè allevia la flatulenza. E nella medicina tradizionale cinese, il pepe nero è usato per curare l’epilessia .

La scienza moderna suggerisce che il pepe nero conferisce effettivamente benefici per la salute, principalmente a causa di un alcaloide chiamato piperina, la sostanza chimica che conferisce al pepe il suo sapore pungente e un potente antiossidante.

Gli antiossidanti sono molecole che assorbono sostanze nocive chiamate “radicali liberi”. Una dieta malsana, troppa esposizione al sole, alcol e fumo possono aumentare il numero di radicali liberi nel tuo corpo. Un eccesso di queste molecole instabili può danneggiare le cellule, facendo invecchiare più velocemente le persone e causando una serie di problemi di salute, tra cui malattie cardiovascolari, cancro, artrite, asma e diabete.

Un uomo molto bruciato dal sole.
I raggi ultravioletti del sole aumentano il numero di radicali liberi nel nostro corpo. AJR_foto/Shutterstock

Studi di laboratorio su animali e cellule hanno dimostrato che la piperina contrasta questi radicali liberi. In uno studio , i ratti sono stati divisi in diversi gruppi, con alcuni ratti alimentati con una dieta normale e altri ratti alimentati con una dieta ricca di grassi. Un gruppo di ratti è stato nutrito con una dieta ricca di grassi integrata con pepe nero e un altro gruppo di ratti è stata alimentata con una dieta ricca di grassi integrata con piperina.

I ratti alimentati con una dieta ricca di grassi integrata con pepe nero o piperina avevano un numero significativamente inferiore di marcatori di danno dei radicali liberi rispetto ai ratti appena alimentati con una dieta ricca di grassi. In effetti, i loro marcatori di danno dei radicali liberi erano paragonabili a quelli dei ratti alimentati con una dieta normale.

La piperina ha anche proprietà antinfiammatorie. L’infiammazione cronica è collegata a una serie di malattie, comprese le malattie autoimmuni, come l’artrite reumatoide. Anche in questo caso, studi sugli animali hanno dimostrato che la piperina riduce l’ infiammazione e il dolore nei ratti con artrite.

Il pepe nero può anche aiutare il corpo ad assorbire meglio alcuni composti benefici, come il resveratrolo, un antiossidante che si trova nel vino rosso, nei frutti di bosco e nelle arachidi. Gli studi suggeriscono che il resveratrolo può proteggere da malattie cardiache, cancro, Alzheimer e diabete.

Il problema con il resveratrolo, tuttavia, è che tende a rompersi prima che l’intestino possa assorbirlo nel flusso sanguigno. Il pepe nero, tuttavia, è stato trovato per aumentare la “biodisponibilità” del resveratrolo . In altre parole, una parte maggiore è disponibile per l’uso da parte del corpo.

Il pepe nero può anche migliorare l’assorbimento della curcumina, che è il principio attivo della popolare spezia antinfiammatoria curcuma. Gli scienziati hanno scoperto che consumare 20 mg di piperina con 2 g di curcumina ha migliorato la disponibilità di curcumina negli esseri umani del 2.000% .

Altri studi hanno dimostrato che il pepe nero può migliorare l’assorbimento del beta-carotene , un composto presente in frutta e verdura che il tuo corpo converte in vitamina A. Il beta-carotene funziona come un potente antiossidante che può combattere il danno cellulare. La ricerca ha dimostrato che il consumo di 15 mg di beta-carotene con 5 mg di piperina aumenta notevolmente i livelli ematici di beta-carotene rispetto all’assunzione di beta-carotene da solo.

Piperina e cancro

Il pepe nero può anche avere proprietà antitumorali. Studi in provetta hanno scoperto che la piperina riduce la riproduzione delle cellule tumorali della mammella , della prostata e del colon e incoraggia le cellule tumorali a morire.

I ricercatori hanno confrontato 55 composti di una varietà di spezie e hanno scoperto che la piperina era la più efficace nell’aumentare l’efficacia di un trattamento tipico per il cancro al seno triplo negativo, il tipo più aggressivo di cancro.

La piperina mostra anche effetti promettenti nel ridurre al minimo la resistenza multifarmaco nelle cellule tumorali, che potenzialmente riduce l’efficacia della chemioterapia.

Una parola di cautela, però. Tutte queste cose sono abbastanza incerte, poiché la maggior parte degli studi sono stati condotti su colture cellulari o animali. E questo tipo di esperimenti non sempre si “traducono” per gli esseri umani. Tuttavia, puoi essere abbastanza certo che l’aggiunta di qualche macinata di pepe in più al tuo cibo è improbabile che ti causi danni e potrebbe essere utile.


This article is republished from The Conversation under a Creative Commons license. Read the original article.

Categorie:Mangiare e bere

Con tag:,