Equilibrio

Sentirsi poco bene? Come decidere se dovresti prenderti una giornata di malattia

Adv

Poiché l’aumento del lavoro da casa offusca il confine tra lavoro e vita domestica, è diventato più facile per le persone lavorare quando non stanno bene. Ma dovresti?

Adv

I ricercatori della Nottingham Trent University che studiano il presenzialismo – lavorare mentre sono malati – hanno progettato un modo strutturato per consentire ai dipendenti di considerare se dovrebbero prendersi una pausa dal lavoro a causa di problemi di salute.

Mentre il presenzialismo può esacerbare le malattie e avere un impatto negativo sulla produttività, se adeguatamente gestito può effettivamente svolgere un ruolo terapeutico positivo nel recupero e nella riabilitazione.

Il processo per supportare i dipendenti nel processo decisionale è stato creato dalla dott.ssa Zara Whysall, professore associato di psicologia aziendale presso il dipartimento di gestione delle risorse umane della Nottingham Business School, dal ricercatore post-laurea Huijun (Regen) Chen e dalla dott.ssa Maria Karanika-Murray, Professore Associato in Psicologia della Salute del Lavoro presso la Scuola di Scienze Sociali della NTU, esperti in comportamento organizzativo e benessere sul posto di lavoro.

Il Dr. Whysall ha affermato: “Il passaggio a posti di lavoro ibridi e virtuali impone ai singoli dipendenti ancora di più l’onere di prendere le decisioni giuste per bilanciare le esigenze di salute e prestazioni, perché non sono più circondati da manager e colleghi che potrebbero raccogliere problemi e fornire supporto e consulenza.

“La cosa più importante che determina se andare al lavoro mentre non stai bene sarà benefico o dannoso per la salute è fare la scelta giusta tra assenza per malattia e presenzialismo, considerando la natura della malattia e le tue esigenze lavorative.

“In realtà questo processo decisionale avviene inconsciamente e molto rapidamente, quindi rendersi consapevoli dei possibili passaggi può aiutarci a riflettere e diventare più deliberati in ciò che decidiamo”.

Qui il Dr. Whysall e il Dr. Karanika-Murray spiegano il processo in quattro fasi che i dipendenti possono intraprendere:

Trigger : cosa è successo? Quanto sono colpito?

“Le persone hanno soglie diverse per quando i sintomi di cattiva salute innescano la deliberazione sull’opportunità di lavorare o prendere un congedo per malattia . Per alcuni individui e alcune condizioni di salute, la soglia per la deliberazione può essere molto bassa, mentre per altri può essere alta, e questo è è probabile che sia influenzato dai nostri stati emotivi , quindi questa soglia può anche cambiare situazionalmente, ad esempio quando stiamo vivendo uno stress”, afferma la dott.ssa Karanika-Murray.

Opzioni : chiediti come puoi adattare le tue attività in termini di cosa, come, quando e quanto fai durante la giornata lavorativa? Cosa è possibile e gestibile senza che sia dannoso per la tua salute?

Il Dr. Whysall spiega: “La scienza comportamentale ci ha insegnato che quando valutiamo le nostre opzioni, è improbabile che lo facciamo in modo del tutto razionale e oggettivo. Invece, le opzioni che consideriamo aperte per noi saranno influenzate da vari fattori come gli effetti dell’inquadratura. Ad esempio, in alcune organizzazioni dipende dalla cultura aziendale, da come si comportano gli altri e da ciò che dicono e fanno i leader. Le conseguenze che i dipendenti subiscono dopo aver preso un congedo per malattia possono far pensare ai dipendenti che l’assenza per malattia non è un opzione per qualcosa di diverso dalle condizioni di salute più gravi. Al contrario, se un manager ha recentemente evidenziato l’importanza di gestire l’equilibrio tra lavoro e vita privata , ciò potrebbe “premere” l’assenza per malattia come opzione fattibile per una più ampia gamma di problemi di salute”.

Valutazione : una volta individuate quelle che consideri le opzioni possibili, passa a ciò che è desiderabile, sia in relazione ai tuoi obiettivi che alle aspettative degli altri. Quali sono i benefici e i rischi percepiti e quali pensi siano le potenziali conseguenze della tua scelta?

Ricorda di non dare priorità solo alle preoccupazioni lavorative, ad esempio se la tua squadra si sentirà delusa o se il tuo capo non ti promuoverà. Invece, assicurati di considerare anche le preoccupazioni correlate, ad esempio se ti prendi il giorno libero, starai meglio più velocemente?

Feedback : rifletti su come la tua decisione ti è stata utile; è stata la decisione giusta? Ti ha aiutato a raggiungere i tuoi obiettivi?

La dott.ssa Karanika-Murray ha aggiunto: “Purtroppo è probabile che non facciamo abbastanza di questo tipo di riflessione e continuiamo a sacrificare la nostra salute per guadagni a breve termine come rispettare l’ultima scadenza, non rimanere indietro nella nostra lista di cose da fare , ed evitare la potenziale disapprovazione del nostro manager. Ma il feedback, attraverso la riflessione, è essenziale per aiutarci ad adattare il nostro comportamento e imparare a prendere decisioni che funzionino per noi anche a lungo termine”.


Maggiori informazioni: Daniela Lohaus et al, Capire il processo decisionale tra il presente e l’assenteismo, Frontiers in Psychology (2021). DOI: 10.3389/fpsyg.2021.716925

Categorie:Equilibrio

Con tag:,