Ricerca

I ricercatori di Yale scoprono un regolatore del peso corporeo che  porta a nuovi trattamenti per i disturbi metabolici

Adv

Gli scienziati di Yale scoprono il regolatore chiave del peso corporeo

The exterior of the New Haven County Courthouse, in downtown New

Gli scienziati di Yale hanno scoperto che una proteina nota come augmentor-alfa regola il peso corporeo nei topi, un’intuizione che potrebbe portare a nuovi trattamenti per i disturbi metabolici.

Adv

I risultati sono stati pubblicati l’11 aprile negli Proceedingd of National Academy of Sciences.

Il team di ricerca ha deciso di dare un’occhiata più da vicino all’aumento dell’alfa a causa della sua connessione con il cancro. È noto che la proteina si lega e attiva il recettore della chinasi del linfoma anaplastico (ALK), una molecola che, quando mutata, guida una varietà di tumori umani, tra cui neuroblastoma pediatrico, linfomi a cellule B e alcuni tumori polmonari.

Per comprendere meglio questa proteina e il ruolo che svolge nel corpo, i ricercatori di Yale hanno prima voluto individuare dove si trova comunemente. Guardando nei topi, hanno scoperto che l’aumento dell’alfa era espresso più fortemente nella regione dell’ipotalamo del cervello.

In particolare, hanno scoperto che era espresso all’interno di cellule chiamate neuroni del peptide correlato all’agouti (AgRP), che sono noti per promuovere la fame.

“I neuroni AgRP sono così importanti per sentire la fame che senza di loro non mangeresti. Moriresti”, ha detto Tamas Horvath , il professore di medicina comparata Jean e David W. Wallace e autore dello studio. “Quindi, quando è diventato chiaro che l’aumento dell’alfa era espresso in modo dominante in questi neuroni, ha immediatamente suggerito che l’aumento dell’alfa era coinvolto nel metabolismo”.

Il team ha trovato ulteriori prove di un legame tra l’aumento dell’alfa e il metabolismo quando hanno osservato che il digiuno aumentava l’espressione dell’aumento dell’alfa in questi neuroni.

“Il digiuno sembrava essere un segnale per produrre di più questa proteina”, ha affermato Joseph Schlessinger , professore di farmacologia di William H. Prusoff, co-direttore dello Yale Cancer Biology Institute e autore senior dello studio.

I ricercatori hanno quindi studiato i topi che mancavano del tutto della proteina. Rispetto ai topi tipici, quelli senza augmentor-alfa erano più magri, indipendentemente dal fatto che seguissero una dieta normale o ricca di grassi. Erano anche più attivi fisicamente dei topi tipici, ma non mangiavano significativamente più cibo, il che probabilmente ha contribuito alla loro magrezza.

Di fronte alla mancanza di cibo, i topi in genere conservano energia e riducono la loro attività fisica, affermano i ricercatori. Ma durante il digiuno, i topi senza augmentor-alfa erano ancora molto attivi, il che suggerisce che la proteina è un segnale importante per il risparmio energetico.

“Da quello che abbiamo osservato in questo studio, pensiamo che uno dei ruoli dell’aumento dell’alfa nel corpo sia quello di rallentare il metabolismo quando c’è carenza di cibo”, ha detto Schlessinger. “È come se dicesse: ‘Non hai cibo, non spendere così tanta energia’”.

Questo collegamento al metabolismo suggerisce che l’inibizione o il miglioramento dell’effetto dell’aumento dell’alfa potrebbe essere utile per una serie di malattie, hanno affermato i ricercatori. I farmaci che inibiscono l’aumento dell’alfa – che fanno alcuni farmaci antitumorali che prendono di mira l’ALK – potrebbero essere riutilizzati per i disturbi metabolici in cui l’eccesso di peso può esacerbare la malattia. E il potenziamento dell’effetto dell’aumento dell’alfa potrebbe offrire un’opzione di trattamento per le persone che subiscono una perdita di peso dannosa, come quelle con anoressia, cachessia o persistente perdita di appetito a causa di effetti collaterali o lesioni dei farmaci.

Di recente, i ricercatori di Yale, tra cui Schlessinger, hanno scoperto la struttura di ALK e come interagisce con l’aumento dell’alfa. Schlessinger ha affermato che i nuovi risultati supportano e si aggiungono a ciò che hanno osservato in questa precedente ricerca. Ha paragonato l’aumento dell’alfa all’insulina, che è prodotta nel pancreas ma ha effetti in tutto il corpo. Al contrario, l’aumento dell’alfa è prodotto nei neuroni AgRP nell’ipotalamo e colpisce altri neuroni vicini.

“Agisce molto localmente all’interno dell’ipotalamo”, ha detto Schlessinger.

E questo, hanno detto i ricercatori, fornisce un altro indizio sul ruolo dell’aumento dell’alfa. L’ipotalamo controlla molte funzioni essenziali, tra cui la riproduzione, la regolazione della temperatura e la risposta allo stress. L’effetto dell’Aumentatore-alfa all’interno dell’ipotalamo significa che potrebbe essere coinvolto anche in alcuni di questi altri processi, ha osservato Horvath.

“Penso che stiamo solo grattando la superficie del ruolo dell’aumentatore-alfa”, ha detto Schlessinger.

Categorie:Ricerca

Con tag:,,,