Benessere

Le persone sposate e provenienti da famiglie longeve  condividono un minor rischio di diabete di tipo II

Adv

I figli di genitori eccezionalmente longevi e dei loro coniugi sperimentano gli stessi benefici per la salute e la longevità, mostra uno studio

Outdoor Portrait Of Multi-Generation Family Walking In Countryside Against Flaring Sun

Cosa rende alcune persone predisposte a vivere e rimanere in salute molto più a lungo di altre? Che alcune persone raggiungano un’età eccezionale è stato registrato nel corso della storia. Si è tentati di annotare tali valori anomali solo come il risultato dell’ambiente e del comportamento: ad esempio, alimentazione migliore della media, assistenza medica, pratiche di assistenza all’infanzia e igiene, per non parlare della fortuna. Ma poiché l’aspettativa di vita media continua ad aumentare in tutto il mondo a causa dei miglioramenti complessivi di questi e altri fattori, sta diventando chiaro che la longevità eccezionale e l’invecchiamento in buona salute tendono a funzionare nelle famiglie. Ciò suggerisce che anche le differenze genetiche svolgono un ruolo nell’assicurare la durata della vita e una buona salute per tutta la vita.

La prof Iva Miljkovic della School of Public Health dell’Università di Pittsburgh, negli Stati Uniti, ha dichiarato: “In un nuovo studio, dimostriamo che i figli di genitori eccezionalmente longevi, così come i loro coniugi, hanno un rischio simile ridotto di sviluppare diabete di tipo II rispetto alla popolazione generale”.

Famiglie eccezionalmente longeve

Lo studio, pubblicato su Frontiers in Clinical Diabetes and Healthcare, fa parte del Long Life Family Study (LLFS) del National Institute on Aging-National Institutes of Health (NIA-NIH) degli Stati Uniti. L’LLFS si concentra sulle famiglie negli Stati Uniti e in Danimarca con più membri eccezionalmente longevi. Identifica, attraverso due generazioni, quali processi genetici, epigenetici e altri processi biologici sono associati alla lunga vita e all’invecchiamento sano.

Miljkovic e colleghi mostrano che i bambini nati in famiglie eccezionalmente longeve differiscono dai coetanei per i livelli ematici di biomarcatori che influenzano il rischio di diabete di tipo II: il loro patrimonio genetico ed epigenetico aiuta il loro corpo a rimanere reattivo all’insulina, anche in età avanzata . I loro coniugi – in genere non nati da genitori eccezionalmente longevi – tendono a condividere questi livelli di biomarcatori che aumentano la salute e la durata della vita. Ciò implica che tali livelli di biomarcatori benefici specifici della famiglia non vengono sempre ereditati: potresti anche svilupparli se sposati con il partner giusto.

“Sebbene quest’ultima scoperta possa non essere intuitiva, anche studi precedenti hanno riportato notevoli vantaggi in termini di sopravvivenza e salute tra i coniugi rispetto alla prole di famiglie longeve”, ha affermato Miljkovic.

Miljkovic e colleghi hanno seguito lo stato di salute di 4559 donne e uomini focali di lunga vita (sopra i 90 anni di età all’iscrizione), 1445 dei loro fratelli (se stessi sopra gli 80 anni), 2329 bambini (tra i 32 e gli 88 anni) della persona focale o del loro fratello e 785 dei coniugi di quei bambini, dal 2006 al 2017. Confrontando i tratti sanitari dei figli con quelli dei loro coniugi, piuttosto che con quelli di persone estratte a caso dalla popolazione, si sono assicurati che entrambi avessero un stile di vita e ambiente simili nell’età adulta.

Minor rischio di diabete II

Tra i bambini e i loro coniugi, rispettivamente il 3,7% e il 3,8% hanno sviluppato il diabete di tipo II nel corso dello studio. Ciò corrisponde a un tasso compreso tra 4,6 e 4,7 nuovi casi di diabete di tipo II per 1000 anni persona, circa il 53% in meno rispetto al tasso tra le persone tra i 45 ei 64 anni nella popolazione generale degli Stati Uniti. Ciò implica che sia i figli che i loro coniugi avevano un rischio ridotto di sviluppare il diabete di tipo II: uno dei benefici per la salute e la longevità di far parte di una famiglia longeva, sia per discendenza che per matrimonio.

I tratti che sembravano proteggere dallo sviluppo del diabete II includevano un basso indice di massa corporea, una bassa circonferenza della vita, alti livelli di colesterolo HDL e gli ormoni adiponectina e globulina legante gli ormoni sessuali (SHBG) nel sangue e bassi livelli di trigliceridi, fattore di crescita simile all’insulina 1 , e l’interleuchina 6 (IL-6) pro-infiammatoria nel sangue.

Stessi effetti genetici nei coniugi, ma più forti

“Abbiamo scoperto che i biomarcatori pro-infiammatori e di segnalazione del fattore di crescita sembrano avere effetti positivi e negativi più forti sul rischio di diabete nei coniugi di figli di sopravvissuti eccezionali rispetto a quelli stessi discendenti. Ciò suggerisce che diversi fattori di rischio biologico influenzano questo rischio nei due gruppi”, ha affermato Miljkovic.

Questo significa che i coniugi crescono per assomigliarsi l’un l’altro nei loro livelli ematici di biomarcatori semplicemente condividendo una famiglia e uno stile di vita, indipendentemente dal loro background genetico nei primi anni di vita? Non sempre, avverte Miljkovic.

L’accoppiamento assortitivo è una possibile spiegazione

“È anche possibile che le persone tendano inconsciamente a scegliere i loro partner attraverso il cosiddetto “accoppiamento assorttivo”, cioè tendendo a far corrispondere i loro fenotipi e i genotipi sottostanti. Compresi quelli che influenzano il rischio di diabete e la longevità”, ha spiegato Miljkovic.

Miljkovic ha guardato avanti: “Ulteriori studi LLFS per identificare i meccanismi e i percorsi – genetici, epigenetici, molecolari, traiettorie e comportamenti di salute e modelli di stile di vita – sono necessari per capire perché essere sposati con un membro di una famiglia di lunga vita comporta anche un vantaggio per la salute metabolica e la sopravvivenza, simile a quello del coniuge”.

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: