Batticuore

Problemi cardiaci dopo COVID-19 non comuni nei bambini e nei giovani adulti, sono necessarie ulteriori ricerche

Adv

Punti salienti della dichiarazione:

Adv
  • La nuova dichiarazione scientifica descrive in dettaglio ciò che è stato appreso su come trattare, gestire e persino probabilmente prevenire le complicanze cardiovascolari del virus SARS-CoV-2 nei bambini e nei giovani adulti e richiede ulteriori ricerche, compresi gli studi che seguono il breve e il lungo- a termine effetti cardiovascolari da COVID-19, la malattia causata dal virus SARS-CoV-2.
  • Mentre le complicazioni cardiache dopo l’infezione da SARS-CoV-2 sono rare nei bambini, alcuni sperimentano ritmo cardiaco anormale, infiammazione dentro e intorno al muscolo cardiaco o sindrome infiammatoria multisistemica nei bambini (MIS-C), una nuova condizione identificata durante la pandemia.
  • È stato scoperto che i vaccini COVID-19 prevengono la malattia grave da COVID-19 e riducono il rischio di sviluppare MIS-C del 91% tra i bambini di età compresa tra 12 e 18 anni.
  • I dati suggeriscono che è sicuro per i giovani con COVID-19 lieve o asintomatico tornare allo sport dopo il recupero dai sintomi. Per quelli con infezioni più gravi, è ragionevole sottoporsi a esami del cuore tra cui un ecocardiogramma, esami del sangue per i livelli di enzimi cardiaci e altri screening della funzione cardiaca prima di riprendere lo sport o un intenso esercizio fisico.

11 aprile 2022 – Le complicanze cardiache sono rare, ma curabili per bambini e giovani adulti dopo la malattia da COVID-19 o l’infezione da SARS-CoV-2, secondo una nuova dichiarazione scientifica dell’American Heart Association che descrive in dettaglio ciò che è stato appreso come trattare, gestire e persino prevenire le complicanze cardiovascolari del virus SARS-CoV-2 in gioventù. La dichiarazione pubblicata oggi sulla rivista di punta dell’Associazione Circulation .

Gli ultimi dati indicano anche che il ritorno allo sport e alle attività fisiche faticose dopo la risoluzione dei sintomi cardiaci è sicuro, sebbene possa essere preso in considerazione uno screening aggiuntivo per i giovani che manifestano sintomi più gravi.

La nuova dichiarazione richiede anche ulteriori ricerche, compresi studi sugli effetti cardiovascolari a lungo termine di COVID-19 nei bambini e nei giovani adulti. L’ampia ricerca del gruppo di volontariato sugli ultimi dati ha rilevato che i bambini con malattie cardiache congenite (malattie cardiache o difetti presenti alla nascita) hanno bassi tassi di infezione e complicazioni da SARS-CoV-2, il virus che causa la malattia COVID-19. Una dichiarazione scientifica dell’American Heart Association è un’analisi esperta della ricerca attuale e potrebbe fornire indicazioni sulle linee guida future.

“A due anni dall’inizio della pandemia e con una vasta quantità di ricerche condotte sui bambini con COVID-19, questa dichiarazione riassume ciò che sappiamo finora in relazione al COVID-19 nei bambini”, ha affermato il presidente del gruppo di scrittura delle dichiarazioni Pei-Ni Jone, MD , FAHA, direttore dell’ecocardiografia 3D, della Kawasaki Disease Clinic e della qualità dell’ecocardiografia presso il Children’s Hospital Colorado di Aurora, Colorado.  Ci siamo concentrati sugli effetti di questo virus per le persone con malattie cardiache congenite o di altro tipo, nonché sugli ultimi dati sulla potenziale associazione dei vaccini COVID-19 con le complicanze cardiache nei bambini e nei giovani adulti. Anche se sappiamo molto, questa emergenza sanitaria pubblica necessita di ricerche continue per comprendere gli impatti a breve e lungo termine sui bambini”.

L’analisi delle ultime ricerche indica che i bambini generalmente hanno sintomi lievi dovuti all’infezione da SARS-CoV-2. Negli Stati Uniti, al 24 febbraio 2022, i bambini hanno rappresentato il 17,6% dei casi totali di COVID-19 e circa lo 0,1% dei decessi per virus. Inoltre, i giovani adulti, dai 18 ai 29 anni, hanno rappresentato il 21,3% dei casi e lo 0,8% dei decessi per COVID-19. Gli studi suggeriscono che alcuni fattori possono aiutare a spiegare perché i bambini possono essere meno suscettibili a una grave infezione da COVID-19: 1) le cellule nel corpo dei bambini hanno meno recettori da legare al virus SARS-CoV-2 e 2) i bambini possono avere un sistema immunitario più basso risposta dovuta a una diversa risposta delle citochine rispetto agli adulti e all’immunità allenata da altri vaccini e infezioni virali.

Mentre i bambini con malattie cardiache congenite hanno avuto bassi tassi di infezione e mortalità per infezione da SARS-CoV-2, avere una sindrome genetica sottostante, come la trisomia 21 (nota anche come sindrome di Down), sembra essere associata a un aumentato rischio di COVID grave -19.

La dichiarazione delinea i trattamenti disponibili per i bambini con COVID-19, sebbene non ci siano terapie antivirali specifiche per il COVID-19. Questi includono remdesivir e desametasone per i bambini in determinati gruppi di età. Remdesivir è l’unico farmaco antivirale attualmente approvato dalla Food and Drug Administration (FDA) statunitense per il trattamento di persone di età pari o superiore a 12 anni ricoverate in ospedale con COVID-19 che presentano fattori di rischio per malattie gravi e necessità di ossigeno supplementare, ed è il più efficace quando somministrato il prima possibile dopo l’inizio dei sintomi. Il desametasone, che ha dimostrato di ridurre il rischio di morte negli adulti con COVID-19, è consigliato per i bambini con malattie più gravi che richiedono supporto respiratorio.

Le complicanze cardiache nei bambini con COVID-19 sono rare. I casi clinici di complicanze cardiache includono:

  • shock cardiogeno, in cui un cuore improvvisamente indebolito non può pompare abbastanza sangue per soddisfare i bisogni del corpo;
  • miocardite (infiammazione del muscolo cardiaco); pericardite (infiammazione del pericardio, una struttura sottile a forma di sacco che circonda il cuore); e
  • aritmie (battiti cardiaci e ritmi irregolari).

Morte e morte cardiaca improvvisa a seguito di un trattamento medico intensivo e di supporto vitale si sono verificate in bambini con grave COVID-19 che ha colpito il cuore.

Dall’inizio della pandemia di COVID-19, una nuova sindrome infiammatoria multisistemica nei bambini (MIS-C) è stata identificata in tutto il mondo, con ben la metà dei casi che coinvolgono l’infiammazione del muscolo cardiaco o delle arterie cardiache. Durante il primo anno della pandemia, uno su 3.164 bambini con infezione da SARS-CoV-2 ha sviluppato MIS-C.

Per i bambini che sviluppano MIS-C, l’immunoglobulina endovenosa (IVIG) è stata somministrata da sola o come doppia terapia con infliximab o altri agenti immunomodulatori. Il cuore della maggior parte dei bambini si è ripreso bene entro 1-4 settimane dalla diagnosi di MIS-C. Il rischio di complicanze a lungo termine e morte per MIS-C è stimato nell’1,4-1,9%.

La maggior parte dei casi di MIS-C riguardava bambini identificati nelle cartelle cliniche come razza nera o etnia ispanica. Sono necessarie ulteriori ricerche su MIS-C per scoprire perché persone di diversi gruppi razziali o etnici possono essere colpite in modo sproporzionato e per comprendere i fattori di rischio di questa condizione.

Per i bambini e i giovani adulti che hanno avuto COVID-19, il ritorno allo sport e all’attività fisica faticosa è stato un’area di ricerca ed esame mirati. Gli ultimi dati suggeriscono che coloro che hanno avuto una lieve infezione da COVID-19 o un’infezione senza sintomi sono sicuri di tornare allo sport dopo il recupero da tutti i sintomi. Per i giovani con infezione da SARS-CoV-2 più grave o che sviluppano MIS-C, è ragionevole considerare screening cardiovascolari selezionati, come un ecocardiogramma, esami del sangue per i livelli degli enzimi cardiaci e altri screening della funzione cardiaca, prima di tornare allo sport.  

I vaccini COVID-19 possono impedire ai pazienti di contrarre il COVID-19 e riducono il rischio di MIS-C del 91% tra i bambini di età compresa tra 12 e 18 anni. Alcuni hanno espresso preoccupazione per il rischio di infiammazione cardiaca dopo i vaccini mRNA COVID-19. I dati indicano che i benefici di ottenere i vaccini superano il rischio di sviluppare miocardite potenzialmente associata al vaccino. Ad esempio, per ogni milione di dosi dei vaccini mRNA COVID-19 nei maschi di età compresa tra 12 e 29 anni (il gruppo a più alto rischio di miocardite associata al vaccino), si stima che 11.000 casi di COVID-19, 560 ricoveri e 6 decessi sarebbero essere prevenuto, mentre ci si aspetterebbe da 39 a 47 casi di miocardite. La FDA ha concesso l’autorizzazione all’uso di emergenza per il vaccino mRNA prodotto da Pfizer-BioNTech per bambini dai 5 anni in su,

L’infezione virale è la causa più comune di miocardite nei bambini. Secondo i dati dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie, negli Stati Uniti circa da 1 a 2 bambini su 100.000 vengono diagnosticati ogni anno con miocardite prima della pandemia di COVID-19. I bambini hanno anche maggiori probabilità rispetto agli adulti di sviluppare la miocardite a causa di un’infezione virale come il COVID-19. Il CDC sta continuando a seguire da vicino la miocardite nei bambini e nei giovani adulti, in particolare una possibile connessione ai vaccini mRNA COVID-19.

Sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere meglio i meccanismi e gli approcci terapeutici ottimali per l’infezione da SARS-CoV-2, la miocardite associata al vaccino, i risultati a lungo termine di COVID-19 e MIS-C e l’impatto di queste varie condizioni sul cuore nei bambini e nei giovani adulti. Inoltre, lo sviluppo di nuove terapie antivirali deve essere testato in studi clinici incentrati sui bambini.

“Sebbene sia stato appreso molto su come il virus influisce sul cuore dei bambini e dei giovani adulti, come trattare al meglio le complicanze cardiovascolari e prevenire malattie gravi e sono necessari continui studi di ricerca clinica per comprendere meglio gli impatti cardiovascolari a lungo termine”, ha affermato Jone. “È anche importante affrontare le disparità sanitarie che sono diventate più evidenti durante la pandemia. Dobbiamo lavorare per garantire che tutti i bambini ricevano uguale accesso alla vaccinazione e a cure di alta qualità”.

Questa dichiarazione scientifica è stata preparata dal gruppo di scrittori volontari per conto del Council on Lifelong Congenited Heart Disease and Heart Health in the Young (Young Hearts) dell’American Heart Association; il Consiglio sull’ipertensione; e il Council on Peripheral Vascular Disease. Le dichiarazioni scientifiche dell’American Heart Association promuovono una maggiore consapevolezza sulle malattie cardiovascolari e sui problemi di ictus e aiutano a facilitare decisioni informate sull’assistenza sanitaria. Le dichiarazioni scientifiche delineano ciò che è attualmente noto su un argomento e quali aree necessitano di ulteriori ricerche. Sebbene le affermazioni scientifiche informino lo sviluppo di linee guida, non forniscono raccomandazioni terapeutiche. Le linee guida dell’American Heart Association forniscono le raccomandazioni ufficiali sulla pratica clinica dell’Associazione.

I coautori sono il vicepresidente Sarah D. de Ferranti, MD, MPH, FAHA; Anitha John, MD, Ph.D.; Matthew E. Oster, MD, MPH, FAHA; Kiona Allen, MD; Adrianna H. Tremoulet, MD, MAS, FAHA; Elizabeth V. Saarel, MD, FAHA; Linda M. Lambert, APRN, FAHA; e Shelley D. Miyamoto, MD, FAHA. Le rivelazioni degli autori sono elencate nel manoscritto.

L’Associazione riceve finanziamenti principalmente da privati. Anche le fondazioni e le società (comprese farmaceutiche, produttori di dispositivi e altre società) effettuano donazioni e finanziano programmi ed eventi specifici dell’Associazione. L’Associazione ha politiche rigorose per impedire che queste relazioni influenzino il contenuto scientifico. I ricavi delle aziende farmaceutiche e biotecnologiche, dei produttori di dispositivi e dei fornitori di assicurazioni sanitarie e le informazioni finanziarie generali dell’Associazione sono disponibili qui .

Bracciale per la pressione sanguigna sul bambino
Bracciale per la pressione sanguigna su un bambino
copyright American Heart Association

Categorie:Batticuore

Con tag:,,