Donne e diabete

I livelli di un determinato ormone potrebbero predire o rilevare la perdita ossea nelle donne in premenopausa

Adv

I medici potrebbero essere in grado di determinare se la perdita ossea correlata alla menopausa è già in corso o sta per iniziare misurando il livello di un ormone che diminuisce quando le donne si avvicinano al loro ultimo periodo mestruale, rileva una nuova ricerca dell’UCLA.

I risultati potrebbero aiutare i medici a determinare quando e come trattare la perdita ossea nelle donne mentre invecchiano prima che la perdita ossea causi problemi di salute significativi, secondo lo studio. In particolare, lo studio ha rilevato che per le donne di età pari o superiore a 42 anni che non sono ancora in postmenopausa, i livelli di ormone anti-mulleriano, o AMH, possono essere utilizzati per determinare se stanno sperimentando, o stanno per sperimentare, perdita ossea correlata al loro passaggio alla menopausa .

I risultati saranno pubblicati il ??4 aprile sul Journal of Bone and Mineral Research , sottoposto a revisione paritaria .

“Per poter intervenire e ridurre il tasso e la quantità di perdita ossea, dobbiamo sapere se questa perdita è imminente o già in corso”, ha affermato l’autore principale dello studio, il dottor Arun Karlamangla, professore di medicina nella divisione di geriatria presso la David Geffen School of Medicine dell’UCLA.  “Non sappiamo in modo affidabile prima che accada effettivamente quando sarà l’ultimo periodo mestruale di una donna, quindi non possiamo dire se è il momento di fare qualcosa per la perdita ossea”.

La perdita ossea inizia in genere circa un anno prima dell’ultimo periodo mestruale di una donna, ha detto Karlamangla.

Le donne sperimentano una significativa perdita ossea durante la transizione della menopausa, una finestra di circa tre anni che racchiude il periodo mestruale finale ed è accompagnata da altri sintomi come cicli mestruali irregolari, vampate di calore e disturbi dell’umore e del sonno. I livelli dell’AMH diminuiscono con l’avvicinarsi dell’ultimo periodo mestruale di una donna.

I ricercatori hanno esaminato i dati dello Study of Women’s Health Across the Nation, o SWAN, uno studio multisito e multietnico che esamina i cambiamenti che le donne subiscono durante la transizione verso la menopausa.

Hanno scoperto che il 17% delle donne in premenopausa di età pari o superiore a 42 anni avrà perso una frazione significativa del picco di massa ossea entro due o tre anni dalla data in cui un medico effettua la previsione. Ma tra quelli con meno di 50 picogrammi di AMH per millilitro di sangue, quasi il doppio della percentuale, il 33%, avrà perso una frazione significativa del picco di massa ossea nello stesso lasso di tempo. (Un picogramma è un trilionesimo di grammo.)

Inoltre, il 42% delle donne in perimenopausa precoce, il che significa che hanno un sanguinamento mestruale irregolare ma con un intervallo di non più di tre mesi tra i periodi, avrà perso una frazione significativa del picco di massa ossea entro due o tre anni. Ma tra le donne in perimenopausa precoce con livelli di AMH inferiori a 25 pg/mL, il 65% avrà perso una percentuale significativa del picco di massa ossea in quel periodo.

Lo studio ha alcune limitazioni, osservano i ricercatori. I risultati non possono essere applicati alle donne che stanno già assumendo farmaci per l’osteoporosi, hanno subito un’isterectomia prima del loro ultimo periodo o hanno utilizzato ormoni sessuali esogeni durante il passaggio alla menopausa; e lo studio non ha incluso le donne ispaniche, né le donne che sono entrate in menopausa prima dei 42 anni.

“Questi risultati rendono fattibile la progettazione e la sperimentazione di interventi di mezza età per prevenire o ritardare l’osteoporosi nelle donne”, scrivono gli autori dello studio.

Lo studio sulla salute delle donne in tutta la nazione è supportato dal National Institutes of Health attraverso il National Institute on Aging, il National Institute of Nursing Research e l’NIH Office of Research on Women’s Health.
I coautori dello studio sono il Dr. Albert Shieh e il Dr. Gail Greendale dell’UCLA; la dottoressa Elaine Yu, la dottoressa Sherri-Ann Burnett-Bowie, il dottor Patrick Sluss e il dottor Joel Finkelstein dell’Università di Harvard; Deborah Martin dell’Università di Pittsburgh; e Anthony Morrison di Motive Biosciences.

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: