Complicanze varie/eventuali

Importante aggiornamento sullo screening della densità ossea per le persone con diabete di tipo 1

Adv

Uno studio recente ha confrontato la densità ossea e la forza ossea di persone con diabete di tipo 1 di lunga data e ben gestito con la densità ossea di persone senza diabete. Lo studio riporta che si è verificata una significativa riduzione della densità ossea e della forza ossea in alcune aree del corpo nelle persone con diabete di tipo 1 rispetto alle persone senza diabete.

Adv

Le persone che vivono con il diabete di tipo 1 hanno un rischio maggiore di fratture ossee e osteoporosi. Tuttavia, in precedenza non era chiaro se esistesse una differenza nella densità ossea tra le persone con diabete di tipo 1 di lunga data e ben gestito rispetto alle persone con livelli di glucosio cronicamente molto elevati. L’età media dei partecipanti a questo studio era di 60 anni con una durata del diabete di tipo 1 di 37,7 anni. L’A1C medio del gruppo era del 6,8% con una media di A1C a 2, 5, 7 e 10 anni precedente o inferiore al 7%.

densità ossea

Questo studio ha mostrato che c’era una maggiore riduzione della densità ossea e della forza ossea nelle persone con diabete di tipo 1 rispetto alle persone senza diabete. Lo studio ha mostrato che la più grande diminuzione della densità ossea è per le persone con diabete di tipo 1 che hanno anche neuropatia (danno ai nervi nel corpo) rispetto a quelle senza neuropatia.

La neuropatia è la complicanza a lungo termine più comune per le persone con diabete di tipo 1 di lunga data. Si stima che circa il 54% delle persone con diabete di tipo 1 abbia una qualche forma di neuropatia. Il rischio di neuropatia aumenta più a lungo una persona vive con il diabete di tipo 1.

La diminuzione della densità ossea e la diminuzione della forza ossea aumentano il rischio di fratture (rotture).

Lo studio ha anche confermato che la diminuzione della forza ossea contribuisce anche a una mobilità più lenta. Non è noto se una mobilità più lenta contribuisca alla diminuzione della forza e della densità ossea a causa della minore attività fisica, o viceversa.

Le linee guida mediche dell’American Diabetes Association raccomandano una scansione di base per valutare la densità ossea nelle persone con diabete di tipo 1 o di tipo 2 utilizzando le stesse linee guida della popolazione generale. Si raccomanda una scansione della densità ossea di base a partire dall’età di 50 anni per gli uomini e all’inizio della menopausa per le donne.

Il trattamento per l’osteopenia o l’osteoporosi è lo stesso per le persone con diabete come per la popolazione generale e potrebbe includere un’adeguata assunzione di calcio e vitamina D, attività fisica regolare e integratori e, per molte persone, farmaci prescritti.

Se hai il diabete di tipo 1, chiedi al tuo educatore del diabete e al tuo endocrinologo se stai mangiando abbastanza calcio e se il tuo livello di vitamina D è normale. Se non stai partecipando a una regolare attività fisica sotto carico, parla con il tuo educatore del diabete per ottenere aiuto per iniziare un piano.

Assicurati di parlare con il tuo medico di base o con il tuo endocrinologo se è il momento di programmare il tuo primo test di densità minerale ossea!  

Per rivedere tu stesso lo studio, controlla:

Cucire L, Potasso L, Bauman S, et al. Microarchitettura e forza ossea nel diabete di tipo 1 di lunga data . J Bone Miner Res. Pubblicato online il 29 gennaio 2022. doi: 10.1002/jbmr.4517