Tecno

La tecnologia ha il potenziale per cambiare il rapporto paziente-fornitore

Adv

La tecnologia sanitaria continua ad evolversi e ha il potenziale per cambiare in modo significativo il rapporto tra i fornitori ei loro pazienti. Uno studio del Dipartimento per gli affari dei veterani degli Stati Uniti, del Regenstrief Institute e della Scuola di medicina dell’Università dell’Indiana ha analizzato le prospettive sulle cartelle cliniche personali.

Adv

Le cartelle cliniche personali sono diverse dalle cartelle cliniche elettroniche perché vengono utilizzate dal paziente anziché dal fornitore. A volte vengono indicati come portali del paziente e consentono al paziente di visualizzare i risultati dei test, i farmaci e altre informazioni sulla salute .

Il team di ricerca ha intervistato fornitori, pazienti e operatori sanitari associati al Richard L. Roudebush VA Medical Center sui loro pensieri sui dati sanitari personali e su come potrebbero essere utilizzati.

“Durante le interviste, i pazienti hanno espresso il potenziale per le cartelle cliniche personali per approfondire la loro relazione con il loro fornitore e per consentire loro di essere più compresi. I medici erano interessati ad avere una maggiore condivisione delle informazioni cliniche per facilitare una migliore assistenza”, ha affermato l’autore dello studio David Haggstrom, MD, MAS, direttore del Regenstrief Institute Center for Health Services Research, ricercatore principale presso il VA Health Services Research and Development (HSR&D) Center for Health Information and Communication (CHIC) e professore associato di medicina presso la IU School of Medicine. “Queste diverse visioni del valore di questi record mostrano la necessità di discussioni tra medici e pazienti per stabilire aspettative sugli usi delle PHR”.

Sia i medici che i pazienti hanno sollevato preoccupazioni sul flusso di lavoro.

“I portali per i pazienti hanno già creato un ulteriore sforzo per il personale medico e i pazienti sono sensibili a questo. È necessario riflettere attentamente su come i sistemi sanitari e i team implementano le PHR per fornire comunque cure incentrate sul paziente”, ha affermato il dott. Haggstrom.

I prossimi passi per le cartelle cliniche personali implicano un’implementazione più ampia, adattandole a condizioni specifiche e rendendole più facili da usare.

Il dottor Haggstrom sta attualmente conducendo una sperimentazione clinica di cinque anni utilizzando una cartella clinica personale creata appositamente per i malati di cancro . Il team di ricerca esaminerà sia la qualità dell’assistenza che l’impatto sulla relazione paziente-fornitore.

La ricerca è pubblicata su JMIR Human Factors .


Ulteriori informazioni: David A Haggstrom et al, Uses of Personal Health Records for Communication Among Colorectal Cancer Survivors, Caregivers, and Providers: Interview and Observational Study in a Human-Computer Interaction Laboratory, JMIR Human Factors (2021). DOI: 10.2196/16447