Complicanze varie/eventuali Equilibrio

Perché avere uno psicologo in una clinica per il piede diabetico?

Adv

In una presentazione alla Diabetes UK Professional Conference di questo mese, una psicologa che lavora in una clinica per il piede diabetico ha delineato il suo ruolo e il motivo per cui tutte le cliniche dovrebbero averne uno. Lo riferisce Lisa Buckingham.

“Scherzo spesso sul fatto che i medici guardano i piedi e gli psicologi guardano la persona attaccata ai piedi”, ha affermato Catherine Bewsey, psicologa consulente e campionessa clinica del diabete nel Regno Unito. Lavora nella clinica del piede diabetico presso il St George’s University Hospital di Londra e ha creato da zero la sua offerta psicologica.

Adv

Gli psicologi che lavorano all’interno del diabete esaminano l’interazione tra la salute mentale di una persona e il suo diabete. Se l’angoscia viene rilevata prima, ha detto Catherine, una persona può essere supportata meglio nell’autogestione. Il suo ruolo è parte integrante del team multidisciplinare (MDT), e lavora sia con pazienti ricoverati che ambulatoriali, oltre a essere parte del percorso di amputazione. Oltre ad affrontare problemi come depressione e ansia, aiuta anche i pazienti a prendere decisioni informate sull’intervento chirurgico e lavora con le loro famiglie/caregiver.

Nella sua presentazione alla conferenza Diabetes UK, ha discusso per la prima volta i tipi di clienti che potrebbero essere visti da lei e ha ricordato al pubblico che il diabete è come un lavoro a tempo pieno senza pause o ferie. I pazienti hanno molto da affrontare quotidianamente, come farmaci, dieta, monitoraggio e test della glicemia e mantenere una mentalità positiva. A ciò si aggiungono le esigenze del piede diabetico, come mobilità ridotta, gestione delle ulcere, visite mediche e neuropatia. Emotivamente, i pazienti possono provare vergogna per non aver gestito prima il loro diabete e sentirsi in colpa per il peso delle cure sui loro cari.

Pertanto, i problemi psicologici nel paziente con piede diabetico richiedono la nostra attenzione. Ad esempio, se qualcuno è depresso, potrebbe non sentirsi motivato ad autogestirsi. Molti dei pazienti che Catherine vede hanno problemi con il mangiare, che si tratti di un’alimentazione eccessiva, di una dieta povera o di ammalarsi dopo aver mangiato. Si osserva anche ansia sociale e ciò può comportare un ritardo nella ricerca del trattamento. I pazienti hanno anche i mezzi per autolesionarsi con così tanti farmaci a loro disposizione.

Vede molti pazienti che hanno avuto esperienze infantili avverse, come essere cresciuti in cura, e hanno fattori di stress duraturi. Altri hanno problemi psicologici, del neurosviluppo, cognitivi e sociali come difficoltà di apprendimento e abuso di sostanze. La comorbilità è comune, come la perdita della vista e l’insufficienza renale.

Per quanto riguarda l’amputazione, Catherine ha delineato i problemi che incontra con questi pazienti prima e dopo l’intervento chirurgico, come perdita e adattamento, traumi, far fronte alla perdita del lavoro o al cambiamento di ruolo, problemi di immagine corporea, auto-abbandono e sabotaggio della riabilitazione.

Il suo lavoro con questi pazienti prevede valutazioni intraprese congiuntamente con il team medico sulla loro idoneità all’amputazione, normalizzazione della paura e del dolore, coinvolgendoli in gruppi di supporto, aiutando i pazienti a comunicare con la famiglia e gli amici sulla loro amputazione e aiutando a costruire la resilienza e l’auto-compassione .

Successivamente, ha segnalato l’importante questione delle disuguaglianze sanitarie. La sua esperienza dei pazienti che vedono nella clinica del piede diabetico è che sono comunemente più anziani, principalmente maschi single che sono spesso lavoratori manuali che lavorano in piedi come chef, guardie di sicurezza e addetti alle pulizie. C’è povertà finanziaria e indennità di malattia limitata, povertà digitale con conseguente difficoltà a impegnarsi con i servizi medici, alti livelli di non aderenza medica, problemi sociali come problemi abitativi e difficoltà a navigare nelle lotterie dei codici postali quando si tratta di servizi.

Qui, ha posto tre domande. Perché questi pazienti non vengono prelevati prima? Perché le barriere che devono affrontare non vengono riconosciute? Perché stanno scivolando attraverso la rete e finiscono con complicazioni del piede diabetico? Purtroppo, ha detto, non ha le risposte.

Entrando più in dettaglio sul suo ruolo all’interno dell’MDT, fornisce formazione e consulenza sui casi, aiuta il personale a riflettere sulla propria pratica e ha introdotto lo screening di routine.

Il team di una clinica per il piede diabetico ha un gruppo di pazienti molto difficile, ha detto. Il lavoro è spesso guidato dalla crisi, con pazienti che arrivano con sintomi di emergenza o da pronto soccorso, e l’attenzione è molto concentrata sul piede. Parte del suo ruolo è far sì che tutti pensino all’intera persona.

Supporta la clinica per porre le domande difficili sul benessere di un paziente. Questo è difficile se non si dispone di un processo di screening in atto, ha detto, poiché il personale potrebbe essere riluttante ad aprire “Il vaso di Pandora”; sono preoccupati di stigmatizzare/alienare un paziente e il benessere a volte è alla fine della loro lista di controllo. Nella sua clinica, tutti i nuovi pazienti ora completano una breve misura di screening del disagio diabetico (incorporata insieme alle domande mediche).

Ci sono anche elevate esigenze emotive e psicologiche per il personale poiché non è facile lavorare con la sofferenza umana e i pazienti complessi, quindi anche il loro benessere deve essere curato. La pandemia ha significato affrontare alti tassi di mortalità tra i pazienti, con alcuni dei quali il personale avrà avuto relazioni di lunga data e hanno bisogno di strategie per proteggersi dal burnout.

Un’altra area del suo lavoro è il linguaggio usato in clinica, in particolare la consegna di cattive notizie. Le parole sbagliate o una consultazione affrettata possono far sentire i pazienti come un fallimento, ha detto, e quindi le sue raccomandazioni sono che ciò avvenga in uno spazio privato, le loro opzioni sono scritte in quanto potrebbero essere troppo stressate per ricordarle, i numeri di supporto dovrebbero essere data, dovrebbe essere offerta l’offerta di familiari/amici per ascoltare, così come la possibilità di porre domande in un secondo momento.

In risposta alla domanda “i non psicologi possono offrire ai pazienti supporto emotivo?”, Catherine ha detto che la risposta è sì. Ci sono risorse come corsi di formazione per supportare interventi brevi e tutti i membri del personale possono ascoltare i loro pazienti e lo fanno. Tuttavia, avere uno psicologo nel team aiuta i membri del personale a supportare le loro capacità di ascolto e riflettere sui loro casi.

Ha fatto riferimento al rapporto Troppo spesso mancante , che ha rilevato che il supporto emotivo e psicologico deve essere parte integrante di tutta la cura del diabete e che è necessario un maggiore accesso al supporto specialistico per la salute mentale del diabete. Non ci sono abbastanza psicologi che lavorano nel diabete e certamente non abbastanza nelle cliniche del piede. I team generali di salute mentale hanno spesso una conoscenza limitata del diabete.

In sintesi, ha detto, il disagio emotivo ha un impatto sull’autogestione e dobbiamo inserire gli psicologi nei team di diabetici; lo screening rileva prima il disturbo diabetico e il ruolo dello psicologo è quello di costruire un servizio psicologicamente informato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: