Benessere

Circa il 30% dei pazienti COVID sviluppa “Covid lungo”, rileva la ricerca dell’UCLA

Adv

Una nuova ricerca dell’UCLA rileva che il 30% delle persone trattate per COVID-19 ha sviluppato sequele post acute di COVID-19 (PASC), più comunemente noto come “Covid lungo“. Le persone con una storia di ospedalizzazione, diabete e indice di massa corporea più elevato avevano maggiori probabilità di sviluppare la condizione, mentre quelle coperte da Medicaid, al contrario dell’assicurazione sanitaria commerciale, o avevano subito un trapianto d’organo avevano meno probabilità di svilupparla. Sorprendentemente, l’etnia, l’età avanzata e lo stato socioeconomico non erano associati alla sindrome, anche se tali caratteristiche sono state collegate a una malattia grave e un maggiore rischio di morte per COVID-19.

Adv

Delle 309 persone con COVID lungo studiate, i sintomi più persistenti erano affaticamento e mancanza di respiro (31% e 15%, rispettivamente) nelle persone ricoverate e perdita dell’olfatto (16%) in pazienti ambulatoriali.

SFONDO

L’incidenza e i fattori di rischio di Long COVID, e persino come definire la sindrome, sono rimasti poco chiari durante la pandemia. I ricercatori hanno cercato di valutare la sua associazione con i dati demografici e le caratteristiche cliniche al fine di ideare i trattamenti più efficaci.

METODO

I ricercatori dell’UCLA hanno studiato 1.038 persone che sono state iscritte al programma ambulatoriale COVID dell’UCLA tra aprile 2020 e febbraio 2021. Di queste, 309 hanno sviluppato Long COVID. Una persona è stata determinata ad avere la sindrome se ha riportato sintomi persistenti nei questionari 60 o 90 giorni dopo l’infezione o il ricovero in ospedale.

I potenziali punti deboli dello studio includono la natura soggettiva del modo in cui i pazienti hanno valutato i loro sintomi, il numero limitato di sintomi valutati dai ricercatori e le informazioni limitate sulle condizioni preesistenti dei pazienti.

IMPATTO

“Questo studio illustra la necessità di seguire longitudinalmente diverse popolazioni di pazienti per comprendere la traiettoria della malattia Long COVID e valutare come fattori individuali come comorbidità preesistenti, fattori sociodemografici, stato vaccinale e tipo di variante del virus influenzano il tipo e la persistenza dei sintomi Long COVID “, ha affermato il dottor Sun Yoo, assistente professore clinico di scienze della salute presso la David Geffen School of Medicine dell’UCLA e direttore medico del programma estensivo. “Lo studio dei risultati in un unico sistema sanitario può ridurre al minimo le variazioni nella qualità dell’assistenza medica. Il nostro studio solleva anche domande come: perché i pazienti con assicurazione commerciale avevano il doppio delle probabilità di sviluppare COVID lungo rispetto ai pazienti assicurati tramite Medicaid? Poiché i sintomi persistenti possono essere di natura soggettiva, abbiamo bisogno di strumenti migliori per diagnosticare con precisione il COVID lungo e per differenziarlo dalle esacerbazioni di altre condizioni emergenti o croniche. Infine, dobbiamo garantire un accesso equo alle cure ambulatoriali per il lungo COVID”.

Categorie:Benessere

Con tag:,,