Donne e diabete

I consigli della nonna: l’abbassamento dell’HbA1c durante la gravidanza può ridurre i rischi di esiti neonatali avversi

Adv

Riducendo l’HbA1c durante la gravidanza, le donne con diabete pregestazionale possono ridurre i rischi di avere un bambino nato grande per l’età gestazionale o con ipoglicemia neonatale, secondo i risultati dello studio pubblicato su Diabetic Medicine .

pregnant woman, pregnancy, pregnant

I ricercatori hanno condotto uno studio di coorte retrospettivo su 347 donne con diabete pregestazionale di tipo 1 o di tipo 2 che hanno frequentato l’Ohio State University Wexner Medical Center dal 2012 al 2016. Donne con diagnosi di diabete o HbA1c superiore al 6,5% entro 12 settimane dall’ultimo periodo mestruale erano inclusi. La gravidanza iniziale includeva i valori di HbA1c raccolti durante le prime 19 settimane di gestazione e la gravidanza avanzata includeva i valori di HbA1c raccolti a 20 settimane o più tardi. I ricercatori hanno analizzato il cambiamento di HbA1c dall’inizio alla fine della gravidanza per ogni partecipante. Gli esiti primari dello studio erano bambini nati grandi per l’età gestazionale o con ipoglicemia neonatale.

Delle donne incluse nello studio, il 65% aveva il diabete di tipo 2 e il 35% aveva una diagnosi di diabete di tipo 1. La coorte ha avuto una riduzione media di HbA1c dal 7,5% all’inizio della gravidanza al 6,4% alla fine della gravidanza. L’HbA1c media era più alta tra le donne con diabete di tipo 1 rispetto a quelle con diabete di tipo 2 alla fine della gravidanza (6,9% contro 6,2%; P <.001), ma non c’era differenza significativa tra i tipi di diabete all’inizio della gravidanza.

Della coorte, il 30% aveva alla nascita bambini grandi per l’età gestazionale e il 35% aveva un neonato con ipoglicemia neonatale. Ogni diminuzione dello 0,5% di HbA1c dall’inizio della gravidanza alla fine della gravidanza era associata a un rischio inferiore di avere un bambino grande per l’età gestazionale (RR aggiustato = 0,88; IC 95%, 0,81-0,95) o un bambino con ipoglicemia neonatale (aRR = 0,93 ; IC 95%, 0,87-0,99).

Nascite pretermine a meno di 37 settimane dall’inizio della gravidanza sono state osservate nel 36% dei bambini e il 55% dei bambini è stato ricoverato in terapia intensiva neonatale alla nascita. Ogni diminuzione dello 0,5% dell’HbA1c dall’inizio alla fine della gravidanza ha ridotto il rischio di una donna di avere un parto pretermine (aRR = 0,93; IC 95%, 0,89-0,98) o di far ricoverare il proprio bambino in terapia intensiva neonatale (aRR = 0,95; IC 95% , 0,91-0,98).

“Una riduzione dell’HbA1c durante la gravidanza può essere un’utile misura di risposta agli interventi clinici volti al controllo glicemico e può anche significare una riduzione del rischio di esiti avversi perinatali al momento del parto”, hanno scritto i ricercatori. “Tuttavia, è importante notare che non sono stati condotti studi per dimostrare i rischi e i benefici dell’utilizzo di bersagli HbA1c in gravidanza per il controllo glicemico. Inoltre, sono necessarie ulteriori ricerche per definire se un calo netto dell’HbA1c rispetto al raggiungimento di un valore soglia sia più predittivo della riduzione del rischio di esiti avversi della gravidanza e in quali specifici momenti l’HbA1c dovrebbe essere valutato.

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: