Assistenza sociosanitaria

Conseguenze occupazionali nel diabete di tipo 1

Adv

Secondo una ricerca presentata dalla dott.ssa Andrea Dehn-Hindenberg della Scuola di medicina di Hannover in Germania, le madri di bambini con diabete affrontano molte sfide nei loro contesti lavorativi.

Il diabete è una condizione persistente che richiede un monitoraggio regolare per limitare le conseguenze negative. Quando a un bambino viene diagnosticato il diabete, l’autogestione della malattia è spesso inimmaginabile. Pertanto, la gestione della condizione è condotta dai tutori di quei bambini. Sebbene le opzioni di trattamento siano vaste e piene di nuovi progressi, il trattamento dei bambini è un compito noioso e faticoso per i tutori. A loro viene spesso affidato il compito di curare il diabete in modo coerente, fornendo al contempo un’adeguata educazione e supporto al resto della famiglia. Finiscono anche per adeguare la loro vita quotidiana e le loro esigenze lavorative. È stato dimostrato che i fattori psicosociali familiari influenzano i risultati del diabete nei bambini di conseguenza,

Adv

Questo studio ha cercato di indagare sui problemi finanziari e lavorativi dei genitori in seguito all’insorgenza del diabete di tipo 1 da parte dei loro figli. Questo studio mirava a evidenziare gli oneri che derivano dal diabete di tipo 1 sulle famiglie e a fornire le informazioni necessarie agli sviluppatori di tecnologie e ai responsabili politici per migliorare la qualità della vita di questi individui. La dott.ssa Dehn-Hindenberg e i suoi colleghi hanno presentato questa ricerca al Journal of Diabetes Care per esaminare e riassumere i benefici in questa popolazione di pazienti. I partecipanti a questo studio includevano madri, padri e operatori sanitari primari di adolescenti con diabete di tipo 1 che hanno visitato uno dei nove centri pediatrici locali per i controlli. Figli dei pazienti eleggibili di età inferiore o uguale a 14 anni, durata del diabete per un anno, e gli operatori sanitari hanno dovuto comprendere la lingua tedesca per completare il questionario. Il questionario ha coinvolto le componenti occupazionali e finanziarie dei caregiver dalla diagnosi di diabete del loro bambino. Comprendeva lo stato lavorativo di entrambi i genitori, le attività di impegno professionale e la perdita finanziaria dalla diagnosi. Le occupazioni sono state classificate in quattro gruppi in base al totale delle ore lavorate settimanali. I dati sono stati presentati come medie, deviazioni standard, numeri assoluti e percentuali. Le differenze di gruppo sono state misurate utilizzando test del chi quadrato, test di rango di Wilcoxon, test U di Mann-Whitney e test di regressione logistica. È stato utilizzato il software statistico SPSS e la significatività è stata impostata su un valore p a due code inferiore a 0,05. Il questionario ha coinvolto le componenti occupazionali e finanziarie dei caregiver dalla diagnosi di diabete del loro bambino. Comprendeva lo stato lavorativo di entrambi i genitori, le attività di impegno professionale e la perdita finanziaria dalla diagnosi. Le occupazioni sono state classificate in quattro gruppi in base al totale delle ore lavorate settimanali. I dati sono stati presentati come medie, deviazioni standard, numeri assoluti e percentuali. Le differenze di gruppo sono state misurate utilizzando test del chi quadrato, test di rango di Wilcoxon, test U di Mann-Whitney e test di regressione logistica. È stato utilizzato il software statistico SPSS e la significatività è stata impostata su un valore p a due code inferiore a 0,05. Il questionario ha coinvolto le componenti occupazionali e finanziarie dei caregiver dalla diagnosi di diabete del loro bambino. Comprendeva lo stato lavorativo di entrambi i genitori, le attività di impegno professionale e la perdita finanziaria dalla diagnosi. Le occupazioni sono state classificate in quattro gruppi in base al totale delle ore lavorate settimanali. I dati sono stati presentati come medie, deviazioni standard, numeri assoluti e percentuali. Le differenze di gruppo sono state misurate utilizzando test del chi quadrato, test di rango di Wilcoxon, test U di Mann-Whitney e test di regressione logistica. È stato utilizzato il software statistico SPSS e la significatività è stata impostata su un valore p a due code inferiore a 0,05. I dati sono stati presentati come medie, deviazioni standard, numeri assoluti e percentuali. Le differenze di gruppo sono state misurate utilizzando test del chi quadrato, test di rango di Wilcoxon, test U di Mann-Whitney e test di regressione logistica. È stato utilizzato il software statistico SPSS e la significatività è stata impostata su un valore p a due code inferiore a 0,05. I dati sono stati presentati come medie, deviazioni standard, numeri assoluti e percentuali. Le differenze di gruppo sono state misurate utilizzando test del chi quadrato, test di rango di Wilcoxon, test U di Mann-Whitney e test di regressione logistica. È stato utilizzato il software statistico SPSS e la significatività è stata impostata su un valore p a due code inferiore a 0,05.

Un totale di 1192 partecipanti ha accettato di completare il questionario. Tuttavia, 1144 partecipanti sono stati inclusi nel campione finale. L’82% degli intervistati nel questionario erano madri. L’età media dei bambini era di 6,7 anni e la durata del diabete era di 5,9 anni. Al momento dell’indagine, il 62,5% aveva dai sei ai dieci anni, mentre il 45% aveva dagli 11 ai 14 anni. Prima della diagnosi di diabete nei figli, il 22,8% delle madri lavorava a tempo pieno. Tra queste madri, il 15,1% ha smesso di lavorare dopo la diagnosi del figlio. Il 91% dei padri lavorava a tempo pieno prima e dopo la diagnosi nei figli. I genitori hanno anche segnalato vincoli al loro sviluppo professionale. Il 50,7% delle madri ha dichiarato di aver subito un impatto negativo a causa del diabete del proprio figlio. Il 95,9% dei padri non ha segnalato alcun cambiamento nel proprio sviluppo professionale.

In conclusione, dovrebbero essere condotti ulteriori studi per valutare le vaste componenti dell’assistenza agli adolescenti con diabete di tipo uno. Questo studio aiuta a fornire maggiori informazioni sulle complicazioni che possono interessare quelli in questa popolazione di pazienti. Secondo il dottor Dehn-Hindenberg, “i risultati dimostrano che le madri, piuttosto che i padri, hanno compromesso il loro successo professionale per fornire assistenza ai loro figli con diabete”. I risultati suggeriscono la necessità di condurre ulteriori studi per rafforzare questi risultati. I limiti di questo studio includono il bias di richiamo dovuto all’uso dell’auto-segnalazione. Infine, un’altra possibile limitazione è che la maggior parte degli intervistati essendo madri avrebbe potuto portare a qualche pregiudizio. Pertanto, un’equa divisione della cura del diabete all’interno delle famiglie potrebbe fornire sollievo ai genitori e alle loro responsabilità.

Riferimenti

Dehn-Hindenberg, Andrea, et al. “Conseguenze occupazionali a lungo termine per le famiglie di bambini con diabete di tipo 1: le madri si prendono l’onere”. Diabetes Care , vol. 44, n. 12, 2021, pp. 2656–2663., link

Sundberg, Frida, et al. “Gestire il diabete nei bambini in età prescolare”. (2017). collegamento

Iversen, Anne Solveig, et al. “Essere madri e padri di un bambino con diabete di tipo 1 di età compresa tra 1 e 7 anni: uno studio fenomenologico delle esperienze dei genitori”. Rivista internazionale di studi qualitativi su salute e benessere  13.1 (2018): 1487758. link

Kmeone Kingdom, MPH, PharmD Candidate, South College School of Pharmacy