Batticuore

Le persone con diabete e declino cognitivo possono essere a maggior rischio di malattie cardiache

Adv

Close up photo of frustrated guy looking wearing brown shirt eyewear eyeglasses isolated over blue background

Persone con diabete di tipo 2 che hanno un deterioramento cognitivo potrebbe essere a maggior rischio di ictus, infarto o morte rispetto ad altri individui con diabete, secondo un nuovo studio pubblicato nel  Journal of Clinical Endocrinology and Metabolism della Endocrine Society .Il deterioramento cognitivo è quando una persona ha difficoltà a ricordare, imparare cose nuove, concentrarsi o prendere decisioni che influiscono sulla sua vita quotidiana. Più di 16 milioni di persone negli Stati Uniti vivono con un deterioramento cognitivo e l’età è il più grande fattore di rischio. Il deterioramento cognitivo varia da lieve a grave ed è stato associato al morbo di Alzheimer, malattie cardiache, ictus e diabete.“Il nostro studio ha rilevato punteggi bassi nei test cognitivi predittivi di malattie cardiache nelle persone con diabete e altri fattori di rischio cardiaco”, ha affermato il coautore Hertzel C. Gerstein, MD, della McMaster University di Hamilton, in Canada. “Sebbene la spiegazione di ciò rimanga poco chiara, a questi pazienti dovrebbero essere offerti farmaci per il cuore collaudati per ridurre il rischio futuro di infarto o ictus”.I ricercatori hanno valutato la relazione tra la funzione cognitiva e gli eventi cardiovascolari futuri in 8.772 persone con diabete di tipo 2 dello studio REWIND durante più di cinque anni di follow-up. Hanno scoperto che le persone con il livello più basso di funzione cognitiva avevano un rischio maggiore di infarto e ictus rispetto a quelle con livelli più elevati di funzione cognitiva.Le persone con grave deterioramento cognitivo avevano fino a 1,6 volte più probabilità di sperimentare eventi cardiovascolari avversi maggiori e 1,8 volte più probabilità di subire un ictus o morire rispetto alle persone senza deterioramento cognitivo. Questi risultati suggeriscono che la funzione cognitiva potrebbe prevedere il rischio futuro di malattie cardiache di una persona.Altri autori di questo studio includono: Tali Cukierman-Yaffe dell’Università di Tel Aviv a Tel Aviv, Israele; Stephanie Hall, Purnima Rao-Melacini e Chinthanie Ramasundarahettige della McMaster University di Hamilton, Canada; Jan Basile del Ralph H. Johnson VA Medical Center di Charleston, SC; M. Angelyn Bethel e Mark Lakshmanan di Eli Lilly and Company a Indianapolis, Ind.; Ernesto G. Cardona-Muñoz del Centro Universitario de Ciencias de la Salud a Guadalajara, Messico; Ignacio Conget dell’Hospital Clínic de Barcelona a Barcellona, ??Spagna; Gilles Dagenais della Laval University di Quebec City, Canada; Edward Franek del Central Clinical Hospital del Ministero dell’Interno e dell’Amministrazione a Varsavia, Polonia; Nicolae Hancu dell’Università di Medicina e Farmacia Iuliu Hatieganu a Cluj Napoca, Romania; Petr Jansky del Motol University Hospital di Praga; Fernando Lanas dell’Universidad de La Frontera di Temuco, Cile; Lawrence A. Leiter dell’Università di Toronto a Toronto, Canada; Patricio Lopez Jaramillo dell’Università di Santander a Bucaramanga, Colombia; Valdis Pirags del Pauls Stradi?š Clinical University Hospital di Riga, Lettonia; Nana Pogosova del National Medical Research Center of Cardiology di Mosca, Russia; Jeffrey Probstfield dell’Università di Washington a Seattle, Washington; Peter J. Raubenheimer dell’Università di Cape Town a Cape Town, Sud Africa; Matthew C. Riddle della Oregon Health & Science University di Portland, Oregon; Lars Rydén del Karolinska Institute di Stoccolma, Svezia; Jonathan E. Shaw del Baker Heart and Diabetes Institute di Melbourne, Australia; Wayne HH Sheu del Taichung Veterans General Hospital di Taichung, Taiwan; e Theodora Temelkova-Kurktschiev del Robert Koch Medical Center di Sofia, Bulgaria.Lo studio ha ricevuto finanziamenti da Eli Lilly and Company.Il manoscritto,  “Novel Indices of Cognitive Impairment and Incident Cardiovascular Outcomes in the REWIND Trial”,  è stato pubblicato online, prima della stampa.# # #Gli endocrinologi sono al centro della risoluzione dei problemi di salute più urgenti del nostro tempo, dal diabete e obesità all’infertilità, alla salute delle ossa e ai tumori ormonali. La Endocrine  Society è l’organizzazione più antica e più grande del mondo di scienziati dediti alla ricerca sugli ormoni e medici che si prendono cura delle persone con malattie legate agli ormoni.La Società conta più di 18.000 membri, tra cui scienziati, medici, educatori, infermieri e studenti in 122 paesi. Per saperne di più sulla Società e sul campo dell’endocrinologia, visitare il nostro sito all’indirizzo  www.endocrine.org . Seguici su Twitter a  @TheEndoSociety  e  EndoMedia .

Adv