Benessere

Come i parchi e gli spazi verdi possono migliorare la tua salute

Adv

I parchi e gli spazi verdi offrono una varietà di benefici per la salute promuovendo l’attività fisica, il collegamento con la natura e le opportunità di coinvolgimento della comunità. I programmi basati sulla natura possono anche essere prescritti dagli operatori sanitari come parte di piani di trattamento alternativi ed economici.

Adv

In un articolo pubblicato di recente sul North Carolina Medical Journal, Lincoln Larson e Aaron Hipp, professori associati di gestione dei parchi, delle attività ricreative e del turismo presso l’NC State, forniscono una panoramica di come i parchi e gli spazi verdi possono aiutare ad alleviare le sfide sanitarie contemporanee.

Di recente abbiamo parlato con Larson e Hipp per saperne di più sul valore di questi spazi, sui programmi che ne traggono vantaggio e sulle questioni di equità che esistono in relazione all’accessibilità.

Cosa definisce uno spazio verde?

Larson e Hipp: gli spazi verdi possono essere definiti in molti modi, da stretti (ad es. aree boschive) a ampi (ad es. qualsiasi paesaggio che includa alcuni elementi naturali , come un cortile o persino alberi di strada).

In generale, ci piace pensare allo spazio verde come a un termine che include sia gli ecosistemi naturali che le componenti chiave dell’ambiente costruito come parchi pubblici , strade verdi, giardini e foreste, nonché cortili privati ??e altre aree naturali.

In che modo questi spazi influiscono positivamente sulla salute fisica?

Larson e Hipp: poiché i benefici forniti dai parchi e dagli spazi verdi sono generalmente gratuiti e accessibili al pubblico, rappresentano un’alternativa economicamente vantaggiosa e/o un supplemento alle strategie convenzionali di promozione della salute. Questi spazi sono particolarmente importanti per la salute fisica . Creano ambienti che supportano stili di vita attivi e migliorano l’accesso alle opportunità di esercizio. Migliorano anche la salute cardiovascolare mitigando fattori di rischio come livelli elevati di colesterolo, ipertensione e obesità.

In alcuni casi (si pensi agli orti comunitari e ai mercati degli agricoltori ospitati), i parchi possono anche favorire abitudini alimentari sane. E forniscono una varietà di servizi ecosistemici migliorando la qualità dell’aria, regolando la temperatura e attenuando gli impatti delle intemperie, tutti fattori che influiscono anche sulla nostra salute. Questi benefici possono quindi essere sperimentati sia dalle persone che si trovano fisicamente nei parchi e negli spazi verdi (ad esempio, che corrono in un parco ) sia dalle comunità che vivono vicino ad essi (ad esempio, la qualità dell’aria e la regolazione della temperatura).

Quali benefici per la salute mentale offrono questi spazi?

Larson e Hipp: i parchi e gli spazi verdi offrono anche numerosi benefici per la salute mentale. Le persone che trascorrono più tempo nella natura godono di un miglioramento del funzionamento e dell’attenzione cognitiva e di una riduzione dello stress. Hanno anche meno probabilità di mostrare disturbi d’ansia e depressione e hanno maggiori probabilità di segnalare alti livelli di felicità e benessere.

È stato anche dimostrato che il collegamento con la natura e gli spazi verdi migliora lo sviluppo positivo dei giovani. I parchi offrono vantaggi anche a comunità più ampie, fornendo spazi in cui le persone si riuniscono e interagiscono per costruire la coesione sociale e promuovere il capitale sociale.

La copertura del suolo verde produce anche benefici economici ed è stata collegata a livelli più bassi di spesa sanitaria e livelli più elevati di benessere e sicurezza finanziaria. Questi benefici sono stati particolarmente evidenti durante la pandemia di COVID-19, dove gli individui e le comunità che hanno avuto accesso a parchi e spazi verdi hanno dimostrato migliori risultati per la salute e una maggiore capacità di far fronte rispetto a coloro che non erano in grado di utilizzare o accedere a queste aree.

Quali problemi di equità esistono intorno alla realizzazione di questi benefici per la salute in tutte le comunità?

Larson e Hipp: Nonostante l’immensa capacità dei parchi e degli spazi verdi di migliorare i risultati sanitari, queste risorse spesso rimangono distribuite in modo iniquo tra diverse comunità. I quartieri con un’ampia percentuale di residenti a basso reddito o minoranze razziali/etniche in genere hanno un accesso limitato a parchi e spazi verdi di qualità, inclusa una programmazione limitata all’interno degli spazi.

Anche quando i parchi si trovano in queste comunità, tendono ad essere di qualità inferiore e quindi sono spesso utilizzati meno frequentemente. Queste disparità sono cresciute solo durante la pandemia di COVID-19, sottolineando la necessità di garantire che i benefici dei parchi e degli spazi verdi siano accessibili e goduti da tutti i segmenti della società.

In che modo i parchi e gli spazi verdi possono essere sfruttati per sostenere la salute della comunità?

Larson e Hipp: Man mano che sempre più persone riconoscono il potenziale di promozione della salute dei parchi, sono stati progettati numerosi programmi, strumenti e iniziative per sfruttare queste opportunità. Esempi di sforzi per accentuare queste connessioni includono l’iniziativa “Healthy Parks Healthy People” del National Park Service, il movimento “Leave No Child Inside” e l’aumento dei programmi di prescrizione della natura (o Park Rx) progettati per formalizzare i benefici per la salute degli spazi esterni attraverso una prescrizione scritta di un operatore sanitario.

Anche le nuove partnership stanno giocando un ruolo sempre più importante. Nella Carolina del Nord, ad esempio, “Let’s Move Libraries” è una risorsa dell’UNC-Greensboro per collegare le biblioteche pubbliche alle opportunità di vita attiva all’aperto e i programmi 4-H Youth Development gestiti attraverso uffici di estensione cooperativa in ogni contea aiutano i giovani a connettersi con la natura . Le iniziative Play Streets e Open Streets che aumentano l’accesso a opportunità ricreative all’aperto sicure evidenziano un’altra tendenza creativa verso la promozione della salute all’aperto e basata sulla natura durante la pandemia.

Sebbene le sfide persistano, i benefici per la salute generati dai parchi e dagli spazi verdi potrebbero essere più evidenti ora, durante la pandemia di COVID-19, che mai. In questo momento critico, dobbiamo abbracciare il valore degli interventi basati sulla natura sia a livello individuale (p. es., più tempo all’aperto e prescrizioni Park Rx per i pazienti) sia a livello di comunità (p. es., politiche e programmi che facilitino connessioni eque ai parchi e al verde spazio). Sebbene siano necessarie ulteriori ricerche, le prove attuali sono chiare: elevare il ruolo dell’accesso allo spazio verde e della qualità nella pianificazione, nelle politiche e nel processo decisionale in contesti diversi potrebbe portare alla fine a una popolazione più sana e felice.

Categorie:Benessere

Con tag:,,,

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.