Batticuore

L’esposizione all’inquinamento atmosferico può causare infarto entro un’ora

Adv

L’esposizione agli inquinanti atmosferici, anche a livelli inferiori alle linee guida sulla qualità dell’aria dell’Organizzazione mondiale della sanità, può scatenare un infarto entro un’ora, secondo un nuovo studio cinese che ha rilevato che i rischi erano più alti tra le persone anziane e quando il clima era più freddo.

Adv

Lo studio ha rilevato che l’esposizione a qualsiasi livello di quattro comuni inquinanti atmosferici potrebbe innescare rapidamente l’insorgenza della sindrome coronarica acuta. SCA è un termine generico che descrive qualsiasi situazione in cui il sangue fornito al muscolo cardiaco è bloccato, come in un attacco di cuore o in un’angina instabile, dolore toracico causato da coaguli di sangue che bloccano temporaneamente un’arteria. Il rischio più forte si è verificato entro la prima ora dall’esposizione ed è diminuito nel corso della giornata.

“Gli effetti cardiovascolari avversi dell’inquinamento atmosferico sono stati ben documentati. Ma siamo rimasti comunque sorpresi dagli effetti molto rapidi”, ha affermato Haidong Kan, professore presso la School of Public Health dell’Università Fudan di Shanghai. Ha condotto lo studio pubblicato venerdì sulla rivista Circulation dell’American Heart Association .

“Un’altra sorpresa sono stati gli effetti non soglia dell’inquinamento atmosferico”, ha detto. “In altre parole, qualsiasi concentrazione di inquinanti atmosferici (come particolato fine, biossido di azoto, biossido di zolfo e monossido di carbonio ) registrata nel presente studio potrebbe avere il potenziale per innescare l’insorgenza di un infarto”.

L’esposizione al particolato fine – solidi microscopici o goccioline liquide che provengono da emissioni di automobili, centrali elettriche , cantieri e altre fonti di inquinamento – è stata inequivocabilmente collegata a malattie cardiache , ictus e altri problemi di salute, oltre a 4,2 milioni di morti premature in tutto il mondo . Queste particelle possono essere così piccole che, se inalate, possono penetrare in profondità nei polmoni o persino nel flusso sanguigno.

Nel nuovo studio, i ricercatori hanno analizzato i dati medici di quasi 1,3 milioni di persone curate per attacchi di cuore e angina instabile in 2.239 ospedali in 318 città cinesi tra il 2015 e il 2020. Hanno confrontato i tempi di insorgenza oraria degli eventi cardiaci con le concentrazioni di particolato fine, particolato grossolano materia, biossido di azoto, biossido di zolfo, monossido di carbonio e ozono.

L’esposizione a breve termine a qualsiasi livello di particolato fine, biossido di azoto, biossido di zolfo e monossido di carbonio è stata associata all’insorgenza di tutti i tipi di sindrome coronarica acuta.

Con l’aumento dei livelli degli inquinanti studiati, è aumentato anche il rischio di infarti. L’esposizione al biossido di azoto era più fortemente associata, seguita dal particolato fine , ed era più pericolosa durante la prima ora dopo l’esposizione. Il legame era più forte tra gli adulti di età pari o superiore a 65 anni senza storia di fumo o altre malattie respiratorie e per le persone esposte durante i mesi più freddi.

“Gli effetti cardiovascolari dell’inquinamento atmosferico dovrebbero essere una seria preoccupazione per tutti, compresi i responsabili politici, i medici e gli individui”, ha affermato Kan. “Per i responsabili politici, i nostri risultati sottolineano la necessità di rafforzare ulteriormente gli standard di qualità dell’aria, un controllo più rigoroso dell’inquinamento atmosferico e una pronta risposta della salute pubblica”.

Lo studio è il primo a stabilire un legame tra esposizione all’inquinamento e attacchi di cuore su base oraria, ha affermato il dottor Sanjay Rajagopalan, direttore del Cardiovascular Research Institute presso la Case Western Reserve University di Cleveland. Rajagopalan non è stato coinvolto nello studio.

“Gli autori sono stati in grado di dimostrare con un discreto grado di certezza che i livelli di inquinamento atmosferico nell’ora dell’infarto erano fortemente correlati ai livelli di inquinamento atmosferico durante quella stessa ora”, ha affermato. “Questo suggerisce che l’adozione di misure protettive quando i livelli di inquinamento atmosferico sono elevati potrebbe aiutare a prevenire gli attacchi di cuore”.

Rajagopalan è stato coautore di una dichiarazione scientifica dell’AHA nel 2020 su come ridurre l’esposizione all’inquinamento atmosferico. Le strategie includono la chiusura delle finestre e l’uso di filtri dell’aria portatili e filtri dell’aria condizionata integrati, nonché respiratori personali per la purificazione dell’aria che coprono il naso e la bocca per le persone ad alto rischio.

Anche le maschere adeguatamente montate, come quelle utilizzate per prevenire la diffusione del COVID-19, possono aiutare, ha affermato Rajagopalan.

“Uno degli aspetti positivi di COVID-19 è l’uso diffuso delle maschere N95”, ha affermato. “Questi sono molto bravi a ridurre l’esposizione al particolato. Ti impediranno di inalarle.”

Sebbene questo studio sia stato condotto in Cina, che ha una delle peggiori qualità dell’aria al mondo, i risultati sono ancora significativi per altri paesi, ha affermato Kan.

Il fatto che non vi fosse alcuna soglia di inquinamento – nessun minimo che fosse sicuro – suggerisce che i risultati possono essere applicati a paesi con livelli più bassi di inquinamento atmosferico, come gli Stati Uniti, ha affermato. “Tuttavia, gli effetti di specifici inquinanti atmosferici sull’ACS devono essere replicati date le apparenti differenze delle caratteristiche dell’inquinamento atmosferico e della vulnerabilità della popolazione”.