Mangiare e bere

Grassi alimentari, alimentazione umana e ambiente: equilibrio e sostenibilità

Adv

Un nuovo studio dell’Università e ricerca di Wageningen e dell’Università Carlo di Praga considera le conseguenze sia nutrizionali che ambientali al fine di gettare una nuova luce su oli e grassi alimentari. Piuttosto che considerare tutti questi grassi semplicemente dannosi per la nostra salute, sottolinea l’importanza dei grassi nelle diete sane, specialmente tra le persone denutrite, e la necessità di fare scelte sagge tra fonti di grasso vegetali e animali per quanto riguarda la salute planetaria e umana.

Adv

Scegliere le giuste fonti di oli e grassi implica un complesso equilibrio di problemi sfumati e mutevoli. Sebbene studi recenti indichino che i grassi saturi degli animali non sono così malsani come spesso affermato, l’impatto ambientale dei grassi animali provenienti da latticini, lardo, sego e altre fonti tendono ad essere molto maggiori di quelli delle piante. Ma anche tra i grassi vegetali, le nostre scelte hanno importanti implicazioni. Olio di palma, olio di coccoe l’olio di arachidi sono oli importanti a prezzi accessibili nelle parti del mondo con i maggiori “divari di grasso” – la differenza tra quanto consumiamo e quanto dovremmo consumare in una dieta sana. Ma il rovescio della medaglia è che si è visto che l’espansione delle colture ha un impatto negativo sulle foreste tropicali e sulla biodiversità. La maggior parte della soia, della colza e del girasole vengono coltivati ??nelle parti più ricche e temperate del mondo e sono associati a flussi di azoto eccessivi e ad alcuni cambiamenti significativi del sistema terrestre, come l’espansione della soia nelle foreste e nelle savane sudamericane.

Lo studio pubblicato su Frontiers in Nutrition è di grande attualità con la guerra in Ucraina e il suo impatto sulla produzione russa e ucraina di olio di girasole, avendo innescato importanti aumenti di prezzo per gli oli vegetali. Il nuovo studio fornisce un quadro per prevedere quali potrebbero essere le implicazioni dei cambiamenti nella produzione e nel commercio di petrolio sulle persone povere e denutrite e sull’ambiente globale.

Olio di cocco

Douglas Sheil, autore senior e professore all’Università e ricerca di Wageningen, ha dichiarato: “Nella nostra ricerca di cibi buoni, vedo ancora e ancora che siamo eccessivamente desiderosi di accettare risposte semplici come l’idea che i grassi alimentari sono dannosi e che evitare il palmo il petrolio salva le foreste. Risposte costruttive richiedono una riflessione più sfumata sulle implicazioni specifiche di una specifica merce in un contesto specifico. I grassi sono essenziali per la salute e qualsiasi fonte di oli alimentari può essere buona o cattiva. Ciò che ho trovato particolarmente sorprendente nel nostro studio è così che qualsiasi sforzo per guidare e migliorare la natura della produzione richiesta in modo da ottenere migliori risultati in termini di salute e ambiente rimane minato da informazioni inadeguate; questo mentre è probabile che la domanda globale di oli e grassi alimentari raddoppi nei prossimi tre decenni.”

Il professor Erik Meijaard, autore principale dello studio e professore in visita alla Charles University, ha affermato: “Negli accesi dibattiti su oli e grassi, in cui molti sostengono che i grassi dovrebbero essere esclusi dalle diete, dimentichiamo che come esseri umani, siamo davvero “grassi”. cacciatori.’ Circa il 25-30% del nostro fabbisogno energetico giornaliero proviene dai grassi e senza grassi si muore. Pertanto diventa importante da dove produciamo i nostri grassi, da animali o piante, e quali animali e piante, e quali sono gli impatti delle nostre scelte .”

Lo studio evidenzia che qualsiasi semplice conclusione su oli e grassi rischia di perdere il quadro. I grassi saturi non sono necessariamente malsani. L’olio di palma non è necessariamente cattivo. Scelte sagge sulla produzione, il commercio e il consumo devono essere fatte nel contesto più ampio di come oli e grassi diversi influiscono sulla salute delle persone in sovrappeso e denutrite e sulla salute del pianeta.


Riferimenti: Erik Meijaard et al, Dietary Fats, Human Nutrition and the Environment: Balance and Sustainability, Frontiers in Nutrition (2022). DOI: 10.3389/fnut.2022.878644

Categorie:Mangiare e bere

Con tag:,

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.