Benessere

Linea elettrizzante

Adv

I residenti godono di una salute migliore dopo il passaggio agli autobus elettrici

Linea di autobus 60 a Göteborg. Credito: Eddie Löthman/Västtrafik

La salute dei residenti che vivevano lungo una linea di autobus a Göteborg, in Svezia, è migliorata notevolmente quando gli autobus ibridi sono stati sostituiti da autobus completamente alimentati dall’elettricità. Insieme ai livelli di rumore c’è stata una riduzione della fatica, della sonnolenza diurna e del basso umore, mostra uno studio dell’Università di Göteborg.

Adv

Nell’autunno 2019 sono stati introdotti autobus completamente elettrici sulla linea 60 di Göteborg. L’implementazione è stata collegata al progetto ElectriCity, con i suoi partecipanti dell’industria, della ricerca e delle agenzie pubbliche che lavorano per viaggi sostenibili in un ambiente urbano.

In alcuni punti, le strade lungo questa linea di autobus sono molto irregolari. I livelli di rumore del precedente sistema di trasporto in autobus erano stati percepiti come fastidiosi, soprattutto nei tratti in salita. Precedenti misurazioni del livello di rumore avevano indicato che nell’area residenziale erano presenti disturbi da rumore a bassa frequenza negli ambienti interni.

Non era chiaro quanto il trasporto con autobus elettrico avrebbe influenzato i livelli di rumore e lo stesso valeva per come sarebbe stata influenzata la salute delle persone. Particolarmente importante è stato il rumore a bassa frequenza, in quanto ha un elevato potenziale di disturbo e non è altrettanto ben attenuato da facciate o barriere antirumore .

Rumore a bassa frequenza difficile da bloccare

“Possiamo essere disturbati da diversi rumori, ma il problema con il rumore a bassa frequenza è che viene attenuato meno bene dalle facciate o dalle finestre e quindi si intromette più facilmente nelle case delle persone. Anche piccoli aumenti del suo livello sono percepiti come molto evidenti”, afferma Kerstin Persson Waye, professore di medicina ambientale presso l’Accademia Sahlgrenska, Università di Göteborg, a capo del gruppo Sound Environment and Health che ha condotto la ricerca.

Lo studio ha coinvolto questionari su residenti selezionati casualmente in due fasi, prima e dopo il passaggio agli autobus elettrici. La metà dei residenti viveva in case che fiancheggiavano la linea degli autobus in due distretti cittadini: Masthugget e Lunden. L’altra metà, che abitava a una certa distanza, costituiva il gruppo di riferimento.

Parallelamente, le misurazioni del rumore sono state eseguite in diverse case, compresi gli interni, procedura che altrimenti non è una procedura standard. Queste misurazioni richiedevano un’attrezzatura speciale con 10-12 microfoni in ciascuna unità abitativa per fornire dati corretti e rappresentativi del rumore a bassa frequenza .

I cambiamenti avvenuti tra le fasi uno e due sono stati chiari e statisticamente significativi. Si sono applicati ai cambiamenti dei livelli sonori, specialmente nelle basse frequenze, quelli che gli stessi residenti hanno notato e il loro disturbo acustico segnalato. Ad esempio, la percentuale di intervistati che ha notato il rumore degli autobus è scesa dal 75 al 39% e la percentuale di coloro che sono stati infastiditi dal rumore in misura molto elevata è diminuita dal 26 al 5%.

Miglioramento netto della salute

C’è stata anche una chiara riduzione degli effetti sulla salute percepiti. La percentuale di persone esauste una o due volte alla settimana è scesa dal 49 al 39%, ovvero alla stessa proporzione del gruppo di riferimento. La percentuale di persone di cattivo umore è diminuita dal 22 al 17% e un numero notevolmente inferiore ha anche affermato di essere molto assonnato durante il giorno.

“Quindi, c’è stato un miglioramento: le persone si sono sentite significativamente meglio. Sebbene non possiamo dire con certezza che i risultati riflettano l’intera popolazione e quanto siano duraturi i cambiamenti positivi nella salute, pensiamo che possano essere generalizzabili in contesti residenziali in cui il trasporto in autobus fa un’ampia quota dell’esposizione. Dato anche che altre forme di trasporto nell’ambiente urbano stanno diventando più silenziose, ciò potrebbe influenzare la salute pubblica”, conclude Persson Waye.

Gli intervistati nello studio sono stati 1.326 nella Fase 1, giugno-settembre 2019 (tasso di risposta: 34%) e 1.191 nella Fase 2 l’anno successivo (tasso di risposta: 36%). Il tasso di risposta è stato come previsto.

Per indagare se coloro che non hanno risposto differissero dagli intervistati, è stato condotto uno studio di follow-up con un questionario semplificato nel gruppo che non ha risposto. Non sono state riscontrate differenze sostanziali nella percezione della situazione del rumore, ma il livello di istruzione e la proporzione di proprietari di casa erano inferiori nel gruppo che aveva scelto di non partecipare all’ampio sondaggio.


Ulteriori informazioni: per scaricare il rapporto di studio (in svedese), visitare: https://www.gu.se/en/news/better-residentis-health-after-switch-to-electric-buses