Benessere

PFAS legate al danno epatico

Adv

Chemicals in cookware, non stick frying pan. PFAs ie polytetrafluoroethylene, perfluoroalkyl and polyfluoroalkyl aka PFOA,PFNA, PFTE.

L’esposizione a una classe di sostanze chimiche sintetiche ampiamente utilizzate è collegata al danno epatico secondo un nuovo studio condotto dai ricercatori della Keck School of Medicine della USC e pubblicato il 27 aprile 2022 in  Environmental Health Perspectives . 

Adv

Le sostanze chimiche, denominate sostanze per- e polifluoroalchiliche o PFAS, sono un gruppo di sostanze chimiche artificiali presenti in un’ampia gamma di prodotti di consumo e industriali. I PFAS  sono talvolta chiamati sostanze chimiche per sempre perché si decompongono molto lentamente e si accumulano nell’ambiente e nei tessuti umani, compreso il fegato. 

“I PFAS sono onnipresenti e sappiamo che tutti gli adulti negli Stati Uniti hanno livelli rilevabili di PFAS nei loro corpi”, ha affermato Leda Chatzi, MD, PhD, professore di scienze della popolazione e della salute pubblica presso la  Keck School of Medicine dell’USC . “C’è un crescente interesse per gli effetti sulla salute a lungo termine dell’esposizione ai PFAS e questo studio supporta l’evidenza che i PFAS sono associati a danni al fegato”. 

Questo è il primo studio a rivedere sistematicamente i dati sull’esposizione ai PFAS e sui danni al fegato, sintetizzando i risultati di 111 studi sottoposti a revisione paritaria che coinvolgono sia l’uomo che i roditori. I ricercatori hanno valutato se l’esposizione al PFAS fosse associata a livelli elevati di alanina aminotransferasi o ALT, che è un enzima epatico che è un biomarcatore per il danno epatico quando elevato. Hanno concluso che tre dei PFAS più comunemente rilevati negli esseri umani – acido perfluoroottanoico  (PFOA), perfluorottano sulfonato (PFOS) e acido perfluorononanoico (PFNA) – sono tutti collegati a livelli elevati di ALT nel sangue di esseri umani e roditori. Gli autori hanno anche notato alcune differenze negli effetti del PFAS sul danno epatico tra donne e uomini, suggerendo un potenziale meccanismo attraverso la disregolazione ormonale. 

Un possibile collegamento con la steatosi epatica non alcolica

L’ALT è anche elevata negli esseri umani con steatosi epatica non alcolica (NAFLD), una condizione in cui il grasso in eccesso si accumula nel fegato, suggerendo un possibile legame tra PFAS e il drammatico e inspiegabile aumento della NAFLD negli ultimi anni. La NAFLD è emersa come una grave crisi di salute pubblica che colpisce il 25% degli adulti in tutto il mondo. Negli Stati Uniti, i casi dovrebbero crescere fino a circa un terzo di tutti gli adulti entro il 2030.

Le prove provenienti da esperimenti sugli animali indicano che i PFAS, che sono sostanze chimiche che alterano il sistema endocrino, possono promuovere cambiamenti metabolici che possono provocare fegato grasso, spesso diagnosticato dall’istopatologia. Allo stesso modo, studi epidemiologici hanno riportato associazioni tra esposizione a PFAS e colesterolo, trigliceridi e acido urico, che sono tutti biomarcatori aggiuntivi di alterazione metabolica, NAFLD e malattia epatica avanzata. 

I ricercatori sottolineano che mentre la ricerca sugli animali mostra costantemente che l’esposizione al PFAS è collegata all’accumulo anomalo di grasso nel fegato, è difficile trarre la stessa conclusione sugli esseri umani perché ci sono pochi dati confermati dalla biopsia sulla NAFLD nella ricerca umana esistente. 

“Vediamo che la prevalenza della NAFLD negli esseri umani è in aumento, ma le spiegazioni non sono chiare”, ha affermato Sarah Rock, MPH, una studentessa di dottorato nel dipartimento di scienze della popolazione e della salute pubblica presso la Keck School of Medicine e uno degli autori principali dello studio. “Sebbene la ricerca umana che collega il PFAS alle malattie del fegato sia limitata, ci sono molte prove nella ricerca sugli animali che mostrano l’epatotossicità del PFAS. Una sfida per i ricercatori PFAS è che gli esseri umani sono esposti a miscele di centinaia se non migliaia di queste sostanze chimiche. L’analisi delle miscele è un potenziale strumento per affrontare questa complessità in futuro”.

Un rischio persistente

I PFAS, presenti in un’ampia gamma di prodotti tra cui pentole antiaderenti, moquette e mobili antimacchia, indumenti impermeabili e involucri per fast food, sono stati rilevati per la prima volta nel sangue delle persone esposte a queste sostanze chimiche sul posto di lavoro negli anni ’70 . 

Negli anni ’90 è stato trovato nel sangue della popolazione generale, il che ha portato a una crescente consapevolezza dei potenziali rischi per la salute. Poiché sono di lunga durata, i PFAS sono presenti nell’acqua potabile nella maggior parte degli stati, in molti prodotti alimentari e nell’aria interna ed esterna. Alcuni produttori negli Stati Uniti hanno gradualmente eliminato l’uso di PFOA e PFOS, ma i ricercatori hanno notato che il rischio di esposizione rimane.

“Questa ricerca mostra chiaramente che i PFAS devono essere presi sul serio come un problema per la salute umana perché anche dopo essere stati eliminati gradualmente, persistono nell’ambiente”, ha affermato Elizabeth Costello, MPH, studentessa di dottorato nel dipartimento di scienze della popolazione e della salute pubblica presso la Keck School of Medicine e l’altro autore principale dello studio. “Riteniamo che ci siano prove sufficienti per dimostrare la necessità di ripulire le fonti di esposizione ai PFAS e prevenire esposizioni future”.

Questo approccio sistematico integra l’evidenza della popolazione umana per PFAS e danni al fegato con l’evidenza sperimentale parallela per PFAS ed epatotossicità. “Questo panorama completo rende sempre più chiaro che gli esseri umani non sono in qualche modo esenti dall’epatotossicità da PFAS”, ha affermato Alan Ducatman MD, MS, coautore della prospettiva invitata che accompagna il documento. “Capire di più su come PFAS danneggia il fegato può permetterci di prevedere con maggiore sicurezza quale PFAS sarà responsabile e se qualcuno è sicuro”, ha aggiunto Ducatman. “Oltre a prevenire future esposizioni, i dati mostrano perché dovrebbe essere presa in seria considerazione ciò che può essere fatto per coloro che già vivono o lavorano in circostanze di elevata esposizione a PFAS”.

A proposito dello studio

Altri autori di questo studio includono Nikos Stratakis, Sandrah P. Eckel, Hugo Rosen, David V. Conti e Rob McConnell della Keck School of Medicine della USC; Douglas I. Walker e Damaskini Valvi della Icahn School of Medicine del Monte Sinai; Dora Cserbik dell’Istituto per la Salute Globale di Barcellona; Todd Jenkins e Stavra A. Xanthakos del Centro medico dell’ospedale pediatrico di Cincinnati; Rohit Kohli del Children’s Hospital di Los Angeles; Stephanie Sisley del Baylor College of Medicine; Vasilis Vasiliou della Yale School of Public Health; e Michele A. La Merrill dell’Università della California, Davis.

I ricercatori desiderano riconoscere la fonte per il finanziamento di questa ricerca: National Institute of Environmental Health Sciences (R01ES030691).