Assistenza sociosanitaria

Alta mortalità per bambini malawiani riferiti in ospedale con bassi livelli di glucosio o ossigeno nel sangue

Adv

Uno studio nel Malawi rurale sottolinea la necessità di una migliore gestione clinica dei bambini gravemente malati con livelli di zucchero nel sangue o di ossigeno nel sangue molto bassi. Lo studio dei ricercatori del Karolinska Institutet in Svezia e della Parent and Child Health Initiative in Malawi, tra gli altri, ha rilevato alti tassi di mortalità per i bambini con uno di questi sintomi anche quando sono stati ricoverati in ospedale. I risultati sono pubblicati sulla rivista Bulletin of the World Health Organization .

Adv

“Chiaramente ci sono aree in cui la gestione clinica dei bambini con bassi livelli di zucchero nel sangue o bassi livelli di ossigeno nel sangue potrebbe essere migliorata, con un impatto potenzialmente salvavita”, afferma Carina King, ricercatrice presso il Dipartimento di salute pubblica globale, Karolinska Institutet, e lo studio autore principale.

Lo studio ha seguito 784 bambini (0-12 anni di età) con livelli di zucchero nel sangue o di ossigeno nel sangue molto o moderatamente bassi che sono stati inviati dalle strutture sanitarie rurali agli ospedali del distretto di Mchinji in Malawi tra il 2019 e il 2020.

L’attuale pratica clinica locale richiede che i bambini con segni di malattia grave siano inviati in ospedale per cure di supporto. Tuttavia, studi precedenti suggeriscono che i rinvii possono comportare ritardi nel trattamento, specialmente nelle aree a basse risorse dove sono comuni la mancanza di trasporti e le barriere finanziarie.

L’attuale studio ha esaminato cosa succede ai bambini con due sintomi misurabili – ipoglicemia (basso livello di glucosio nel sangue) o ipossiemia (bassa saturazione di ossigeno nel sangue) – dopo che sono stati indirizzati, compresi i tassi di sopravvivenza.

Lo studio ha rilevato che i bambini con grave ipoglicemia avevano un tasso di mortalità del 27,8% rispetto al 5,6% di quelli con ipoglicemia moderata e al 2,9% con livelli normali di zucchero nel sangue. I bambini con ipossiemia grave avevano un tasso di mortalità del 13,9% rispetto al 3,9% di quelli con ipossiemia moderata e al 2,3% di quelli con livelli normali di ossigeno nel sangue.

Le diagnosi cliniche frequenti per questi bambini includevano infezioni respiratorie acute, malaria, malnutrizione e sepsi o meningite. I bambini di età inferiore ai due mesi hanno avuto il più alto tasso di mortalità di tutte le fasce d’età. La maggior parte dei bambini gravemente malati ha ricevuto un trattamento con glucosio o ossigeno al momento del ricovero in ospedale, ma nessuno ha ricevuto cure al primo punto di contatto.

“I nostri risultati suggeriscono che un’identificazione precoce e una ricerca tempestiva di cure potrebbero aiutare a ridurre il rischio di morte per i bambini con ipossiemia o ipoglicemia grave”, afferma Helena Hildenwall, professoressa associata presso il Dipartimento di salute pubblica globale, Karolinska Institutet e ultima autrice dello studio . “Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche e studi ben progettati per determinare il trattamento ottimale per questi gruppi”.

Lo studio è stato condotto in collaborazione con ricercatori della Parent and Child Health Initiative in Malawi e dell’Università del Malawi, tra gli altri.

È stato finanziato da sovvenzioni dello Swedish Research Council, della Laerdal Foundation e della Einhorn Family Foundation. Due degli autori sono consulenti indipendenti sulla pulsossimetria della Lifebox Foundation. Altri autori non dichiarano alcun conflitto di interessi.

Pubblicazione : ” Studio prospettico di coorte dei bambini malawiani segnalati e la loro sopravvivenza per ipossiemia e stato di ipoglicemia “, Carina King, Beatiwel Zadutsa, Lumbani Banda, Everlisto Phiri, Eric D McCollum, Josephine Langton, Nicola Desmond, Shamim Ahmad Qazi, Yasir Bin Nisar, Charles Makwenda e Helena Hildenwall, Bollettino dell’Organizzazione Mondiale della Sanità , online il 25 marzo 2022.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.