Benessere

Comprendere il legame tra COVID-19 e diabete

Adv

Tra i numerosi problemi posti dalla pandemia, un risultato positivo è che il COVID-19 sta fornendo preziose informazioni che potrebbero aiutare i ricercatori a svelare i segreti di un’altra malattia intrattabile: il diabete.

Adv

Al RUSH, i ricercatori stanno utilizzando i dati raccolti durante la pandemia per comprendere la connessione tra le due malattie e perché il COVID-19 colpisce le persone con diabete in modo diverso.

Le persone con diabete affrontano maggiori rischi di COVID-19

Negli ultimi due anni, i dati hanno dimostrato che le persone con diabete di tipo 2 hanno maggiori probabilità di sviluppare COVID-19 grave che porta al ricovero e talvolta alla morte, e il motivo è probabilmente l’infiammazione, afferma Rasa Kazlauskaite, MD, MS, direttore del Diabetes Technology Program presso il Rush University Medical Center e un endocrinologo RUSH.

“Le persone con diabete di tipo 2 hanno in genere un’infiammazione cronica di basso livello che è difficile da rilevare nella pratica clinica”, afferma. “Quando vengono infettati da SARS-CoV-2, il virus che causa COVID-19, questa infiammazione di basso livello può diventare un’iperinfiammazione che colpisce i polmoni, il cuore e altre parti del corpo”. Questa iperinfiammazione è ciò che probabilmente porta a complicazioni più gravi da COVID-19, dice.

Avere il diabete può anche mettere le persone a rischio di “covid lungo”, o ciò che i medici chiamano sequele post-acute dell’infezione da SARS CoV-2, o PASC, afferma Alan Landay, Ph.D., vicepresidente della ricerca e capo della divisione traslazionale e medicina di precisione presso il Dipartimento di Medicina Interna del RUSH.

“Nei pazienti con diabete, c’è un ambiente metabolico disordinato che in realtà migliora la replicazione del virus”, afferma Landay. “Ciò potrebbe creare una maggiore suscettibilità al virus e potrebbe anche influenzare i risultati clinici in quei pazienti. Ma non è una taglia unica”.

Per scoprire perché solo alcune persone con diabete sviluppano complicazioni da COVID-19, gli scienziati del RUSH e dell’istituto di ricerca senza scopo di lucro RTI International hanno monitorato COVID-19 nei pazienti con diabete a Chicago e in Malesia per un confronto. Finora, gli scienziati hanno monitorato le differenze nei risultati per età, sesso, razza/etnia, indice di massa corporea e altri fattori in 5.712 pazienti, con risultati che saranno pubblicati entro la fine dell’anno.

Approfondimenti sui diversi modi in cui si sviluppa il diabete

Oltre a cercare di capire perché alcune persone con diabete hanno esiti peggiori da COVID-19 rispetto ad altre, i ricercatori sperano anche di ottenere maggiori informazioni su come si sviluppa il diabete. Gli scienziati sanno già che per alcune persone non è solo un sistema immunitario difettoso che innesca il diabete di tipo 1 o la resistenza all’insulina che porta al diabete di tipo 2. Il National Institute of Diabetes, Digestive and Kidney Diseases riconosce più di 50 modi diversi in cui una persona può sviluppare il diabete, dai difetti di un singolo gene ad altri problemi di salute come le malattie del fegato.

“Idealmente, vorremmo indagare su ognuna di queste 50 cause”, afferma Kazlauskaite. “E stiamo scoprendo che alcune persone hanno diverse cause di diabete contemporaneamente. In altre parole, un paziente potrebbe non solo avere il tipo di diabete puramente insulino-resistente, quello che viene tipicamente definito come tipo 2, ma potrebbe anche essere affetto da steroidi o diabete autoimmune allo stesso tempo”. I medici possono chiamare questo “diabete ibrido”, suggerendo che l’eziologia, o la causa, del diabete potrebbe essere molto più complessa di quanto inizialmente creduto.

Il COVID-19 potrebbe essere una nuova causa di diabete?

È possibile, dice Kazlauskaite. Uno studio pubblicato di recente sulla rivista medica The Lancet ha scoperto che le persone sopravvissute a COVID hanno un rischio del 40% più alto di sviluppare il diabete. Crede che molti dei nuovi casi di diabete di tipo 2 si stiano verificando in persone con pre-diabete che non lo sanno.

“Le persone potrebbero avere un pre-diabete con un’infiammazione cronica e subclinica prima di contrarre il COVID-19. Quindi, quando vengono infettate dal virus, potrebbero sviluppare un’iperinfiammazione che causa stress metabolico e maggiore resistenza all’insulina. Di conseguenza, si manifestano conclamati diabete”, dice.

Un’altra teoria è che COVID-19 sconvolge il sistema immunitario. “Sappiamo che l’iperinfiammazione può causare malattie autoimmuni. Quando ciò accade, il sistema immunitario si “confonde” e inizia ad attaccare i propri tessuti, comprese le cellule produttrici di insulina nel pancreas”, afferma. Questo è il processo che causa il diabete di tipo 1, che si sviluppa principalmente nell’infanzia ma può colpire anche gli adulti.

Una terza teoria è che gli steroidi somministrati durante il trattamento con COVID-19 potrebbero causare il diabete perché spesso aumentano la glicemia , afferma Kazlauskaite. Per alcuni pazienti, i livelli di glucosio tornano alla normalità dopo l’interruzione degli steroidi, ma per altri gli effetti sono duraturi.

Una quarta ipotesi riportata è che il COVID-19 possa causare una grave infiammazione del pancreas (nota come pancreatite), dove risiedono le cellule che producono insulina del corpo. Questo può scatenare il diabete, anche se è relativamente raro, dice Kazlauskaite.

Testare modi migliori per curare il diabete

Oltre a cercare di comprendere il legame tra COVID-19 e diabete, i medici di RUSH si sforzano di migliorare l’assistenza ai pazienti con entrambe le condizioni. Come altri tipi di infezioni, COVID-19 può peggiorare il diabete esistente. Ecco perché il controllo del glucosio nei pazienti ospedalizzati con entrambe le condizioni è così fondamentale, afferma Kazlauskaite.

Per aiutare gli infermieri a monitorare i livelli di zucchero nel sangue in questi pazienti al RUSH, Kazlauskaite e il suo team hanno testato una tecnologia di monitoraggio continuo del glucosio che consente agli infermieri di tenere d’occhio il glucosio dei pazienti dalla stazione degli infermieri.

Chiamata telemetria del glucosio in regime di ricovero, la tecnologia avvisa gli infermieri prima che la glicemia di un paziente entri nella zona di pericolo. Il progetto di telemetria presso RUSH è stato possibile grazie a una generosa donazione di Thomas e Aferdita Merkel (Aferdita ha conseguito la laurea e il master in infermieristica presso il Rush University College of Nursing). Finora, i dati suggeriscono che i pazienti con COVID-19 e diabete se la cavano meglio quando il loro glucosio è ben controllato.

“Non è solo una buona cosa per la sicurezza del paziente, ma è anche un bene dal punto di vista degli infermieri”, afferma Kazlauskaite.


Maggiori informazioni: Yan Xie et al, Rischi e oneri del diabete incidente in lungo COVID: uno studio di coorte, The Lancet Diabetes & Endocrinology (2022). DOI: 10.1016/S2213-8587(22)00044-4

Categorie:Benessere

Con tag:,

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.