Mangiare e bere

Sulla nutrizione: non vergognarti di mettere le prugne nel carrello della spesa

Adv

Perché, reale o no, tendiamo a rifiutare le cose che ci associano all’essere vecchi? Caso in questione: poco più di due decenni fa, la Food and Drug Administration statunitense ha approvato una petizione per consentire ai produttori di prugne secche di commercializzare i loro prodotti come “prugne essiccate”. Speravano che la nuova designazione potesse aiutare a rimuovere qualsiasi stigma per coloro che pensano che le prugne secche siano solo per i nonni.

Adv

Aspetta, sono un nonno. E evviva, il California Prune Board afferma che, sebbene le prugne secche in passato fossero indicate come prugne secche, ora stanno “abbracciando e proclamando con orgoglio le meraviglie delle prugne secche della California”.

Sia che tu le chiami prugne secche o prugne secche, considerale prima di tutto come un alimento funzionale straordinario. Ciò significa che le prugne hanno altri effetti positivi anche oltre il loro impressionante valore nutritivo.

Cosa c’è nelle prugne e nel succo di prugna, ad esempio, che aiuta a prevenire la stitichezza? Gli scienziati affermano che l’attributo deriva dalla presenza di fibre alimentari e sorbitolo, un alcol zuccherino che agisce come un leggero lassativo. Ad ogni modo, anche solo 1/2 tazza di succo di prugna o da quattro a cinque prugne al giorno possono far funzionare bene l’intestino vecchio (e giovane).

Ciò che mi urla davvero “funzionale”, tuttavia, è un numero crescente di prove che mostrano come mangiare prugne può proteggere le nostre ossa. Due studi clinici dell’Università della Pennsylvania, ad esempio, hanno riscontrato una minore perdita ossea e una migliore densità ossea nelle donne anziane che hanno mangiato da cinque a 10 prugne al giorno per sei mesi o un anno.

I ricercatori ritengono che una possibile ragione di questo effetto positivo sia correlata ai nutrienti specifici e ad altre sostanze presenti nelle prugne che fortificano le ossa e allo stesso tempo riducono l’infiammazione.

Se hai il diabete, puoi dedurre dall’etichetta nutrizionale del succo di prugna che ha troppo zucchero per il comfort. Ecco la buona notizia, però. Il succo di prugna vanta tre ingredienti che lavorano insieme per prevenire picchi di zucchero nel sangue : fibra alimentare, sorbitolo (che è la metà del dolce con lo zucchero normale) e fruttosio, zucchero naturale della frutta che ha un effetto molto inferiore sulla glicemia rispetto a molti altri tipi di carboidrati . Ricorda solo di attenersi a una porzione da mezza tazza a meno che il tuo medico non ti consigli diversamente.

Una volta aperto un sacchetto di prugne, richiuderlo e conservarlo in un luogo fresco e asciutto. Puoi anche refrigerare le prugne in un contenitore ermetico, afferma il California Prune Board.

Quindi, che si tratti di prugne secche o prugne secche che consideri socialmente accettabili, non vergognarti di metterle nel carrello della spesa. Fanno un ottimo spuntino ad alta potenza o provano alcune ricette davvero interessanti su californiaprunes.org/recipes .

Diamine, potresti anche far piacere ai tuoi nipoti.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.