Batticuore

Il sistema dell’architettura antica come medicina preventiva

Adv

Nuove scoperte sulla patologia dell’aterosclerosi

Nuove scoperte mostrano come la progressione dell’aterosclerosi sia influenzata da una combinazione di ipertensione e cambiamenti nella rigidità dell’arteria.

Nuove scoperte mostrano come la progressione dell’aterosclerosi sia influenzata da una combinazione di ipertensione e cambiamenti nella rigidità dell’arteria. 

Adv

Una ricerca pubblicata su Science Advances scopre l’importanza del rilevamento della pressione in combinazione con il rilevamento della rigidità, nel determinare il comportamento delle cellule muscolari lisce vascolari. Lo studio identifica ulteriormente le vie molecolari legate al “rilevamento meccanico” nelle cellule e nei tessuti. 

Il dottor Thomas Iskratsch della Queen Mary University di Londra, coautore dell’articolo, ha dichiarato:  

“L’aterosclerosi è una malattia comune e grave, che tra le altre può portare a infarti, angina e insufficienza cardiaca. Al momento non esiste un trattamento efficace. I fattori di rischio comuni sono l’ipertensione e le alterazioni associate all’invecchiamento della rigidità della parete arteriosa.  

“Per identificare potenziali nuove strategie per prendere di mira la malattia, il nostro studio mirava a studiare il ruolo combinato di questi stimoli “meccanici”, pressione e rigidità sulle cellule muscolari lisce arteriose. Queste cellule risiedono nelle pareti delle arterie, ma sono anche coinvolte nella progressione dell’aterosclerosi”.  

I ricercatori hanno studiato il modo in cui l’ipertensione e i cambiamenti nella rigidità della parete arteriosa sono entrambi rilevati dalle cellule muscolari lisce vascolari nelle pareti delle arterie. 

Mentre nel complesso la parete arteriosa diventa più rigida, hanno sorprendentemente scoperto che l’iniziale ispessimento della parete arteriosa porta a un ambiente più morbido su scala cellulare, che insieme alla pressione sanguigna più alta stimola le cellule muscolari lisce a cambiare il loro comportamento e passare da una contrattile a una un fenotipo “sintetico”. Ciò consente alle cellule di degradare e rimodellare ulteriormente il loro ambiente, portando a un ulteriore ammorbidimento e a una spirale della progressione della malattia. 

Hanno anche scoperto che sia la pressione che il rilevamento dell’ambiente morbido agiscono attraverso diversi percorsi molecolari, ma agiscono sulla stessa molecola effettrice.? 

Il dott. Iskratsch ha affermato: “L’interazione di diversi percorsi meccanici non era nota ed è stato sorprendente che la combinazione di ambiente morbido e pressione stesse avendo questo forte impatto”. 

Finora mancano trattamenti efficaci per l’aterosclerosi. Le cellule muscolari lisce vascolari svolgono un ruolo importante nella progressione della malattia e soprattutto il loro cambio fenotipico è un passaggio critico. Gli studi di follow-up esamineranno come i risultati possono essere sfruttati per approcci terapeutici. 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.