Comunicazione

La disinformazione rallenta la campagna vaccinale secondo uno studio del Politecnico di Milano pubblicato su Nature Scientific Reports

Adv

Milano, 2 maggio 2022  La disinformazione online ha influito negativamente sulla campagna di vaccinazione statunitense contro il COVID-19 . E’ quanto emerge da uno studio di Francesco Pierri , ricercatore del Politecnico di Milano, in collaborazione con l’Indiana University nell’ambito del progetto H2020 Periscope, pubblicato su Nature Scientific Reports .

Adv

L’obiettivo di questo studio è dimostrare se esistono o meno associazioni statisticamente significative tra la qualità delle informazioni consumate online e il sentimento “anti-vax” della popolazione statunitense, con conseguenti ripercussioni sulla campagna vaccinale.

Lo studio ha confermato un’associazione statisticamente significativa tra la quantità di disinformazione condivisa online e la tendenza a rifiutare o ritardare la vaccinazione negli Stati Uniti. In particolare, negli stati e nelle contee in cui si consuma più disinformazione online, vi è una maggiore esitazione vaccinale e, di conseguenza, una minore copertura vaccinale.

Dall’inizio del 2021 i ricercatori del Politecnico di Milano e l’Osservatorio sui Social Media (OSOME) hanno raccolto milioni di post condivisi su Twitter relativi ai vaccini , con l’obiettivo di studiare gli effetti di informazioni inaffidabili e/o imprecise sugli Stati Uniti campagna vaccinale, iniziata a fine 2020.

Utilizzando un elenco di siti di notizie etichettati da giornalisti, verificatori di fatti e altri accademici come portali che diffondono notizie false e inaffidabili, i ricercatori hanno identificato milioni di post con contenuti potenzialmente dannosi (ad esempio articoli che affermano che i vaccini non funzionano o causano la morte) condivisi da milioni di utenti Twitter all’inizio del 2021 che si sono geolocalizzati nei vari stati e contee degli Stati Uniti.

Per misurare la disponibilità o meno delle persone a vaccinarsi, i ricercatori hanno utilizzato milioni di risposte a sondaggi giornalieri amministrati su Facebook in cui chiedevano agli utenti geolocalizzati se intendessero o meno vaccinarsi.

“I risultati del modello di regressione lineare multipla, che include altre variabili socio-economiche, come la ricchezza media e la composizione etnica di ogni stato/contea”, spiega Francesco Pierri ricercatore presso il Dipartimento di Elettronica, Informazione e Bioingegneria (DEIB) presso il Politecnico di Milano, “dimostrano che la quota di disinformazione condivisa in media dagli utenti in una determinata area è positivamente correlata alla quota di persone che dichiarano di non avere intenzione di vaccinarsi e, analogamente, negativamente correlata al numero di dosi di vaccino amministrato”.

Questi risultati e altre statistiche sulle conversazioni online relative alla campagna di vaccinazione contro il COVID-19 possono essere trovate sulla dashboard associata al progetto CoVaxxy https://osome.iu.edu/tools/covaxxy .

Molti studi pubblicati durante la pandemia di COVID-19 hanno evidenziato come l'”infodemia” di notizie false o fuorvianti sul virus abbia rallentato gli sforzi compiuti dai governi per ridurre il contagio , dal rifiuto di indossare le mascherine alla violazione delle restrizioni.

Correlazione tra il numero medio di vaccinazioni giornaliere (per milione di abitanti) nel periodo 19-25 marzo 2021 (asse y) e la quota media di disinformazione condivisa su Twitter dagli utenti geolocalizzati nel periodo 4 gennaio-25 marzo 2021 (asse x)
CREDITO: Politecnico di Milano


L’articolo “La disinformazione online è legata al COVID – 19 esitazione e rifiuto alla vaccinazione” è disponibile qui: https://www.nature.com/articles/s41598-022-10070-w

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.