testimonianze

Per l’ultima volta

Adv

Per l’ultima volta voglio ricordare in questo blog un avvenimento personale: la ricorrenza dell’esordio del mio diabete tipo 1, intanto potete ascoltare il podcast messo in onda oggi che racconta alcuni passaggi ritengo interessanti e utili per tutti. Entrando nei sessant’anni di vita con la malattia cerco di “tirare le somme”.

Adv

Le poche ma chiare regole che ho imparato e fanno da guida nel quotidiano scorrere del tempo sono:

  1. Un diabetico tipo 1 con diagnosi in età pediatrica, e in particolare ad un età inferiore ai 7 anni, deve essere consapevole che per andare avanti nella vita occorre arrangiarsi, essere indipendenti. Data la complessità della malattia e la necessità di ricevere, di base, un percorso educativo nell’autogestione del diabete richiedono tempo e il tempo è denaro, sia per il diabetico che per il fornitore di assistenza sanitaria, e siccome il danaro/tempo manca occorre forgiarsi di una buona dose di conoscenza e informazione per destreggiarsi nel quotidiano vivere con la patologia.
  2. L’anno scorso si è ricordato il centenario della scoperta dell’insulina, farmaco salvavita per noi diabetici tipo 1. Non possiedo capacità divinatorie né paranormali ma questa vita mia con il diabete terminerà senza vedere arrivare una cura. Auspico che l’impegno nella ricerca della cura vada avanti e porti a risultati prima del secondo centenario della scoperta dell’insulina, e che il comparto sanitario costituito, in primo luogo, dai medici endocrinologi, non lascino i pochi ricercatori soli, tra indifferenza e apatia, da parte della categoria e della stragrande maggioranza dei diabetici.

Bene prima di congedarmi desidero raccontare un desiderio, sogno che porto con me da quando ero piccino: essere libero dai bisogni per poter vivere una vita senza necessità e poter trasferirmi in un’isola deserta.

Questo desiderio non si è mai realizzato, ma il sogno resta e mi ha aiutato a convivere con me stesso e la malattia, in particolare nei momenti più difficili.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.