Benessere

Cambiamenti nei grassi nel sangue e altri indicatori di salute del cuore e diabete rilevabili dall’età di sei anni nei bambini in sovrappeso

Adv

La prima infanzia – a partire da 2,5 anni – fornisce una finestra fondamentale per rilevare il sovrappeso; la diagnosi precoce potrebbe fornire un’opportunità cruciale per migliorare la salute di un bambino negli anni a venire

Un nuovo studio presentato al Congresso europeo sull’obesità (ECO) di quest’anno a Maastricht, nei Paesi Bassi, e pubblicato contemporaneamente su Obesity Research & Clinical Practice , ha rivelato che i cambiamenti nei grassi nel sangue e altri indicatori di salute del cuore e diabete sono rilevabili dal età di sei anni nei bambini in sovrappeso.

Adv

Lo studio di quasi 1.000 bambini danesi ha anche stabilito che i controlli dentistici di routine offrono una buona opportunità per misurare l’IMC.

“La prevalenza dell’obesità infantile è elevata e le complicazioni a breve e lungo termine dell’obesità infantile sono numerose”, afferma la prima autrice dello studio, la dott.ssa Christine Frithioff-Bøjsøe, della Children’s Obesity Clinic, Centro europeo per la gestione dell’obesità, Copenaghen Ospedale Universitario Holbaek, Holbaek, Danimarca.

“Il sovrappeso nella prima infanzia spesso si registra nell’adolescenza e nell’età adulta ed è associato a un rischio più elevato di malattie cardiache, malattie del fegato, diabete di tipo 2 e altre condizioni metaboliche in età avanzata. Di conseguenza, l’identificazione e il trattamento precoci del sovrappeso offre un’opportunità cruciale per migliorare la salute di un bambino negli anni a venire”.

Lo studio, guidato dal dottor Frithioff-Bøjsøe, dal professor Jens-Christian Holm e dai colleghi della Children’s Obesity Clinic, si proponeva di scoprire se è pratico utilizzare i contatti esistenti nel settore dell’assistenza sanitaria di base per rilevare il sovrappeso fin dalla tenera età.

Gli assistenti dentali e gli infermieri della sanità pubblica sono stati formati sulla misurazione del peso e dell’altezza e hanno effettuato valutazioni dell’IMC durante gli appuntamenti di routine nelle cliniche dentistiche (i bambini in Danimarca hanno diritto a visite dentistiche regolari già dall’età di un anno) e durante le visite sanitarie nelle scuole.

Gli assistenti dentali hanno reclutato 335 bambini in età prescolare (di età compresa tra 2,5 e 5 anni) nello studio. Altri 657 bambini in età scolare (6-8 anni) sono stati reclutati da infermieri di sanità pubblica, portando il numero totale dei partecipanti a 992 (494 ragazzi).

Tutti i bambini hanno avuto il loro BMI valutato all’inizio dello studio. A un sottogruppo di 392 bambini è stata misurata la pressione sanguigna e hanno fornito un campione di sangue, che è stato testato per una serie di marcatori di rischio cardiometabolico.

Le valutazioni dell’IMC e altri test sono stati ripetuti circa un anno dopo.

All’inizio dello studio, la percentuale di bambini in sovrappeso era del 13,7% in entrambi i gruppi (bambini in età prescolare e scolari).

Le differenze nei marcatori di rischio cardiometabolico tra i bambini con e senza sovrappeso erano minori nei bambini in età prescolare.

Negli scolari, tuttavia, c’erano chiare differenze nei risultati degli esami del sangue tra quelli in sovrappeso e quelli nella fascia di peso normale.

Gli scolari in sovrappeso avevano livelli significativamente più alti di glucosio a digiuno, insulina, trigliceridi e alanina aminotransferasi, che possono indicare un rischio maggiore di diabete di tipo 2, malattie cardiovascolari e malattie del fegato.

I livelli di sovrappeso non erano cambiati nei bambini in età prescolare quando sono stati misurati di nuovo circa un anno dopo, ma erano aumentati al 17% negli scolari.

Gli autori dello studio affermano che la loro ricerca mostra che è pratico utilizzare i servizi sanitari esistenti, comprese le cliniche dentistiche, per valutare il grado di sovrappeso in una popolazione pediatrica generale.

La dott.ssa Frithioff-Bøjsøe aggiunge: “Abbiamo anche superato le barriere identificate in altri studi che includono preoccupazioni per la mancanza di una formazione adeguata, offendere i pazienti e gli operatori sanitari e la stigmatizzazione del bambino”.

I ricercatori affermano che, anche se i livelli di marker di rischio misurati nello studio erano ancora nella norma, gli aumenti sono ancora una preoccupazione, in particolare in un’età così giovane. 

La dott.ssa Frithioff-Bøjsøe spiega: “All’età di 11 anni, il 15-20% mostrerà sovrappeso e un grande gruppo mostrerà successivamente livelli elevati di colesterolo nel sangue, steatosi epatica o prediabete, oltre a una qualità della vita gravemente compromessa. Quindi, rilevare precocemente questi cambiamenti sarebbe un importante progresso nella prevenzione dello sviluppo della malattia”.

Gli autori concludono: “Abbiamo riscontrato aumenti dei marcatori di rischio per malattie cardiache ed epatiche e diabete negli scolari in sovrappeso. Questi cambiamenti non erano rilevabili solo pochi anni prima nei bambini in età prescolare con sovrappeso e suggerisce che la scuola materna, già a 2,5 anni di età, potrebbe fornire una finestra critica per rilevare e gestire il sovrappeso.

“Ciò, a sua volta, consentirebbe agli interventi di perdita di peso di iniziare presto e ridurrebbe il rischio che un bambino in sovrappeso diventi un adulto, o addirittura un adolescente, con sovrappeso e altre condizioni come il diabete di tipo 2”.

Categorie:Benessere

Con tag:,

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.