Sport e movimento

Luce sui benefici dell’esercizio nella steatosi epatica

Adv

Un allenamento ad intervalli ad alta intensità di 12 settimane ha benefici effetti migliorativi nei soggetti NAFLD a livello di tutto il corpo regolando il metabolismo del glucosio e promuovendo alterazioni nel metabolismo degli aminoacidi, dei lipidi e degli acidi biliari. Credito: rapporti scientifici (2022). DOI: 10.1038/s41598-022-10481-9

L’esercizio fisico supporta il trattamento della steatosi epatica non alcolica influendo su diverse vie metaboliche nel corpo, mostra un nuovo studio dell’Università della Finlandia orientale.

Adv

L’esercizio regolare di allenamento a intervalli ad alta intensità (HIIT) per un periodo di 12 settimane ha ridotto significativamente la glicemia a digiuno e la circonferenza della vita dei partecipanti allo studio e ha migliorato il tasso massimo di consumo di ossigeno e il carico di lavoro massimo raggiunto. Questi effetti positivi sono stati associati ad alterazioni nell’abbondanza di un certo numero di metaboliti. In particolare, l’esercizio altera il metabolismo degli aminoacidi nel tessuto adiposo. Lo studio è stato pubblicato su Scientific Reports .

La steatosi epatica non alcolica (NAFLD) è la malattia epatica più comune, che colpisce circa il 25% della popolazione mondiale. Essendo in gran parte asintomatica, la malattia può progredire dall’accumulo di grasso nelle cellule del fegato all’infiammazione del fegato e alla cirrosi epatica. La NAFLD è associata all’obesità e ad altre caratteristiche della sindrome metabolica, come il diabete di tipo 2 e le concentrazioni anormali di lipidi nel sangue. L’accumulo di grasso nel fegato può essere ridotto con la perdita di peso e una dieta salutare.

L’esercizio fisico è parte integrante del trattamento della NAFLD. I benefici dell’esercizio possono riguardare non solo la gestione del peso, ma anche le alterazioni dei metaboliti prodotti dal corpo e dai microbi intestinali, il cui ruolo nella steatosi epatica rimane poco conosciuto.

Esercitare il metabolismo alterato anche senza lottare per la perdita di peso o cambiamenti nella dieta

Nel nuovo studio, i ricercatori hanno esaminato in modo completo gli effetti dell’esercizio sul metabolismo nei pazienti con steatosi epatica non alcolica. Lo studio di intervento controllato randomizzato ha coinvolto 46 soggetti con diagnosi di NAFLD. Sono stati divisi in un gruppo di intervento sull’esercizio che ha tenuto una sessione HIIT due volte a settimana, più una sessione di allenamento indipendente una volta alla settimana per 12 settimane e in un gruppo di controllo che non ha aumentato l’esercizio durante lo studio. Nessuno dei gruppi ha cercato di perdere peso né ha cambiato le proprie abitudini alimentari durante l’intervento. Oltre agli esami medici convenzionali e ai test di laboratorio eseguiti all’inizio e alla fine dello studio, i ricercatori hanno anche eseguito analisi metabolomiche non mirate per identificare vari metaboliti e la loro abbondanza nei campioni di tessuto adiposo, plasma, urina e feci. Sulla base dei risultati, l’esercizio ha influenzato le vie metaboliche in modo diverso nei diversi tessuti.

L’esercizio ha avuto un effetto benefico sulle concentrazioni di glucosio a digiuno, sulla circonferenza della vita, sul tasso massimo di consumo di ossigeno e sul carico di lavoro massimo raggiunto. Questi fattori sono stati anche associati a molte delle alterazioni osservate nell’abbondanza di vari metaboliti nel gruppo di intervento dell’esercizio. Le alterazioni più significative sono state osservate negli amminoacidi e loro derivati, nei lipidi e negli acidi biliari.

In particolare, l’esercizio ha aumentato i livelli di aminoacidi, che sono i mattoni delle proteine, nel tessuto adiposo. Secondo i ricercatori, i loro maggiori accumuli nel tessuto adiposo possono essere associati a un miglioramento del metabolismo dei lipidi e del glucosio, nonché a una ridotta resistenza all’insulina.

I livelli di vari metaboliti microbici intestinali sono stati alterati a seguito dell’esercizio, il che è indicativo di cambiamenti nella composizione dei microbi intestinali o nella loro funzione. Tra questi metaboliti, l’aumento della quantità di acido indollattico, ad esempio, può rafforzare la mucosa intestinale, le difese immunitarie e l’equilibrio del glucosio.

Sulla base dei risultati, l’esercizio fisico può avere un effetto benefico su molti fattori che contribuiscono alla malattia nei pazienti con NAFLD, anche senza perdita di peso e cambiamenti nella dieta. Il tessuto adiposo sembra svolgere un ruolo chiave in questi effetti. L’esercizio fisico ha migliorato i livelli di glucosio nel sangue a digiuno e ha modificato il metabolismo degli aminoacidi , dei lipidi e degli acidi biliari. Tuttavia, le concentrazioni anormali di lipidi nel sangue non sono state migliorate dal solo esercizio : il loro trattamento richiede attenzione alla qualità dei grassi alimentari.


Riferimenti: Ambrin Farizah Babu et al, Effects of exercise on NAFLD using non-targeted metabolomics in adipose tissue, plasma, urine, and stool, Scientific Reports (2022). DOI: 10.1038/s41598-022-10481-9

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.