Complicanze varie/eventuali

Gli adulti con diabete hanno maggiori probabilità di avere carie, denti mancanti

Adv

Gli adulti con diabete negli Stati Uniti hanno maggiori probabilità di avere carie dentale e un numero medio più elevato di denti mancanti rispetto a quelli senza diabete, secondo i risultati dello studio pubblicato su Diabetic Medicine .

Adv

“La più recente valutazione a livello di popolazione della relazione tra diabete e salute dentale negli Stati Uniti ha rilevato che le persone con diabete hanno 2,25 volte le probabilità di essere edentule e hanno una media di 3,1 denti mancanti in più rispetto alle persone senza diabete”, Muath Aldosari , BDS, MPH, DMSc, assistente professore presso il King Saud University College of Dentistry di Riyadh, in Arabia Saudita, e docente presso la Harvard School of Dental Medicine, e colleghi hanno scritto. “Tuttavia, lo studio ha esaminato la perdita dei denti solo tra gli adulti di età pari o superiore a 50 anni utilizzando il ciclo 2003-2004 del National Health and Nutrition Examination Survey. Pertanto, questo studio mirava a valutare le associazioni tra lo stato diabetico auto-riferito e gli endpoint dentali valutati clinicamente, tra cui la carie coronale e radicolare non trattata, i denti mancanti e l’utilizzo di routine dei servizi dentistici.

Movidagrafica / Pixabay

Gli adulti con diabete hanno maggiori probabilità di avere carie e meno amano conservare tutti i denti rispetto a quelli senza diabete. I dati sono stati derivati ??da Aldosari M, et al. Diabete Med. 2022;doi:10.1111/dme.14826.

I ricercatori hanno analizzato i dati di 10.249 adulti di età pari o superiore a 20 anni che hanno completato una visita odontoiatrica e hanno riportato il loro stato di diabete al NHANES dal 2015 al 2018. È stata calcolata la prevalenza di carie coronale e radicolare non trattate negli adulti con e senza diabete. Sono stati inoltre misurati il ??numero di denti con carie, il numero di denti mancanti e la percentuale di partecipanti che conservavano tutti i denti. I partecipanti hanno auto-riferito se avevano visitato un dentista nei 12 mesi precedenti.

Della coorte di studio, l’11,3% ha riferito di avere il diabete. La carie coronale non trattata era presente nel 24,6% della coorte di studio e la carie radicolare non trattata è stata osservata nel 13,1%.

In un modello di regressione logistica aggiustata, gli adulti con diabete avevano maggiori probabilità di sviluppare carie coronale (OR aggiustato = 1,49; IC 95%, 1,08-2,04; P = 0,015) e carie radicolare (aOR = 1,46; IC 95%, 1,19- 1.8; P = .001) rispetto a quelli senza diabete. Gli adulti con diabete avevano meno probabilità di conservare tutti i denti rispetto a quelli senza diabete (aOR = 0,31; IC 95%, 0,26-0,36; P < 0,001).

Nell’analisi di regressione di Poisson, gli adulti con diabete avevano un numero medio più alto di denti con carie coronale non trattata (rapporto medio aggiustato = 1,34; IC 95%, 1,12-1,6; P = .002) e un numero medio più alto di denti mancanti (media aggiustata rapporto = 1,35; IC 95%, 1,18-1,55; P < 0,001) rispetto a quelli senza diabete. Le donne avevano più probabilità di perdere i denti (aOR = 1,12; IC 95%, 1,02-1,23) ma avevano un numero medio inferiore di denti con carie coronale non trattata (rapporto medio aggiustato = 0,76; IC 95%, 0,66-0,87) rispetto a uomini.

Circa due terzi della coorte hanno riferito di essersi recati a un appuntamento dal dentista nei 12 mesi precedenti, senza alcuna differenza tra quelli con e senza diabete. Le donne avevano maggiori probabilità di andare a una visita odontoiatrica di routine rispetto agli uomini (aOR = 1,48; IC 95%, 1,28-1,72).

“Lo studio mette in luce l’importanza di un sistema sanitario integrato che includa, ma non si limiti a, servizi medici e di salute orale che forniscano un facile accesso alle popolazioni vulnerabili per migliorare l’alfabetizzazione orale e l’accesso all’utilizzo dei servizi dentali all’interno dei diabetici popolazione”, hanno scritto i ricercatori. “È imperativo che dentisti e medici istruiscano se stessi e la popolazione che servono sull’intersezionalità della salute orale e generale per il miglioramento della salute orale, della salute generale e della qualità della vita”.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.