Mangiare e bere Sport e movimento

Guarda avanti: la perdita di peso del 10% con un intervento sullo stile di vita riduce il rischio di mortalità

Secondo i dati dello studio, i partecipanti all’intervento sullo stile di vita intensivo nello studio controllato randomizzato Look AHEAD che hanno perso almeno il 10% del loro peso corporeo avevano un rischio di mortalità inferiore rispetto a quelli del gruppo di controllo.

In un’analisi esplorativa secondaria dei dati di follow-up di Look AHEAD, in cui adulti di età compresa tra 45 e 76 anni con diabete di tipo 2 e un BMI di almeno 25 kg/m2 sono stati assegnati in modo casuale a un intervento intensivo sullo stile di vita o a un gruppo di controllo che ha ricevuto supporto per il diabete e istruzione: non è stata osservata alcuna differenza nel rischio di mortalità tra i partecipanti all’intervento e quelli di controllo. Tuttavia, i ricercatori hanno riscontrato un rischio di morte significativamente inferiore in un sottogruppo di partecipanti all’intervento che hanno perso più peso.

“L’intervento sullo stile di vita ha avuto molti altri vantaggi, ma potrebbe essere necessaria una maggiore perdita di peso per influenzare la mortalità negli individui con diabete di tipo 2 e sovrappeso o obesità”, Rena R. Wing, PhD , professore di psichiatria e comportamento umano alla Brown Medical School, ha detto.

Wing e colleghi hanno seguito 5.145 partecipanti allo studio Look AHEAD per una mediana di 16,7 anni. I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a un gruppo di intervento intensivo sullo stile di vita che partecipava a sessioni settimanali di gruppo e individuali enfatizzando le strategie comportamentali per la perdita di peso per 6 mesi (n = 2.570) o a un gruppo di supporto e istruzione per il diabete che partecipava da tre a quattro riunioni di gruppo all’anno incentrate sull’educazione dieta, esercizio e supporto sociale senza piani o feedback personalizzati. I dati sulla mortalità sono stati giudicati da un comitato medico mascherato per gli incarichi di intervento. I decessi segnalati dalla randomizzazione fino al 30 giugno 2020 sono stati inclusi e classificati come cancro, cardiovascolari o altro.

I risultati sono stati pubblicati su Diabetes Care .

Durante il periodo di follow-up, il 21% dei partecipanti al gruppo di intervento intensivo sullo stile di vita e il 23% del gruppo di supporto e educazione al diabete è morto. Non vi era alcuna differenza significativa nel rischio di mortalità tra i due gruppi, né vi era un’interazione significativa tra l’intervento e il periodo di tempo. Anche le cause specifiche di morte non differivano tra i due gruppi. Non sono state osservate associazioni significative per sesso, età, razza ed etnia e storia di sottogruppi di malattie cardiovascolari.

I ricercatori hanno condotto un’analisi post hoc secondaria in cui i partecipanti al gruppo di intervento sullo stile di vita intensivo sono stati divisi in sottogruppi in base alla percentuale di peso perso nel primo anno di intervento. Gli adulti nel gruppo di intervento che hanno perso il 10% o più di peso corporeo a 1 anno avevano un rischio di mortalità inferiore rispetto a tutti i partecipanti al gruppo di supporto e istruzione per il diabete (HR = 0,8; IC 95%, 0,67-0,94; P = 0,007 ).

“Potrebbe essere importante puntare a una perdita di peso del 10% o più per ridurre il rischio di mortalità”, ha affermato Wing.

Wing ha aggiunto che è importante continuare a seguire i partecipanti di Look AHEAD per un periodo più lungo per determinare gli effetti a lungo termine e il rischio di un intervento intensivo sullo stile di vita.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: