Mangiare e bere

Rischio di insicurezza alimentare correlato al diabete più tardi nella vita

Adv

Secondo uno studio della Washington State University, i giovani adulti a rischio di insicurezza alimentare avevano una maggiore incidenza di diabete 10 anni dopo.

Mentre la ricerca precedente ha associato l’insicurezza alimentare con una serie di problemi di salute tra cui diabete, obesità e ipertensione, questo studio ha mostrato una connessione nel tempo, suggerendo una relazione causale.

Adv

Nello studio, pubblicato sul Journal of Nutrition , i ricercatori hanno analizzato i dati su quasi 4.000 persone del National Longitudinal Study of Adolescent to Adult Health. Hanno scoperto che gli adulti di età compresa tra 24 e 32 anni che hanno affermato di essere stati preoccupati per la fine del cibo nell’ultimo anno hanno mostrato una maggiore incidenza di diabete, attraverso test della glicemia o auto-segnalazione, all’età di 32-42 anni, rispetto a quelli che lo hanno fatto non segnalare il rischio di insicurezza alimentare.

“Quando esaminiamo i dati 10 anni dopo, vediamo questa separazione nella prevalenza del diabete: coloro che hanno sperimentato il rischio di insicurezza alimentare in giovane età adulta hanno maggiori probabilità di avere il diabete nell’età adulta di mezzo”, ha affermato Cassandra Nguyen, autrice principale dello studio e un assistente professore presso l’Institute for Research and Education to Advance Community Health o IREACH della WSU.

Sebbene lo studio non sia stato in grado di identificare il motivo esatto di questa connessione, ricerche precedenti hanno dimostrato che le famiglie con insicurezza alimentare spesso seguono diete con valori nutrizionali inferiori.

“Mangiare secondo le linee guida dietetiche tende a costare di più e può costare più tempo”, ha affermato Nguyen. “Non è sempre accessibile alle famiglie che hanno limitazioni come il trasporto verso fonti di cibo nutrizionalmente denso e a basso costo”.

Nguyen ha aggiunto che le persone che soffrono di insicurezza alimentare possono anche rimanere intrappolate in un ciclo di rafforzamento negativo: quando l’insicurezza alimentare è associata a una dieta che contribuisce al rischio di malattie, che quindi crea spese sanitarie aggiuntive, stressando le risorse economiche di una famiglia e aggravando l’insicurezza alimentare.

Lo studio non ha rivelato differenze tra razza o etnia, ma gli autori hanno notato che il numero di minoranze nel campione potrebbe essere troppo basso per mostrare un modello.

Per il lavoro futuro, il team di ricerca prevede di indagare sul rischio di insicurezza alimentare e sui problemi di salute all’interno delle popolazioni degli indiani d’America e dei nativi dell’Alaska. Queste comunità sono spesso escluse dalle relazioni annuali sull’insicurezza alimentare, il che significa che possono essere trascurate quando vengono apportate riforme ai programmi e alle politiche di assistenza alimentare. Nguyen ha recentemente condotto una revisione di 30 studi che hanno rilevato che le stime dell’insicurezza alimentare nelle popolazioni native variavano ampiamente, ma anche la stima più bassa supera di gran lunga la prevalenza tra gli adulti bianchi non ispanici.

Interventi – come SNAP , il programma di assistenza alla nutrizione supplementare, la sua componente educativa SNAP-Ed e EFNEP , il programma di educazione alimentare e nutrizionale ampliata – si sono dimostrati efficaci nel migliorare la dieta e la salute, ha affermato Nguyen. Ma per trarne vantaggio, le persone devono essere contate per prime.

“È davvero importante garantire che le persone che stanno vivendo un’insicurezza alimentare possano essere identificate e che abbiano le risorse messe a loro disposizione per poter interrompere il ciclo”, ha affermato.

Lo studio è stato condotto da un team interdisciplinare affiliato a IREACH: Nguyen, che ha pubblicato il lavoro con il suo nome da nubile Nikolaus, e Luciana Herbert sono entrambi del WSU Elson S. Floyd College of Medicine; Anna Zamora-Kapoor del Dipartimento di Sociologia della WSU e Ka’imi Sinclair del College of Nursing della WSU.

Questa ricerca è supportata dal National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Diseases attraverso una sovvenzione al Center for American Indian and Alaska Native Diabetes Translation Research.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.