Mangiare e bere

Colmare le “significative lacune” nella sicurezza nutrizionale

La nuova tabella di marcia politica dell’American Heart Association affronta le disuguaglianze nella nutrizione, mira a garantire che tutti possano mangiare sano.

Punti salienti della dichiarazione politica:

  • Molte politiche e programmi esistenti si concentrano sul miglioramento dell’accesso a cibo a sufficienza. Tuttavia, vi è un crescente consenso sul fatto che l’attenzione dovrebbe invece essere concentrata sul concetto più ampio di miglioramento della sicurezza nutrizionale, che include la disponibilità, l’accesso, la convenienza e l’uso equi e stabili di cibi e bevande che promuovono il benessere e prevengono e curano le malattie.
  • Nuove raccomandazioni supportano politiche che garantiscono la sicurezza nutrizionale per tutte le persone nel corso della loro vita e che tutte le persone hanno le conoscenze e gli strumenti per preparare, mangiare e conservare cibi nutrienti.
  • La dichiarazione politica include raccomandazioni per espandere e migliorare le attuali politiche e programmi per raggiungere la sicurezza nutrizionale enfatizzando la qualità nutrizionale; migliorare la portata; garantire un uso ottimale; migliorare il coordinamento tra i programmi; garantire la stabilità dell’accesso ai programmi nel corso della vita; e garantire equità e dignità per l’accesso e l’uso.

DALLAS, 10 maggio 2022 — Ciò che mangiamo e beviamo nel corso della nostra vita ha un grande impatto sulla salute del nostro cuore e del nostro cervello. L’American Heart Association, la principale organizzazione sanitaria di volontariato dedicata a un mondo di vite più lunghe e più sane per tutti, ha pubblicato oggi una nuova dichiarazione che delinea soluzioni politiche per promuovere l’equità nell’accesso a cibi nutrienti per tutta la durata della vita. La dichiarazione politica, Rafforzare le politiche e i programmi alimentari degli Stati Uniti per promuovere l’equità nella sicurezza nutrizionale , pubblicata sulla rivista di punta dell’Associazione Circulation , stabilisce una nuova agenda per aiutare a rendere i cibi sani alla portata di tutti. Questi includono il lavoro attraverso molti programmi già in atto per fornire cibi più nutrienti alle popolazioni svantaggiate.

Molte politiche e programmi esistenti si concentrano sul miglioramento dell’accesso a quantità sufficienti di cibo. Tuttavia, vi è un crescente consenso sul fatto che l’attenzione dovrebbe invece essere concentrata sul concetto più ampio di miglioramento della sicurezza nutrizionale, che include la disponibilità, l’accesso, la convenienza e l’uso equi e stabili di cibi e bevande che promuovono il benessere e prevengono e curano le malattie. La dichiarazione incoraggia politiche che garantiscano la sicurezza nutrizionale per tutte le persone nel corso della loro vita e che tutte le persone abbiano le conoscenze e gli strumenti per preparare, mangiare e conservare cibi nutrienti.

La disponibilità, l’accessibilità e la convenienza di cibi nutrienti è iniqua negli Stati Uniti. Nel 2015, il 12,8% della popolazione statunitense aveva un reddito inferiore e un accesso limitato a un negozio di alimentari, un supermercato o un supercentro. Le differenze nella qualità della dieta contribuiscono alle disparità di salute socioeconomiche e razziali/etniche. Rispetto a quelli con un reddito più elevato, gli americani con un reddito più basso tendono ad avere una qualità della dieta inferiore, consumando meno verdura, frutta e cereali integrali e mangiando cereali più raffinati, grassi saturi e zuccheri aggiunti. Gli individui che non hanno accesso a cibi nutrienti tendono a provenire da gruppi razziali ed etnici sottorappresentati e ad essere geograficamente centralizzati in parti specifiche degli Stati Uniti. La mancanza di mezzi di trasporto contribuisce anche a uno scarso accesso a negozi di alimentari e supermercati tra le persone con scarsa sicurezza alimentare.

“Molti fattori influiscono sul fatto che gli individui abbiano cibi nutrienti disponibili e accessibili nella loro comunità e convenienti per il loro livello di reddito. Anche gli individui e le famiglie hanno bisogno degli strumenti e delle conoscenze per scegliere e preparare cibi sani”, ha affermato Anne N. Thorndike, MD, MPH, presidente del gruppo di redazione di dichiarazioni e professore associato presso la Harvard Medical School e il Massachusetts General Hospital. “Tutti in ogni comunità dovrebbero avere la capacità di consumare cibi nutrienti per tutta la vita. Nonostante le politiche e i programmi esistenti, permangono notevoli lacune per raggiungere l’equità nella sicurezza nutrizionale. Le modifiche alle politiche per migliorare la sicurezza nutrizionale aiuterebbero milioni di persone a vivere una vita più sana”.

La dichiarazione politica include raccomandazioni per espandere e migliorare le politiche e i programmi attuali per raggiungere la sicurezza nutrizionale:

  • enfatizzare la qualità nutrizionale;
  • migliorare la portata;
  • garantire un uso ottimale;
  • migliorare il coordinamento tra i programmi;
  • garantire la stabilità dell’accesso ai programmi nel corso della vita;
  • e garantire equità e dignità per l’accesso e l’uso.

La dichiarazione richiede un prossimo passo fondamentale per sviluppare e attuare misure nazionali di sicurezza nutrizionale oltre alle attuali misure di sicurezza alimentare degli Stati Uniti.

Il raggiungimento dell’equità nella sicurezza nutrizionale richiederà sforzi coordinati e sostenuti a livello federale, statale, locale e tribale. Saranno necessari futuri advocacy, innovazione e ricerca per espandere le politiche e i programmi di assistenza alimentare esistenti e per sviluppare e attuare nuove politiche e programmi che miglioreranno la salute cardiovascolare e ridurranno le disparità nelle malattie croniche.

Questa dichiarazione politica è stata preparata dal gruppo di scrittori di volontari per conto del Comitato di coordinamento dell’advocacy dell’American Heart Association.

I coautori sono il vicepresidente Christopher D. Gardner, Ph.D.; Katherine Bishop Kendrick, MS, MPH; Hilary K. Seligman MD, MAS; Amy L. Yaroch, Ph.D.; Aldrin V. Gomes, Ph.D.; Kendra N. Ivy, MD; Stephanie Scarmo, Ph.D., MPH; Caree Jackson Cotwright, Ph.D.; Colby Duren, JD; e Marlene B. Schwartz, Ph.D.

L’Associazione riceve finanziamenti principalmente da privati. Anche le fondazioni e le società (comprese farmaceutiche, produttori di dispositivi e altre società) effettuano donazioni e finanziano programmi ed eventi specifici dell’Associazione. L’Associazione ha politiche rigorose per impedire che queste relazioni influenzino il contenuto scientifico. I ricavi delle aziende farmaceutiche e biotecnologiche, dei produttori di dispositivi e dei fornitori di assicurazioni sanitarie e le informazioni finanziarie generali dell’Associazione sono disponibili qui .

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: