Benessere Vista e dintorni

Quando si sbaglia

Adv

Una cattiva vista ingiustamente scambiata per declino cerebrale

Close-up of a colorful rainbow woman eye isolated on panoramic white background, colors vision concept header and web banner

Milioni di persone anziane con problemi di vista rischiano di essere diagnosticate erroneamente con lievi disturbi cognitivi, secondo un nuovo studio dell’Università del South Australia .

I test cognitivi che si basano su compiti dipendenti dalla vista potrebbero distorcere i risultati in un quarto delle persone di età superiore ai 50 anni che hanno problemi visivi non diagnosticati come la cataratta o la degenerazione maculare legata all’età (AMD).

Adv

La degenerazione maculare legata all’età è una delle principali cause di perdita della vista negli anziani. Non causa la completa perdita della vista, ma influisce gravemente sulla capacità delle persone di leggere, guidare, cucinare e persino riconoscere i volti. Non ha alcun rapporto con la cognizione.

I ricercatori dell’UniSA hanno reclutato 24 partecipanti con una vista normale per completare due test cognitivi: uno che coinvolge compiti reattivi dipendenti dalla vista e l’altro basato sulla fluidità verbale.

Usando una serie di occhiali per simulare l’AMD, i partecipanti hanno ottenuto punteggi molto più bassi nel test cognitivo che prevede attività di tempo di reazione rispetto a quelli senza gli occhiali. Non c’era alcuna differenza statistica con i test di fluidità verbale quando si utilizzavano gli occhiali.

Lo studio è stato pubblicato su Scientific Reports .

La dottoranda di ricerca UniSA Anne Macnamara, che ha guidato lo studio, afferma che i risultati ricordano chiaramente che le disabilità visive – che colpiscono circa 200 milioni di persone in tutto il mondo di età superiore ai 50 anni – influenzano ingiustamente i punteggi cognitivi quando i test coinvolgono le capacità visive.

“Un punteggio errato nei test cognitivi potrebbe avere conseguenze devastanti, portando a cambiamenti inutili nelle circostanze di vita, lavorative, finanziarie o sociali di una persona”, afferma Macnamara.

“Ad esempio, se un punteggio errato ha contribuito a una diagnosi di decadimento cognitivo lieve, potrebbe innescare problemi psicologici tra cui depressione e ansia.

“Le persone con AMD stanno già riscontrando molteplici problemi a causa della perdita della vista e una valutazione cognitiva imprecisa è un onere aggiuntivo di cui non hanno bisogno”.

Le disabilità visive sono spesso trascurate nella ricerca e negli ambienti clinici, affermano i ricercatori dell’UniSA, con una riduzione della vista sottostimata fino al 50% degli anziani.

E con questa cifra che dovrebbe aumentare in linea con l’invecchiamento della popolazione, è fondamentale che i ricercatori neuro-degenerativi controllino la vista quando valutano la cognizione delle persone.

“Le app mobili ora possono essere utilizzate per sovrapporre disabilità visive simulate ai materiali di prova durante il pilotaggio dei loro stimoli”, afferma Macnamara.

“Inoltre, i ricercatori possono incorporare attività di screening rapide e semplici prima di convincere le persone a eseguire test cognitivi. Anche i compiti verbali dovrebbero sempre far parte della valutazione”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: