Benessere

Il mantra, la litania del diabete

Adv

“Controllare i livelli di zucchero prima per proteggersi dagli attacchi di cuore” trova un “nuovo studio” sul diabete di tipo 2

Secondo una nuova ricerca dell’Università del Surrey, le persone con diabete di tipo 2 potrebbero aver bisogno di ridurre i livelli di zucchero nel sangue prima della diagnosi di quanto si pensasse in precedenza, per prevenire eventi cardiovascolari importanti come infarti.

Lo studio del Surrey suggerisce che il controllo dei livelli di zucchero nel sangue entro il primo anno dalla diagnosi riduce l’incidenza di eventi cardiovascolari maggiori. Inoltre, il team ha anche scoperto che più i livelli ematici di un paziente variavano 12 mesi dopo la diagnosi, maggiore era la probabilità che si verificassero pericolosi eventi cardiovascolari. 

Il dottor Martin Whyte, coautore dello studio e lettore di medicina metabolica presso l’Università del Surrey, ha dichiarato: 

“La saggezza convenzionale è stata quella di trattare lentamente e costantemente il diabete di tipo 2 con dieta e farmaci aumentando la dose nel corso degli anni – il periodo durante il quale le persone hanno impiegato per ridurre i livelli di zucchero dopo la diagnosi era ritenuto meno importante per una maggiore protezione vascolare. Tuttavia, il nostro uno studio osservazionale suggerisce che tenere rapidamente sotto controllo i livelli ematici – entro i primi 12 mesi dalla diagnosi – aiuterà in modo significativo a ridurre gli eventi cardiovascolari”.  

Il diabete di tipo 2 è una condizione comune che provoca un livello di zucchero nel sangue troppo alto. La condizione è collegata all’obesità o a una storia familiare di diabete di tipo 2 e può aumentare il rischio di una persona di contrarre gravi condizioni di salute.  

Lo studio dell’Università del Surrey ha utilizzato il database del Royal College of General Practitioners’ Research and Surveillance Center per eseguire un esame completo del controllo glicemico raggiunto entro il primo anno dalla diagnosi e della successiva variabilità del livello di zucchero nel sangue con incidenti di malattie cardiovascolari. 

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Diabetes, Obesity and Metabolism. 

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: