Equilibrio

Sette ore di sonno sono ottimali nella mezza età e nella vecchiaia, affermano i ricercatori

Adv

Sette ore sono la quantità ideale di sonno per le persone di mezza età e oltre, con troppo poco o troppo poco sonno associato a prestazioni cognitive e salute mentale più scarse, affermano i ricercatori dell’Università di Cambridge e della Fudan University.

Il sonno svolge un ruolo importante nell’attivare la funzione cognitiva e nel mantenere una buona salute psicologica. Aiuta anche a mantenere il cervello sano rimuovendo i prodotti di scarto. Quando invecchiamo, vediamo spesso alterazioni nei nostri schemi di sonno, tra cui difficoltà ad addormentarsi e rimanere addormentati, e diminuzione della quantità e qualità del sonno. Si pensa che questi disturbi del sonno possano contribuire al declino cognitivo e ai disturbi psichiatrici nella popolazione che invecchia.

Adv

Nella ricerca pubblicata oggi su Nature Aging , scienziati del Regno Unito e della Cina hanno esaminato i dati di quasi 500.000 adulti di età compresa tra 38 e 73 anni della biobanca britannica. I partecipanti sono stati interrogati sui loro schemi di sonno, sulla salute mentale e sul benessere e hanno preso parte a una serie di test cognitivi. L’imaging cerebrale e i dati genetici erano disponibili per quasi 40.000 partecipanti allo studio.

Analizzando questi dati, il team ha scoperto che sia la durata del sonno insufficiente che quella eccessiva erano associate a prestazioni cognitive ridotte, come velocità di elaborazione, attenzione visiva, memoria e capacità di risoluzione dei problemi. Sette ore di sonno per notte erano la quantità ottimale di sonno per le prestazioni cognitive, ma anche per una buona salute mentale, con le persone che manifestavano più sintomi di ansia e depressione e un benessere generale peggiore se riferivano di dormire per periodi più o meno lunghi.

I ricercatori affermano che una possibile ragione per l’associazione tra sonno insufficiente e declino cognitivo potrebbe essere dovuta all’interruzione del sonno a onde lente – “profondo” -. È stato dimostrato che l’interruzione di questo tipo di sonno ha uno stretto legame con il consolidamento della memoria e l’accumulo di amiloide, una proteina chiave che, quando si ripiega male, può causare “grovigli” nel cervello caratteristici di alcune forme di demenza . Inoltre, la mancanza di sonno può ostacolare la capacità del cervello di liberarsi dalle tossine.

Il team ha anche trovato un legame tra la quantità di sonno e le differenze nella struttura delle regioni cerebrali coinvolte nell’elaborazione cognitiva e nella memoria, sempre con maggiori cambiamenti associati a più o meno di sette ore di sonno.

Avere un sonno costante di sette ore ogni notte, senza troppe fluttuazioni di durata, era importante anche per le prestazioni cognitive e per una buona salute mentale e benessere. Precedenti studi hanno anche dimostrato che i modelli di sonno interrotti sono associati a un aumento dell’infiammazione, indicando una suscettibilità alle malattie legate all’età nelle persone anziane.

Il professor Jianfeng Feng della Fudan University in Cina ha dichiarato: “Anche se non possiamo affermare in modo conclusivo che troppo poco o troppo sonno causi problemi cognitivi, la nostra analisi che esamina gli individui per un periodo di tempo più lungo sembra supportare questa idea. Ma le ragioni per cui le persone anziane dormono meno sembrano essere complesse, influenzate da una combinazione del nostro corredo genetico e della struttura del nostro cervello”.

I ricercatori affermano che i risultati suggeriscono che la durata del sonno insufficiente o eccessiva può essere un fattore di rischio per il declino cognitivo nell’invecchiamento. Ciò è supportato da studi precedenti che hanno riportato un legame tra la durata del sonno e il rischio di sviluppare il morbo di Alzheimer e la demenza, in cui il declino cognitivo è un sintomo caratteristico.

La professoressa Barbara Sahakian del Dipartimento di Psichiatria dell’Università di Cambridge, uno degli autori dello studio, ha dichiarato: “Dormire bene la notte è importante in tutte le fasi della vita, ma soprattutto con l’età. Trovare modi per migliorare il sonno per le persone anziane potrebbe essere fondamentale per aiutarli a mantenere una buona salute mentale e benessere ed evitare il declino cognitivo, in particolare per i pazienti con disturbi psichiatrici e demenze”.

La ricerca è stata supportata dal National Key R&D Program of China, dal Shanghai Municipal Science and Technology Major Project, dal Shanghai Center for Brain Science and Brain-Inspired Technology, dal 111 Project, dalla National Natural Sciences Foundation of China e dallo Shanghai Rising Star Programma.

Peacefulness concept. Handsome man sleeping in bed

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: