Terapie

Statine rispondono? Ecco la risposta

Adv

Composizione del microbioma intestinale predittiva della risposta del paziente alle statine

I ricercatori dell’Institute for Systems Biology mostrano che le diverse risposte dei pazienti alle statine possono essere spiegate dalla variazione del microbioma umano.

Più di 40 milioni di americani prendono le statine, il tipo più comune di farmaci da prescrizione. Sebbene sia stato dimostrato che le statine abbassano efficacemente i livelli di colesterolo e riducono i rischi di ictus e infarto, non funzionano allo stesso modo per tutti e gli effetti collaterali dell’uso di statine includono un aumento del rischio di sviluppare il diabete di tipo 2.

Adv

I ricercatori dell’Institute for Systems Biology hanno dimostrato che le diverse risposte dei pazienti alle statine possono essere spiegate dalla variazione del microbioma umano. I risultati sono stati pubblicati oggi sulla rivista Med e offrono strade promettenti per ottimizzare i trattamenti di precisione con statine per i singoli pazienti. 

Il team di ricerca ha scoperto che la composizione e la diversità del microbioma intestinale sono predittive dell’efficacia delle statine e dell’entità degli effetti collaterali negativi. 

“In particolare, abbiamo scoperto che un microbioma arricchito con Bacteroides con livelli di diversità più bassi era associato alla più forte risposta di riduzione delle LDL alle statine, ma coincideva anche con la maggiore interruzione dei livelli di glucosio nel sangue”, ha affermato il dott. Tomasz Wilmanski, autore principale del studio. 

Il team ha anche scoperto che gli individui con un microbioma arricchito con Ruminococcaceae erano protetti dagli effetti collaterali negativi delle statine sulla resistenza all’insulina, mostrando anche una chiara risposta di riduzione delle LDL. 

Wimanski e i suoi colleghi hanno costruito modelli statistici con microbioma, metaboloma, genoma umano e cartelle cliniche da una coorte americana di oltre 1.800 persone e hanno fatto le loro prime scoperte sugli effetti variabili delle statine sia sul colesterolo che sui marcatori della glicemia. Successivamente, hanno convalidato i loro risultati in una coorte europea indipendente di quasi 1.000 persone.  

La combinazione unica di microbioma e informazioni genomiche in questo studio fornisce nuove interessanti informazioni sui potenziali approcci ai trattamenti farmacologici di precisione. 

L’impronta genetica di un paziente, che include marcatori genetici noti della risposta al trattamento con statine, è già stata sfruttata in clinica per guidare regimi di trattamento personalizzati con statine. In questo studio, gli autori hanno scoperto che la variabilità nelle risposte delle statine spiegata dal microbioma era completamente indipendente dalla variabilità catturata dal genoma. “È un asse di variabilità completamente diverso, quindi siamo in grado di costruire modelli che includono sia la genetica che il microbioma intestinale per migliorare le nostre previsioni di risposta delle statine”, ha affermato Wilmanski. “Il genoma e il microbioma, insieme, sembrano fornire un quadro più completo e complementare delle risposte farmacologiche personalizzate”. 

Un logico seguito a questo lavoro è una sperimentazione clinica. “Sarebbe fantastico prendere queste conoscenze sul genoma e sul microbioma e prevedere regimi di dosaggio personalizzati per una coorte di pazienti, quindi seguire questi pazienti in avanti nel tempo, monitorando la loro salute metabolica e i loro livelli di colesterolo LDL, per dimostrare che questa popolazione dei pazienti sottoposti a un intervento di precisione ottengono risultati migliori rispetto a un gruppo di controllo di pazienti che ricevono ciò che viene normalmente prescritto”, ha affermato il dottor Sean Gibbons, assistente professore dell’ISB, autore corrispondente dell’articolo. 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.