Benessere

Magro o grasso fa poca differenza

Adv

Più malattie cardiovascolari riscontrate nelle persone magre con steatosi epatica non alcolica rispetto a quelle in sovrappeso con la stessa condizione

Un nuovo studio sorprende i ricercatori che affermano che i medici potrebbero trascurare i pazienti magri con steatosi epatica non alcolica

Bethesda, MD (13 maggio 2021) — Secondo una ricerca, quelli con un indice di massa corporea (BMI) normale con steatosi epatica non alcolica (NAFLD) hanno maggiori probabilità di avere malattie cardiovascolari rispetto a quelli che sono in sovrappeso o convivono con l’obesità selezionato per la presentazione alla Digestive Disease Week® (DDW) 2022. Circa il 25% degli adulti negli Stati Uniti ha NAFLD, un termine per varie condizioni del fegato che colpiscono coloro che bevono poco o nessun alcol.

Adv

Questo legame con le malattie cardiovascolari è stato trovato anche se i pazienti magri avevano meno probabilità di avere cirrosi, diabete, colesterolo alto o pressione alta.

“Il nostro team si aspettava di vedere che quelli con un BMI normale avrebbero avuto una minore prevalenza di qualsiasi condizione metabolica o cardiovascolare, quindi siamo rimasti molto sorpresi di trovare questo collegamento con le malattie cardiovascolari”, ha affermato Karn Wijarnpreecha, MD, MPH, ricercatore capo di il borsista di studio e di epatologia dei trapianti presso l’Università del Michigan. “Troppo spesso trascuriamo i pazienti NAFLD con un BMI normale perché presumiamo che il loro rischio per condizioni più gravi sia inferiore rispetto a quelli in sovrappeso. Ma questo modo di pensare potrebbe mettere a rischio questi pazienti”.

 La caratteristica principale della NAFLD è avere troppo grasso immagazzinato nelle cellule del fegato. In genere non ha sintomi e può portare ad altre condizioni pericolose, come diabete, malattie cardiovascolari e cirrosi epatica.

Sebbene la NAFLD sia più comune nelle persone in sovrappeso o che convivono con l’obesità, si trova anche nelle persone che hanno un BMI normale. Tuttavia, sono state fatte poche o nessuna ricerca sulle condizioni associate a questa popolazione in relazione alla condizione.

I ricercatori hanno condotto uno studio di coorte retrospettivo su oltre 10.000 adulti con diagnosi di NAFLD presso l’ospedale dell’Università del Michigan dal 2012 al 2021 per confrontare la prevalenza di cirrosi, malattie cardiovascolari, malattie metaboliche e malattie renali croniche tra quattro classi di pazienti: magra (BMI = da 18,5 a 24,9), sovrappeso (BMI=25-29,9), obesità di classe 1 (BMI=30-34,9) e obesità di classe 2-3 (BMI=35-<40).

Hanno scoperto che rispetto ai pazienti non magri, i pazienti magri avevano una minore prevalenza di cirrosi, diabete mellito, ipertensione e dislipidemia; ma una maggiore prevalenza di malattie vascolari periferiche, malattie cerebrovascolari e qualsiasi malattia cardiovascolare.

“In ulteriori analisi, abbiamo scoperto che i pazienti magri con NAFLD avevano anche una prevalenza significativamente più alta di malattie cardiovascolari, indipendentemente da età, sesso, razza, fumo, diabete, ipertensione e dislipidemia”, ha affermato il dott. Wijarnpreecha.

I ricercatori hanno in programma di condurre ulteriori studi che seguiranno i pazienti a lungo termine per determinare se i pazienti magri hanno un rischio maggiore di sviluppare malattie cardiovascolari a causa della NAFLD.

Date le ragioni sconosciute alla base della maggiore prevalenza di malattie cardiovascolari tra i pazienti magri con NAFLD, i ricercatori incoraggiano i medici a non trascurare i pazienti magri con NAFLD poiché potrebbero dover affrontare gravi conseguenze per la salute simili ai pazienti in sovrappeso o con obesità.

Dettagli della presentazione DDW

Il Dr. Wijarnpreecha presenterà i dati dello studio, “Maggiore prevalenza di malattie cardiovascolari tra i pazienti magri rispetto a quelli non magri con steatosi epatica non alcolica nonostante una minore prevalenza di rischio aterogenico e malattie metaboliche”, abstract 325, domenica 22 maggio, alle 8 :30 PDT. Per ulteriori informazioni sugli studi in primo piano, nonché per un programma di disponibilità per i ricercatori in primo piano, visitare www.ddw.org/press .

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.