Mangiare e bere

Non tutte le fibre alimentari sono uguali

Adv

I benefici per la salute delle fibre alimentari variano da individuo a individuo e possono dipendere dal tipo specifico di fibra e dalla dose consumata, i ricercatori riferiscono sulla rivista Cell Host & Microbe .

Adv

“I nostri risultati dimostrano che gli effetti fisiologici, microbici e molecolari delle singole fibre differiscono sostanzialmente”, afferma l’autore senior dello studio Michael Snyder ( @SnyderShot ), genetista presso la Stanford School of Medicine. “Inoltre, i nostri risultati dimostrano l’allettante prospettiva di utilizzare fibre mirate, mediate dal microbioma, per guidare la salute e la biologia dei sistemi in una direzione prevedibile e personalizzata”.

Le diete ricche di fibre riducono il rischio di infarto, ictus e malattie cardiovascolari. Agiscono abbassando il colesterolo e promuovendo un profilo lipidico più sano per le persone che seguono una dieta occidentalizzata. Le fibre alimentari sono carboidrati che vengono metabolizzati selettivamente dai microbi intestinali ma sono altrimenti indigeribili dall’uomo. Comprendere come influenzano il microbioma e, a sua volta, la biochimica e la fisiologia umana è fondamentale per utilizzare efficacemente l’integrazione di fibre alimentari per migliorare la salute umana.

Chimicamente, le fibre sono diverse per lunghezza, ramificazione, solubilità, carica e altre proprietà. “Di solito sono studiati come miscele complesse dalla loro fonte vegetale”, dice Snyder. “E’ necessario determinare gli effetti non adulterati delle singole fibre sul microbioma e stabilire biomarcatori sanitari associati, idealmente testando fibre diverse sugli stessi individui”.

Per rispondere a questa esigenza, Snyder e i suoi colleghi si sono proposti di capire in che modo i singoli componenti delle fibre purificate influiscono sullo stesso gruppo di partecipanti. In particolare, hanno studiato gli effetti fisiologici dell’integrazione alimentare con due fibre solubili comuni e strutturalmente distinte: arabinoxilano (AX), che è comune nei cereali integrali, e inulina a catena lunga (LCI), che si trova in cipolle, radice di cicoria e topinambur.

I ricercatori hanno utilizzato la metagenomica delle feci, la proteomica del plasma, la metabolomica, la lipidomica e hanno analizzato le citochine sieriche e i valori clinici in 18 partecipanti. “La fibra è associata a una migliore salute metabolica e cardiovascolare, ma la comprensione degli effetti delle singole fibre sulla risposta microbica e metabolomica non è stata studiata utilizzando un set di dati multiomico”, afferma Snyder.

I partecipanti hanno consumato 10 grammi di fibre al giorno durante la prima settimana, 20 grammi al giorno durante la seconda settimana e 30 grammi al giorno durante la terza settimana. I risultati hanno rivelato risposte microbiche e sistemiche dipendenti dalle fibre e spesso dalla dose. In media, il consumo di AX è stato associato a una significativa riduzione delle lipoproteine ??a bassa densità (LDL), note come colesterolo cattivo, e ad un aumento degli acidi biliari, che possono contribuire alla riduzione del colesterolo. Tuttavia, le risposte individuali variavano e alcuni partecipanti hanno visto un cambiamento minimo o nullo nei livelli di colesterolo.

“Diversi alimenti ricchi di fibre hanno effetti di riduzione del colesterolo e il nostro studio suggerisce che queste riduzioni possono essere guidate da singoli costituenti del mix di fibre negli alimenti vegetali non raffinati”, afferma Snyder.

Nel frattempo, l’LCI è stato associato a una modesta diminuzione dei marcatori di infiammazione e a un aumento dell’abbondanza di Bifidobacterium , un tipo generalmente benefico di microbo intestinale noto per produrre acidi grassi sani a catena corta. Ma alla dose più alta, c’era un aumento dell’infiammazione e dei livelli di un enzima epatico chiamato alanina aminotransferasi, suggerendo che una quantità eccessiva di questa fibra potrebbe essere dannosa. Anche in questo caso, queste risposte potenzialmente negative erano variabili tra i partecipanti.

Due limiti dello studio erano la sua breve durata e il piccolo numero di partecipanti. Ma secondo gli autori, lo studio fornisce approfondimenti sui meccanismi alla base della riduzione del colesterolo indotta dalle fibre, rivela gli effetti deleteri dell’elevato consumo di inulina ed evidenzia l’associazione delle singole fibre purificate con il microbioma.

“Nel complesso, i nostri risultati mostrano che i benefici della fibra dipendono dal tipo di fibra, dalla dose e dal partecipante, un panorama di fattori risultanti dalle interazioni tra fibra, microbioma intestinale e ospite”, afferma Snyder. “Questi risultati hanno importanti implicazioni nella risposta e negli interventi personalizzati”.

###

Il finanziamento è stato fornito dal National Institutes of Health e dal National Center for Complementary and Integrative Health. Gli autori non dichiarano interessi concorrenti.

Cell Host & Microbe , Lancaster e Lee-McMullen et al. “Cambiamenti globali, distintivi e personali nei profili molecolari e microbici da fibre specifiche nell’uomo”, https://www.cell.com/cell-host-microbe/fulltext/S1931-3128(22)00166-4

Categorie:Mangiare e bere

Con tag:

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.