Batticuore

Tempi moderni: un adolescente maschio su cinque soffre di pressione alta

Adv

I livelli malsani di ipertensione stanno aumentando a livello globale, specialmente durante la pubertà, con i ragazzi colpiti da tre a quattro volte più frequentemente rispetto alle ragazze: circa il 20% degli adolescenti maschi ha la pressione sanguigna elevata. Le principali cause di ipertensione primaria (ipertensione non innescata da un’altra malattia) nei giovani sono l’obesità e la mancanza di esercizio e, sempre più, lo stress psicologico cronico.

Sulla base dei dati scientifici , una delle ragioni principali dell’aumento del rischio per la salute dei giovani è l’obesità: mentre l’ipertensione primaria si riscontra nell’1,4% degli adolescenti normopeso e nel 7,1% degli adolescenti in sovrappeso, la percentuale sale al 25% negli adolescenti obesi. “L’aumento della circonferenza della vita, che presenta in particolare il grasso addominale, è associato all’ipertensione e all’insorgenza precoce di malattie cardiovascolari”, riferisce Susanne Greber-Platzer, capo del dipartimento di pediatria e medicina dell’adolescenza presso MedUni Vienna.

Ansia, pressione e stress

La mancanza di esercizio, a sua volta, porta a un triplice aumento del rischio di ipertensione. L’esposizione cronica ad ansia, pressione e stress è in aumento anche nei bambini e negli adolescenti, con effetti significativi sulla loro salute e pressione sanguigna. Inoltre , le bevande zuccherate e i cibi salati influenzano direttamente la pressione sanguigna. La rapida crescita durante la pubertà, soprattutto nei ragazzi, porta spesso a valori pressori patologici. Anche la prematurità, il basso peso alla nascita e la predisposizione genetica possono svolgere un ruolo.

Fattori come l’età, il sesso e l’altezza devono essere presi in considerazione quando si misura l’ipertensione nei bambini di età inferiore ai 15 anni. Per gli adolescenti di età pari o superiore a 16 anni, una pressione sanguigna superiore a 140/90 è considerata ipertensiva dopo tre misurazioni indipendenti, come negli adulti. Come gli adulti, i bambini e gli adolescenti non notano la pressione alta , quindi la diagnosi precoce è difficile. Possono verificarsi sintomi generali come mal di testa, vertigini o sanguinamento dal naso, ma non sono necessariamente presenti. Crisi ipertensive, valori della pressione sistolica notevolmente elevati, possono portare a confusione e convulsioni e persino perdita di coscienza, presentando situazioni pericolose per la vita.

Alto rischio di esordio precoce di malattie cardiovascolari

L’ipertensione a lungo termine porta all’ipertrofia ventricolare sinistra e al danno endoteliale dei vasi arteriosi comprese le arterie coronarie, aumentando di conseguenza il rischio di infarto miocardico prematuro o ictus, anche in giovane età adulta. “Per prevenire il rischio di danni cardiovascolari precoci, sarebbe necessario uno screening dall’età di tre anni”, afferma Susanne Greber-Platzer, sottolineando l’importanza di misurare la pressione sanguigna nei bambini e negli adolescenti almeno ogni due anni. Pertanto, uno stile di vita sano dovrebbe essere forzato e durante l’infanzia possono essere indicati ulteriori farmaci per abbassare la pressione sanguigna per prevenire danni cardiovascolari precoci.

Se l’ipertensione è causata da altre malattie (ipertensione secondaria), è necessario trattare la malattia primaria in modo appropriato e consentire la riduzione della pressione sanguigna. Ad esempio, il diabete mellito di tipo I provoca ipertensione in circa il 15%, che si manifesta frequentemente durante l’infanzia o l’adolescenza.

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: