Benessere Mangiare e bere

Misurare la diversità dal campo alla tavola: un nuovo rapporto valuta 10 paesi mediterranei

Adv

La rinomata dieta mediterranea è sostenuta da cibi diversi. Tuttavia, dopo aver valutato il consumo, la produzione e la conservazione dell’agrobiodiversità nella regione, i ricercatori affermano che sono necessarie ulteriori azioni per garantire la resilienza del sistema alimentare.

Perché misurare l’agrobiodiversità mediterranea? 

Quali cibi ti vengono in mente quando pensi alla “ Dieta Mediterranea ”? Per la maggior parte delle persone, il termine evoca forti associazioni con ingredienti freschi e minimamente trasformati – olio d’oliva, frutta fresca, verdura, legumi e cereali integrali, seguiti da pesce e prodotti animali – che insieme costituiscono una forma di produzione e consumo alimentare locale che ha vantaggi sociali, economici e culturali. Comprendendo paesi dall’Italia al Libano e dal Marocco alla Grecia, questa dieta può fungere da modello per sistemi alimentari più nutrienti e rispettosi dell’ambiente ? 

In un nuovo rapporto , i ricercatori hanno esaminato 10 paesi mediterranei per chiarire un fattore importante, ma spesso sconosciuto: lo stato dell’agrobiodiversità (piante, animali e microrganismi) nelle fattorie, nei mercati e nei piatti. Utilizzando l’ Agrobiodiversity Index, uno strumento sviluppato da Alliance of Bioversity International e CIAT, il rapporto ha identificato i rischi (come le specie in via di estinzione), ma anche le opportunità (fonti di reddito alternative, colture intelligenti per il clima e opzioni alimentari nutrienti).

Le implicazioni del rapporto: le diete sono solo una parte del nostro sistema alimentare 

La buona notizia è che tutti i paesi mediterranei valutati mostrano una conservazionedell’agrobiodiversità superiore alla media , che riflette sia la ricchezza naturale di colture e piante selvatiche della regione, sia gli sforzi per proteggerle. Tuttavia, nonostante alcuni paesi (Libano, Italia, Francia e Spagna) mostrino livelli di diversità nei consumi particolarmente elevati , il punteggio complessivo del Mediterraneo non è superiore alla media globale. I punteggi di produzione sono stati ancora più bassi, significativamente al di sotto della media globale.

Cosa suggerisce questo divario? Orti botanici, banche genetiche e riserve naturali possono salvaguardare l’agrobiodiversità e le diete possono includere cibi vari (compresi gli articoli importati); ma, attualmente, i paesaggi produttivi mediterranei sono in gran parte dominati da una o poche colture, con solo una quota molto piccola di vegetazione naturale (<10%). Questa bassa agrobiodiversità nelle aziende agricole espone i sistemi agricoli e i mezzi di sussistenza a un rischio maggiore di epidemie di parassiti e malattie, degrado del suolo e rese instabili – e questi rischi sono destinati a peggiorare sotto il cambiamento climatico.

Come sottolineano gli autori del rapporto, l’attenzione alla dieta da sola non catturerà tutte le parti del sistema alimentare. Al contrario, devono essere prese azioni e impegni per integrare l’agrobiodiversità , in altre parole, assicurarsi che le diverse specie siano integrate attraverso lo spettro di produzione-consumo.

Colmare le lacune: i paesi devono aumentare gli impegni in materia di biodiversità

I paesi con i punteggi più alti di agrobiodiversità registrati dal rapporto hanno già intrapreso azioni per integrare l’agrobiodiversità nei loro sistemi alimentari, attraverso politiche, linee guida dietetiche, investimenti nell’agricoltura biologica e altro ancora. Quali ulteriori azioni sono necessarie dipende dall’attuale stato dell’agrobiodiversità: i paesi con punteggi più bassi devono dare priorità agli sforzi immediati di conservazione per fermare la continua perdita di diversità, mentre i paesi con punteggi più alti possono concentrarsi sull’aumento della complessità del paesaggio (piantando più tipi di colture o incorporando habitat naturali all’interno terreni agricoli, ad esempio con siepi e boschetti). Altre azioni includono un migliore monitoraggio delle pratiche agricole come la consociazione e l’agroforestazione e un maggiore accesso degli agricoltori a sementi diverse.

Affinché queste azioni abbiano successo, sono necessari impegni nazionali più forti per l’agrobiodiversità . Attualmente, gli sforzi del paese per raggiungere gli obiettivi globali fissati dalla Convenzione delle Nazioni Unite sulla diversità biologica non sono all’altezza, poiché mancano i collegamenti tra la salvaguardia della diversità genetica e il soddisfacimento dei bisogni umani come l’ alimentazione e i mezzi di sussistenza . I paesi attualmente hanno l’opportunità di migliorare questo aspetto mentre rivedono i piani d’azione nazionali nell’ambito del Quadro per la biodiversità post-2020 .

Come potrebbe tradursi questo nella fattoria, nel mercato e nel piatto? Un esempio: gli impegni per l’approvvigionamento alimentare sostenibile nei mercati (come le politiche di approvvigionamento o gli incentivi per la vendita di alimenti diversi e prodotti localmente) renderebbero più redditizio coltivare colture diverse . Stimolando la diversificazione nelle aziende agricole, ciò potrebbe produrre benefici come suoli sani, aumento dei micronutrienti nelle diete, più impollinatori e reddito extra per gli agricoltori.

La conclusione è che, come molte altre aree del mondo, il Mediterraneo ha ancora progressi da fare per garantire lo status della sua ricchezza naturale di agrobiodiversità. Una maggiore consapevolezza dei benefici della biodiversità, unita agli sforzi in corso per diversificare i paesaggi, potrebbero garantire che i sistemi alimentari della regione diventino più resilienti negli anni a venire.


Scopri di più sull’Indice Agrobiodiversità / Rapporto Mediterraneo

· Per leggere il rapporto completo, fare clic qui .

Per leggere le basi scientifiche dell’Agrobiodiversity Index, leggi questo articolo

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: