Vivo col Diabete

L’alcol può essere più rischioso per il cuore di quanto si pensasse in precedenza

Adv

I livelli di consumo di alcol attualmente considerati sicuri da alcuni paesi sono collegati allo sviluppo dell’insufficienza cardiaca, secondo una ricerca presentata a Heart Failure 2022.
“Questo studio si aggiunge al corpo delle prove che è necessario un approccio più cauto al consumo di alcol”, ha affermato l’autrice dello studio, la dott.ssa Bethany Wong del St. Vincent’s University Hospital, Dublino, Irlanda. “Per ridurre al minimo il rischio che l’alcol causi danni al cuore, se non bevi, non iniziare. Se bevi, limita il consumo settimanale a meno di una bottiglia di vino o a meno di tre lattine e mezzo da 500 ml di birra al 4,5%.

Madrid, Spagna – 22 maggio 2022: i livelli di consumo di alcol attualmente considerati sicuri da alcuni paesi sono legati allo sviluppo dell’insufficienza cardiaca, secondo una ricerca presentata a Heart Failure 2022, un congresso scientifico della Società Europea di Cardiologia (ESC).1“ Questo studio si aggiunge al corpus di prove che è necessario un approccio più cauto al consumo di alcol”, ha affermato l’autrice dello studio, la dott.ssa Bethany Wong del St. Vincent’s University Hospital, Dublino, Irlanda. “Per ridurre al minimo il rischio che l’alcol causi danni al cuore, se non bevi, non iniziare. Se bevi, limita il consumo settimanale a meno di una bottiglia di vino o a meno di tre lattine e mezzo da 500 ml di birra al 4,5%. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, l’Unione Europea è la regione del mondo dove si beve più alcol.2 Sebbene sia ben noto che il consumo eccessivo di alcol a lungo termine può causare un tipo di insufficienza cardiaca chiamata cardiomiopatia alcolica,3 le prove delle popolazioni asiatiche suggeriscono che quantità inferiori possono anche essere dannose.4,5 “ Poiché esistono differenze genetiche e ambientali tra le popolazioni asiatiche ed europee, questo studio ha studiato se esistesse una relazione simile tra alcol e alterazioni cardiache negli europei a rischio di insufficienza cardiaca o con pre-cardio fallimento”, ha detto il dottor Wong. “Il cardine del trattamento per questo gruppo è la gestione dei fattori di rischio come l’alcol, quindi la conoscenza dei livelli di sicurezza è fondamentale”. Si trattava di un’analisi secondaria dello studio STOP-HF.6 Lo studio ha incluso 744 adulti di età superiore ai 40 anni a rischio di sviluppare insufficienza cardiaca a causa di fattori di rischio (ad es. pressione alta, diabete, obesità) o con insufficienza pre-cardiaca (fattori di rischio e anomalie cardiache ma nessun sintomo).7 L’età media era di 66,5 anni e il 53% erano donne. Lo studio ha escluso ex bevitori e pazienti con insufficienza cardiaca con sintomi (ad es. mancanza di respiro, stanchezza, ridotta capacità di esercizio, caviglie gonfie). La funzione cardiaca è stata misurata con l’ecocardiografia al basale e al follow-up. Lo studio ha utilizzato la definizione irlandese di una bevanda standard (cioè un’unità), che è 10 grammi di alcol.8 I partecipanti sono stati classificati in base al loro consumo settimanale di alcol: 1) nessuno; 2) basso (meno di sette unità; fino a una bottiglia da 750 ml di vino al 12,5% o tre lattine e mezzo da 500 ml di birra al 4,5%); 3) moderata (7-14 unità; fino a due bottiglie di 12,5% di vino o sette lattine da 500 ml di 4,5% di birra); 4) alto (sopra le 14 unità; più di due bottiglie di vino 12,5% o sette lattine da 500 ml di birra 4,5%). I ricercatori hanno analizzato l’associazione tra consumo di alcol e salute del cuore su una media di 5,4 anni. I risultati sono stati riportati separatamente per i gruppi a rischio e pre-insufficienza cardiaca. Nel gruppo a rischio, il peggioramento della salute del cuore è stato definito come la progressione allo scompenso cardiaco pre-cardiaco o allo scompenso cardiaco sintomatico. Per il gruppo pre-insufficienza cardiaca, il peggioramento della salute del cuore è stato definito come il deterioramento delle funzioni di compressione o rilassamento del cuore o la progressione verso l’insufficienza cardiaca sintomatica. Le analisi sono state aggiustate per fattori che possono influenzare la struttura del cuore tra cui età, sesso, obesità, ipertensione, diabete e malattie vascolari.

Adv

Un totale di 201 (27%) pazienti non ha riportato alcun consumo di alcol, mentre 356 (48%) ne consumavano pochi e 187 (25%) ne avevano un consumo moderato o elevato. Rispetto al gruppo a basso consumo, quelli con consumo moderato o elevato erano più giovani, più probabilmente maschi e avevano un indice di massa corporea più elevato. Nel gruppo pre-scompenso cardiaco, rispetto al nessun consumo di alcol, era associato un consumo moderato o elevato con un rischio aumentato di 4,5 volte di peggioramento della salute del cuore. La relazione è stata osservata anche quando i livelli moderati e alti sono stati analizzati separatamente. Nel gruppo a rischio, non c’era associazione tra consumo moderato o elevato di alcol con la progressione allo scompenso pre-cardiaco o allo scompenso cardiaco sintomatico. Non sono state trovate associazioni protettive per il basso consumo di alcol. Il Dr. Wong ha affermato: “Il nostro studio suggerisce che bere più di 70 g di alcol a settimana è associato a un peggioramento dell’insufficienza cardiaca pre-cardiaca o alla progressione verso l’insufficienza cardiaca sintomatica negli europei. Non abbiamo osservato alcun beneficio derivante dal basso consumo di alcol. I nostri risultati indicano che i paesi dovrebbero sostenere limiti più bassi di assunzione sicura di alcol nei pazienti in pre-scompenso cardiaco. In Irlanda, ad esempio, si consiglia alle persone a rischio di insufficienza cardiaca o con pre-insufficienza cardiaca di limitare l’assunzione settimanale di alcol a 11 unità per le donne e 17 unità per gli uomini. Questo limite per gli uomini è più del doppio dell’importo che abbiamo ritenuto sicuro. Sono necessarie ulteriori ricerche nelle popolazioni caucasiche per allineare i risultati e ridurre i messaggi contrastanti che i medici, i pazienti e il pubblico stanno attualmente ricevendo”.


Riferimenti e note:

  1. L’abstract ‘Il consumo moderato di alcol è associato alla progressione della disfunzione ventricolare sinistra in una popolazione europea con scompenso cardiaco allo stadio B’ sarà presentato durante la sessione ‘Lo scompenso cardiaco è una sindrome complessa: guarda le comorbidità’ che si terrà il 22 maggio presso 09:40 CEST at Moderated ePoster 1.
  2. Dati e statistiche dell’Organizzazione Mondiale della Sanità: https://www.euro.who.int/en/health-topics/disease-prevention/alcohol-use/data-and-statistics.
  3. Piano MR. Cardiomiopatia alcolica: incidenza, caratteristiche cliniche e fisiopatologia. Il petto. 2002;121:1638–1650.
  4. Hung CL, Goncalves A, Lai YJ, et al. Il consumo abituale di alcol da leggero a moderato è associato a disfunzione meccanica subclinica del ventricolo e dell’atrio sinistro in una popolazione asintomatica: analisi dose-risposta e propensione. J Am Soc Ecocardiogr. 2016;29:1043–1051.e4.
  5. Park SK, Moon K, Ryoo JH, et al. L’associazione tra consumo di alcol e funzione diastolica del ventricolo sinistro e modifica della geometria nella popolazione coreana generale. Eur Heart J Imaging cardiovascolare. 2018;19:271–278.
  6. STOP-HF: lo screening di St Vincent per prevenire l’insufficienza cardiaca.
  7. Bozkurt B, Coats AJS, Tsutsui H, et al. Definizione e classificazione universale dello scompenso cardiaco. J insufficienza cardiaca. 2021;27:387–413.8La definizione di bevanda standard varia in base al Paese. Nel Regno Unito, ad esempio, un’unità contiene otto grammi di alcol
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: