Mangiare e bere

La dieta a basso indice glicemico aiuta i malati di cuore a perdere peso

Adv

Mangiare cibi a basso indice glicemico promuove una forma corporea più sana nei pazienti con malattia coronarica, secondo uno studio presentato all’ACNAP-EuroHeartCare Congress 2022, un congresso scientifico della Società Europea di Cardiologia (ESC).
Studi osservazionali hanno precedentemente indicato che le diete ad alto indice glicemico sono associate a maggiori rischi di malattie cardiovascolari e diabete di tipo 2. Questo studio randomizzato controllato ha valutato il potenziale beneficio di una dieta a basso indice glicemico sull’indice di massa corporea (BMI), sulla circonferenza della vita, sulla circonferenza dell’anca e sul rapporto vita-fianchi nei pazienti con malattia coronarica.

Madrid, Spagna – 23 maggio 2022: Secondo uno studio presentato all’ACNAP-EuroHeartCare Congress 2022, un congresso scientifico della Società Europea di Cardiologia (ESC), mangiare cibi a basso indice glicemico promuove una forma corporea più sana nei pazienti con malattia coronarica. 1L’indice glicemico (IG) classifica gli alimenti contenenti carboidrati in base alla velocità con cui influenzano i livelli di zucchero nel sangue. Gli alimenti ad alto indice glicemico causano un rapido aumento della glicemia e includono pane bianco, riso bianco, patate e dolci. Gli alimenti a basso indice glicemico vengono digeriti più lentamente e aumentano gradualmente la glicemia; includono alcuni tipi di frutta e verdura come mele, arance, broccoli e verdure a foglia verde, legumi come ceci, lenticchie e fagioli e cereali integrali come riso integrale e avena. Carne, pollame e pesce non hanno una classificazione GI perché non contengono carboidrati.

Studi osservazionali hanno precedentemente indicato che le diete ad alto indice glicemico sono associate a maggiori rischi di malattie cardiovascolari2 e diabete di tipo 2.3 Questo studio randomizzato controllato ha valutato il potenziale beneficio di una dieta a basso indice glicemico sull’indice di massa corporea (BMI), circonferenza vita, circonferenza dell’anca e rapporto vita-fianchi nei pazienti con malattia coronarica. Tra il 2016 e il 2019, lo studio ha assegnato in modo casuale 160 pazienti di età compresa tra 38 e 76 anni a tre mesi di dieta a basso indice glicemico o dieta di routine. Entrambi i gruppi hanno continuato a ricevere terapie standard per la malattia coronarica. Ai pazienti nel gruppo a basso indice glicemico è stato consigliato di consumare cibi a basso indice glicemico ed escludere cibi ad alto indice glicemico continuando il loro consumo abituale di proteine ??e grassi. Al gruppo di dieta di routine è stato consigliato di consumare la dieta raccomandata per la malattia coronarica che limita i grassi e alcune proteine ??come latte intero, formaggio, carne, tuorli d’uovo e cibi fritti.

L’aderenza alla dieta è stata valutata con un questionario sulla frequenza degli alimenti. Gli indici antropometrici sono stati misurati al basale e a tre mesi. L’età media dei partecipanti era di 58 anni e il 52% erano donne. Gli indici antropometrici erano simili tra i gruppi al basale. A tre mesi, tutte le misurazioni corporee erano diminuite all’interno di entrambi i gruppi rispetto al basale, ma i cambiamenti erano significativi solo nel gruppo a basso indice glicemico. Quando i ricercatori hanno confrontato i cambiamenti dal basale al completamento dello studio tra i gruppi, la dieta a basso indice glicemico ha portato a riduzioni significative dell’IMC e girovita. L’IMC è diminuito di 4,2 kg/m2 nel gruppo a basso indice glicemico rispetto a 1,4 kg/m2 nel gruppo a dieta di routine. La circonferenza della vita è diminuita di 9 cm nel gruppo a basso indice glicemico rispetto a 3,3 cm nel gruppo a dieta di routine. Non c’era alcuna differenza significativa tra i gruppi per la circonferenza dell’anca e il rapporto vita-fianchi.

I ricercatori hanno anche studiato se l’intervento ha colpito le donne e gli uomini in modo diverso. Hanno scoperto che una dieta a basso indice glicemico aveva maggiori probabilità di influenzare la circonferenza della vita, la circonferenza dell’anca e il rapporto vita-fianchi negli uomini rispetto alle donne. L’effetto benefico di una dieta a basso indice glicemico sull’IMC è stato lo stesso per uomini e donne. L’autore dello studio, il dott. Jamol Uzokov del Republican Specialized Scientific Practical Medical Center of Therapy and Medical Rehabilitation, Tashkent, Uzbekistan, ha dichiarato: “Sebbene siano necessari studi più ampi per confermare questi risultati, la nostra ricerca indica che enfatizzare gli alimenti a basso indice glicemico come parte di una dieta equilibrata potrebbe aiutare i pazienti con malattie cardiache a controllare il loro peso corporeo e il loro giro vita”.


Riferimenti e note:

  1. L’abstract ‘Influence of diet with low glycemic index on anthropometric parameters in patients with atherosclerotic coronary artery disease’ sarà presentato durante la ‘ePoster session 3’ che si terrà il 23 maggio alle 08:30 CEST.
  2. 2Jenkins DJA, Dehghan M, Mente A, et al. Indice glicemico, carico glicemico, malattie cardiovascolari e mortalità. N England J Med. 2021;384:1312–1322.
  3. Greenwood DC, Threapleton DE, Evans CEL, et al. Indice glicemico, carico glicemico, carboidrati e diabete di tipo 2. Diabetes Care. 2013;36:4166–4171.
Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: