Ricerca

Fattori incrociati

Adv

Rischio genetico, dieta di bassa qualità aumentano il rischio di diabete di tipo 2

dna, white male, 3d model

Secondo i dati dello studio pubblicato su PLOS, il rischio genetico e la scarsa qualità della dieta aumentano indipendentemente il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2.

“Il nostro studio è il primo ad analizzare in che modo il rischio genetico e la qualità della dieta influiscono sullo sviluppo del diabete di tipo 2” , ha detto Jordi Merino, PhD, ricercatore presso il Center for Human Genetic Research del Massachusetts General Hospital. “Abbiamo confermato i dati di precedenti piccoli studi che mostrano che sia la genetica che la qualità della dieta sono associate in modo indipendente al rischio di sviluppare la malattia”.

Per lo studio, Merino e altri ricercatori miravano a chiarire quella che ha definito una “domanda intrigante e senza risposta” relativa all’esistenza di un effetto sinergico tra rischio genetico e dieta.

Lo studio ha incluso i dati di 35.759 adulti statunitensi che hanno partecipato allo studio sulla salute degli infermieri I (dal 1986 al 2016) e II (dal 1991 al 2017) e allo studio di follow-up dei professionisti della salute (dal 1986 al 2016), per un totale di 902.386 anni persona di follow-up -su. I partecipanti avevano dati genetici disponibili e non avevano diabete, malattie cardiovascolari o cancro al basale.

I ricercatori hanno caratterizzato il rischio genetico attraverso un punteggio poligenico globale e punteggi poligenici specifici del percorso e hanno determinato la qualità della dieta con l’Alternate Healthy Eating Index (AHEI).

In tutto, a 4.433 partecipanti è stato diagnosticato il diabete di tipo 2. Con ogni aumento della deviazione standard nel punteggio poligenico globale, il RR per il diabete di tipo 2 era 1,29 (IC 95%, 1,25-1,32; P < 0,001). Con ogni diminuzione di 10 unità di AHEI, il RR per il diabete di tipo 2 era 1,13 (1,09-1,17; P < 0,001).

Rispetto all’alta qualità della dieta, la bassa qualità della dieta ha prodotto un aumento di circa il 30% del rischio di diabete di tipo 2 ( P per interazione = .69) indipendentemente dal rischio genetico. I ricercatori hanno anche osservato che l’associazione congiunta tra scarsa qualità della dieta e aumento del rischio genetico era paragonabile alla somma del rischio associato a ciascun fattore da solo ( P per interazione = 0,3).

“Complessivamente, i nostri risultati sono essenziali per capire perché le persone sviluppano il diabete e supportano strategie di prevenzione basate sull’evidenza per il diabete di tipo 2”, ha affermato Merino.

Ha aggiunto che lo studio è nuovo in quanto ha preso in considerazione diversi punteggi di rischio genetico per catturare il rischio genetico complessivo e specifici processi molecolari che portano al diabete.

“Inoltre, abbiamo utilizzato moderni metodi epidemiologici per studiare diversi tipi di interazioni tra dieta e genetica”, ha affermato. “Inoltre, il nostro studio ha utilizzato misurazioni multiple della dieta durante il follow-up (20 anni) per ridurre gli errori di misurazione e le distorsioni”.

Ha concluso che dal punto di vista della salute pubblica, i risultati suggeriscono che “le politiche di salute pubblica dovrebbero essere mirate a promuovere raccomandazioni dietetiche sane a livello di popolazione. I nostri risultati sottolineano anche il valore della valutazione del rischio genetico per identificare gli individui a maggior rischio di malattia e il loro potenziale di stratificazione e sorveglianza del rischio”


Fonte:

Merino J, et al. PLoS Med . 2022;doi:10.1371/journal.pmed.1003972.

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: