Benessere

Più fertili grazie ad un miglior controllo della glicemia

I problemi di fertilità legati all’obesità possono essere migliorati correggendo i livelli di zucchero nel sangue

Secondo uno studio pubblicato sul Journal of Endocrinology , i livelli di ormone riproduttivo nelle donne con obesità possono essere parzialmente ripristinati abbassando i livelli di glucosio nel sangue, portando a una migliore fertilità . Lo studio indica che i livelli alterati di ormoni riproduttivi in ??un modello murino consolidato di obesità possono essere parzialmente ripristinati da un comune farmaco per il diabete di tipo 2 che riduce i livelli di glucosio nel sangue. Molte donne con obesità che hanno problemi di fertilità hanno anche livelli alterati di ormoni riproduttivi. Attualmente non esiste una terapia efficace per affrontare questo problema. Lo sviluppo di una terapia che non solo migliori la salute metabolica delle donne, ma tratti anche l’infertilità correlata all’obesità sarebbe un progresso significativo, con il potenziale per migliorare la qualità della vita di molte persone.

Sebbene i problemi di fertilità siano ben consolidati nelle donne con obesità, permane la mancanza di trattamenti efficaci e mirati per affrontarli. L’obesità è un’epidemia sanitaria in crescita, il che significa che più donne sono colpite da difficoltà riproduttive. I problemi di fertilità legati all’obesità sono complessi, ma le prove suggeriscono che, in parte, possono essere collegati a cambiamenti nel metabolismo energetico, che portano a livelli alterati degli ormoni riproduttivi che possono quindi interrompere il ciclo mestruale e l’ovulazione. Le persone con obesità corrono un rischio maggiore di sviluppare il diabete di tipo 2 e spesso hanno livelli elevati di glucosio nel sangue, così come altri cambiamenti metabolici.

Il topo knock-out (KO) del gene MC4R è un modello di obesità ben caratterizzato, che mostra anche cicli riproduttivi irregolari con livelli ormonali alterati che portano a un calo della fertilità. Il ciclo riproduttivo del topo è simile a quello dell’uomo, in quanto il profilo delle variazioni del livello ormonale è analogo, sebbene sia di durata molto più breve, quindi il topo MC4R KO è un buon modello rappresentativo per le indagini iniziali sulla funzione metabolica e riproduttiva in obesità.  

Dapagliflozin è un farmaco comunemente usato per trattare il diabete di tipo 2, in cui riduce i livelli di glucosio nel sangue e migliora altri indicatori della salute metabolica, ma i suoi effetti sulla salute riproduttiva e sulla fertilità devono ancora essere studiati.

In questo studio, il professor Chen e colleghi dell’Università del Queensland in Australia, hanno studiato gli effetti del trattamento con dapagliflozin sulla salute metabolica e sui livelli di ormone riproduttivo nel modello murino di obesità MC4R. Dopo appena 8 settimane di trattamento i livelli di glucosio nel sangue erano normali, il peso corporeo era ridotto, il ciclo riproduttivo era normalizzato e i livelli degli ormoni riproduttivi e dell’ovulazione erano stati parzialmente ripristinati, rispetto ai topi non trattati.

“Vediamo spesso una bassa fertilità nelle donne con obesità nella pratica clinica”, commenta l’autore principale, il dottor Cui, un visiting fellow del Chengdu Women and Children Hospital in Cina, “quindi questa ricerca offre speranza per un trattamento futuro ed efficace”.

Il professor Chen commenta: “Questi dati suggeriscono che la normalizzazione del metabolismo della glicemia con dapagliflozin nell’obesità può essere una via promettente per ripristinare almeno parzialmente la funzione riproduttiva. Ciò potrebbe migliorare la fertilità nelle donne per le quali non è attualmente disponibile un’altra terapia di successo”.

Tuttavia, il professor Chen avverte: “Sebbene incoraggianti, questi studi sono stati condotti sui topi e occorre fare molto più lavoro per confermare che questi risultati potrebbero essere replicati efficacemente nelle donne. Tuttavia, le persone con obesità corrono un rischio molto maggiore di sviluppare il diabete di tipo 2, quindi i noti benefici per la salute derivanti dalla correzione dei livelli di glucosio nel sangue possono essere estesi per migliorare anche la fertilità nelle persone colpite”.

Il team ora intende studiare ulteriormente i benefici terapeutici dell’uso di dapagliflozin per migliorare la funzione riproduttiva esaminando i percorsi molecolari coinvolti, che potrebbero identificare obiettivi migliori per il futuro trattamento della fertilità nelle donne.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: