Terapie

I batteri intestinali rendono meno efficaci i farmaci per la pressione sanguigna

Adv

Lo studio dell’Università di Toledo potrebbe fornire un primo passo verso l’identificazione di nuovi modi per superare l’ipertensione resistente al trattamento

Un nuovo studio del College of Medicine and Life Sciences dell’Università di Toledo ha dimostrato che i batteri intestinali possono ridurre l’efficacia di alcuni farmaci per la pressione sanguigna.

La ricerca, pubblicata questo mese sulla rivista Hypertension , offre i primi indizi su quello che è stato un mistero inafferrabile: perché alcune persone non rispondono bene ai farmaci?

“La pressione alta è spesso chiamata un killer silenzioso perché di solito non causa sintomi. Tuttavia, c’è una grande popolazione di individui che sanno di avere l’ipertensione ma non riescono ancora a tenerla sotto controllo, anche se stanno assumendo farmaci per la pressione sanguigna”, ha affermato il dottor Tao Yang, assistente professore presso il Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia e primo e principale autore dello studio. “Affrontare questo problema è di enorme importanza clinica”.

L’ipertensione, o pressione alta, è un importante fattore di rischio per malattie cardiache e ictus, due delle principali cause di morte in America. È anche una delle condizioni croniche più comuni negli Stati Uniti, con quasi la metà degli adulti statunitensi considerati ipertesi secondo le attuali linee guida.

Tra quelli con pressione alta, circa il 20% ha quella che è nota come ipertensione resistente, il che significa che la loro pressione sanguigna rimane alta nonostante il trattamento aggressivo.

“L’unica cosa che i medici possono davvero fare in questi pazienti è aggiungere o cambiare farmaci e aumentare la dose con la speranza che possano trovare qualcosa che funzioni”, ha detto Yang. “Finora non abbiamo avuto indicazioni chiare su quale sia il meccanismo dell’ipertensione resistente. La nostra ricerca potrebbe fornire un primo passo verso l’identificazione di nuovi modi per superare efficacemente l’ipertensione resistente al trattamento”.

Negli ultimi anni i ricercatori hanno esaminato più intensamente il legame tra le letture della pressione sanguigna di un individuo e la collezione unica di batteri che vive nel loro intestino.

Quel lavoro – una parte significativa del quale è stata svolta presso UToledo – ha contribuito a svelare potenziali cause di ipertensione che si estendono oltre la dieta e l’esercizio fisico. Tuttavia, la ricerca di Yang è la prima a esaminare l’impatto dei batteri intestinali sui farmaci stessi per la pressione sanguigna.

La dott.ssa Bina Joe, illustre professore universitario e presidente del Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia di UToledo, nonché autrice senior dello studio, ha affermato che la ricerca è un’estensione significativa del lavoro di UToledo per comprendere meglio le cause dell’ipertensione e trovare nuovi modi per trattarla.

“Yang è stato il pioniere di questa idea importante e altamente traslazionale durante la sua formazione come borsista post-dottorato nel mio laboratorio”, ha detto. “Questo è ora un tema di ricerca importante nel suo laboratorio presso l’Università di Toledo”.

Nello studio, gli scienziati di UToledo hanno confrontato l’efficacia del farmaco antipertensivo quinapril nei ratti con batteri intestinali normali contro quelli il cui microbiota intestinale era stato esaurito da alte dosi di antibiotici.

I ricercatori hanno trovato una chiara differenza tra i due, con gli animali a cui sono stati somministrati antibiotici per primi che hanno risposto molto meglio al quinapril.

L’analisi della composizione dei batteri intestinali negli animali ha identificato il batterio Copococcus come colpevole. Esperimenti di laboratorio hanno dimostrato che il Copococcus, una specie batterica dominante in questo genere, può scomporre il quinapril e il ramipril, compromettendo gli effetti di abbassamento della pressione sanguigna.

Sebbene lo studio UToledo fosse limitato a modelli animali ed esperimenti di laboratorio, i ricercatori hanno identificato almeno un caso di studio intrigante che sembra rafforzare l’argomento secondo cui questa scoperta potrebbe essere applicabile agli esseri umani.

Quel rapporto del 2015, pubblicato sull’International Journal of Cardiology, descriveva una donna con una lunga storia di ipertensione resistente al trattamento la cui pressione sanguigna era stata controllata senza alcun farmaco antipertensivo per le due settimane in cui stava assumendo antibiotici per un’infezione post-chirurgica. La sua pressione sanguigna è stata in grado di essere controllata con un solo farmaco per sei mesi dopo aver interrotto gli antibiotici prima di diventare nuovamente resistente al trattamento.

“Questo è solo un rapporto e sono necessarie ulteriori ricerche. Tuttavia, ciò suggerisce che i batteri intestinali possono svolgere un ruolo molto reale e molto importante nella regolazione dell’efficacia dei farmaci per la pressione sanguigna”, ha affermato Yang.

Il gruppo di ricerca prevede di continuare il suo lavoro studiando l’interazione tra farmaci aggiuntivi per la pressione sanguigna e altri tipi comuni di batteri intestinali.

Sebbene l’uso a lungo termine di antibiotici non sia una strategia realistica per affrontare l’ipertensione resistente al trattamento, Yang ha affermato che dovrebbe essere possibile per qualcuno alterare il proprio microbiota attraverso probiotici, prebiotici e cambiamenti nella dieta.

“L’obiettivo finale della mia ricerca è identificare i modi in cui possiamo mirare specificamente ai batteri nell’intestino di un individuo per migliorare l’efficacia dei farmaci”, ha affermato. “Questo ha il potenziale per avvantaggiare molte persone”.

Il dottor Young Oh, un responsabile del programma del National Heart, Lung, and Blood Institute, concorda sul fatto che questo studio rappresenta un pezzo importante del puzzle per comprendere l’ipertensione resistente. Lo studio è stato sostenuto in parte dal NHLBI, parte del National Institutes of Health.

“Il microbioma intestinale non è stato studiato per quanto riguarda l’ipertensione”, ha detto Oh, che non era un membro del team di studio. “Sebbene questo studio colmi un’importante lacuna di conoscenza, sono necessari ulteriori studi, in particolare sugli esseri umani, per confermare i risultati”.

La ricerca è stata anche supportata in parte da una sovvenzione dell’American Heart Association.

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: