Donne e diabete

I ricercatori identificano un pannello di biomarcatori che aiutano a prevedere il diabete gestazionale all’inizio della gravidanza

Adv

I ricercatori dell’UCLA hanno compiuto il primo passo nell’identificazione di quello che potrebbe essere un modo efficace per rilevare il diabete mellito gestazionale (GDM) all’inizio della gravidanza, migliorando potenzialmente la diagnosi e il trattamento di quello che è il disturbo più comune della gravidanza.

Lo  studio è pubblicato  sulla rivista peer-reviewed PLOS ONE .

Il diabete gestazionale fa aumentare i livelli di zucchero nel sangue, creando rischi sia per il bambino che per la madre. Può portare a pressione alta, rischio di futuro diabete e una maggiore possibilità di taglio cesareo nella madre, nonché peso alla nascita eccessivo, parto prematuro e altri problemi nel suo bambino. La diagnosi della condizione attualmente si basa sullo screening convenzionale e sul lavoro di laboratorio alla fine del secondo e terzo trimestre. La capacità di prevedere la condizione in anticipo è una chiave per ridurne l’impatto.

“Dato che le complicanze della gravidanza continuano ad aumentare in tutto il mondo, ci sono stati sforzi crescenti per studiare con urgenza il primo trimestre come finestra di opportunità per l’identificazione precoce e la previsione del GDM e il punto ottimale per agire per prevenire le malattie materne”, ha affermato il dott. Sherin Devaskar, autrice principale dello studio e medico capo dell’UCLA Mattel Children’s Hospital e illustre professore di pediatria presso la David Geffen School of Medicine dell’UCLA.

L’identificazione dei biomarcatori del GDM all’inizio della gravidanza potrebbe portare a un migliore monitoraggio e sviluppo di interventi e trattamenti sicuri e tempestivi che riducano la gravità della malattia, migliorando così le prospettive di salute a lungo termine per madre e prole. 

Per il presente studio, i ricercatori si sono concentrati sulle vescicole extracellulari (EV), “comunicatori” circolanti che trasportano e forniscono geni di microRNA (miRNA) all’interno del sangue materno. Sono secreti dalla placenta e svolgono un ruolo chiave nella gravidanza e nelle complicanze della gravidanza, compreso il GDM. I ricercatori hanno prelevato campioni di sangue durante ogni trimestre e al momento del parto dall’espressione di miRNA in veicoli elettrici in 24 donne in gravidanza e hanno scoperto che c’era un’espressione distinta di miRNA in veicoli elettrici isolati da campioni di sangue prelevati nel primo trimestre, da donne alla fine con diagnosi di GDM rispetto a quelle con normale gravidanze sane. Gli autori hanno notato cambiamenti in questi miRNA prima della diagnosi clinica, suggerendo che fossero coinvolti nello sviluppo della malattia piuttosto che a causa di fattori secondari alla condizione stessa o a trattamenti come l’insulina,

I ricercatori hanno anche riscontrato una sovraregolazione in alcuni miRNA nelle gravidanze del primo trimestre a cui è stato diagnosticato il GDM, suggerendo inoltre che il carico di miRNA all’interno dei veicoli elettrici circolanti potrebbe comunicare con altri organi materni e tipi di cellule e interagire con le vie di segnalazione coinvolte nel metabolismo e nell’infiammazione , che potrebbe influenzare gli adattamenti metabolici materni osservati nelle donne che sviluppano GDM.

“Questo è un passo iniziale promettente nella ricerca di un pannello di biomarcatori robusto e accurato che funzioni molto meglio di una singola caratteristica nella previsione del GDM durante l’inizio della gravidanza”, ha affermato il dott. Devaskar. “Questo studio fornisce ulteriori prove del fatto che il GDM è una condizione che inizia a svilupparsi molto prima rispetto a quando è attualmente diagnosticata clinicamente, dopo la metà della gravidanza, quando purtroppo le complicanze potrebbero già essere irreversibili. In quanto fornitori di cure per le pazienti in gravidanza ad alto rischio e i loro bambini, siamo entusiasti di questo passo verso il potenziale di una diagnosi più affidabile e precoce in modo da poter intervenire prima dello sviluppo di condizioni avverse per madre e bambino che spesso durano per tutta la vita”.

Gli autori affermano che sono necessari ulteriori studi per indagare il ruolo meccanicistico dei veicoli elettrici circolanti durante la gravidanza, il loro ruolo nelle complicanze della gravidanza e l’utilizzo dei miRNA associati ai veicoli elettrici come predittori non invasivi di malattia in gravidanza, ma che i miRNA associati ai veicoli elettrici del primo trimestre di gravidanza hanno il potenziale di agire come predittore della gestazione precoce del successivo sviluppo di GDM, prima dell’emergere di caratteristiche cliniche o biochimiche caratteristiche.

Altri autori dello studio includevano Shanthie Thamotharan, ricercatrice associata, Shubhamoy Ghosh, PhD, assistente scienziato del progetto e Laura James-Allan, PhD, borsista post-dottorato, tutti e tre nel dipartimento di Pediatrics-Neonatology presso l’UCLA; Margarida YY Lei, ricercatrice associata e Dott.ssa Carla Janzen, professoressa associata, nel dipartimento di ostetricia e ginecologia, divisione di medicina materno-fetale dell’UCLA.

La ricerca è stata supportata dal National Institutes of Health con i numeri di sovvenzione NU01HD087221 (a SUD, CJ, KS), R01HD089714 (a SUD) e R01HD100015 (a SUD).

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: