Terapie

Spaccatura sulla frattura

Una nuova ricerca mette in dubbio il precedente legame tra farmaci per il diabete e fratture ossee

Gli inibitori del trasporto-2 del glucosio sodico non sembrano aumentare il rischio di frattura, anche negli anziani con disfunzione renale moderata.

Mette in risalto

  • Sebbene gli studi clinici abbiano collegato i farmaci per il diabete chiamati inibitori del trasporto-2 del glucosio di sodio a rischi di frattura ossea più elevati, un ampio studio non ha rilevato rischi aggiuntivi quando i farmaci sono stati confrontati con farmaci per il diabete non associati a fratture.
  • I risultati si sono applicati agli anziani con funzionalità renale normale e a quelli con malattia renale lieve o moderata.

Washington, DC (26 maggio 2022) — Gli inibitori del trasporto del glucosio di sodio-2 (SGLT-2), che riducono il riassorbimento del glucosio da parte dei reni, possono aiutare a controllare i livelli di zucchero nel sangue e proteggere la salute dei reni nei pazienti con malattia renale diabetica; tuttavia, alcuni ampi studi clinici hanno collegato i farmaci a un rischio maggiore di fratture ossee. In un recente studio pubblicato su CJASN , gli inibitori SGLT-2 non erano associati a un rischio più elevato di fratture rispetto ad un altro farmaco per il diabete, indipendentemente dalla funzione renale dei pazienti.

Lo studio, condotto da Andrea Cowan, MD (London Health Sciences Center) e dai suoi colleghi, ha confrontato i tassi di frattura negli adulti di età pari o superiore a 66 anni a cui erano stati prescritti inibitori dell’SGLT-2 rispetto a quelli a cui era stato prescritto un diverso farmaco per il diabete, chiamato dipeptidil peptidasi (DPP-4) inibitori, che non sono stati collegati a fratture. L’analisi ha incluso 38.994 nuovi utilizzatori di un inibitore SGLT2 e 37.449 nuovi utilizzatori di un inibitore DPP-4 in Ontario, Canada. Lo studio ha escluso individui con funzionalità renale gravemente ridotta.

Complessivamente si sono verificate 342 fratture a 180 giorni e 689 fratture a 365 giorni. Non c’era differenza nel rischio di frattura tra gli individui a cui era stato prescritto un inibitore SGLT-2 e quelli a cui era stato prescritto un inibitore DPP-4, sia nell’intero gruppo che in quelli con funzione renale ridotta, che già affrontano un rischio elevato di subire fratture.  

“Questo studio rassicura pazienti e medici sul fatto che gli inibitori SGLT-2 non sono associati a un aumentato rischio di frattura nei pazienti con malattia renale cronica”, ha affermato il dottor Cowan.

Un editoriale di accompagnamento osserva che lo studio “si aggiunge al crescente corpo di prove relative alla sicurezza degli inibitori SGLT2, tuttavia dovrebbe incoraggiare il proseguimento degli studi di base e clinici per determinare con maggiore certezza il loro potenziale rischio di fratture, specialmente negli individui con patologie croniche più avanzate malattie renali.”

Gli autori dello studio includono Andrea Cowan, MD, Nivethika Jeykumar, MSc, Yuguang Kang, MSc, MD, Stephanie Dixon, PhD, Amit Garg, MD, MSc, PhD, Kyla Naylor, Matthew Weir, MD, MSc e Kristin Clemens, MD, Msc.

Divulgazioni: questo studio è stato sostenuto da ICES, che è finanziato da una sovvenzione annuale del Ministero della Salute dell’Ontario (MOH) e del Ministero dell’assistenza a lungo termine (MLTC). La ricerca è stata condotta presso la struttura ICES Western con partner che includono l’Academic Medical Organization of Southwestern Ontario (AMOSO), la Schulich School of Medicine and Dentistry (SSMD), la Western University e il Lawson Health Research Institute (LHRI). Il Dr. Andrea Cowan è stato supportato da Physicians Services Incorporated, LHRI, SSMD e la Divisione di Nefrologia. Parti di questo materiale si basano su dati e informazioni compilati e forniti dal Ministero della Salute dell’Ontario (MOH). Le analisi, conclusioni, opinioni e dichiarazioni qui espresse sono esclusivamente quelle degli autori e non riflettono quelle dei finanziamenti o delle fonti di dati;

L’articolo, intitolato “Rischio di frattura degli inibitori del cotrasportatore di sodio-glucosio-2 nella malattia renale cronica”, apparirà online all’indirizzo http://cjasn.asnjournals.org/ il 26 maggio 2022, doi: 10.2215/CJN.16171221.

L’editoriale, intitolato “Safety of SGLT2 Inhibitors in CKD: Walking the Fine Line”, apparirà online all’indirizzo http://cjasn.asnjournals.org/ il 26 maggio 2022, doi: 10.2215/CJN.04900422.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: