Assistenza sociosanitaria

Il burnout degli operatori di medicina d’urgenza raggiunge un nuovo massimo: è necessaria un’azione urgente

Adv

La pandemia di Covid-19 ha causato un prolungato aumento del carico di lavoro e dello stress tra gli specialisti in molti settori sanitari, ma questo è stato particolarmente evidente nella medicina d’urgenza (EM). Un’indagine condotta dalla Società Europea di Medicina d’Emergenza (EUSEM) tra i professionisti EM in 89 paesi ha mostrato che il 62% dei rispondenti presentava almeno un sintomo di sindrome da burnout 1 e il 31,2% ne aveva due. I risultati dell’indagine sono pubblicati oggi sull’European Journal of Emergency Medicine .

Il documento mostra che i problemi cronici affrontati dagli specialisti in EM, come carenza di personale, risorse limitate, sovraffollamento e mancanza di riconoscimento, sono stati notevolmente esacerbati dalla pandemia.

“Il livello di burnout riscontrato significa che questi operatori sanitari meritano una valutazione clinica professionale e supporto. È preoccupante che meno della metà di coloro che hanno risposto al sondaggio (41,4%) ha riferito di aver accesso a tale supporto psicologico, sia faccia a faccia che a distanza”, ha affermato il presidente dell’EUSEM, il dott. Abdo Khoury, del Dipartimento di medicina d’urgenza e terapia intensiva, Besançon Ospedale Universitario, Besançon, Francia.

 “Il burnout negli operatori sanitari può portare all’abuso di alcol e droghe e persino al suicidio. Il disturbo da stress post-traumatico (PTSD) è un’altra manifestazione comune di burnout e questo può avere conseguenze devastanti a lungo termine per l’individuo”.

Inquietante è anche la constatazione che molte delle persone colpite dal burnout stavano pensando a un cambiamento di carriera e che questo era più diffuso tra i professionisti più giovani rispetto a quelli più anziani e più esperti. Ciò comporterebbe necessariamente una carenza di personale, almeno nel breve termine, e non farebbe che peggiorare le cose per coloro che rimangono

“Un lavoratore EM sovraccaricato di lavoro sotto stress avrà un effetto negativo anche sui pazienti”, ha affermato il dottor Khoury. “Il burnout può manifestarsi in un atteggiamento distante o indifferente al lavoro, oltre a ridurre produttività ed efficienza. Può portare a cure di qualità inferiore e un aumento degli errori medici”.

Gli specialisti in EM sono stati i soccorritori di prima linea durante la pandemia, fornendo il triage di pazienti in circostanze estremamente difficili e sotto pressione in cui, inoltre, deve essere prevenuta la diffusione dell’infezione. La necessità di indossare i dispositivi di protezione individuale (DPI) e il conseguente timore di essere infettati essi stessi è stato un onere supplementare che potrebbe ancora non essere sufficientemente riconosciuto.

“Le autorità sanitarie mettono giustamente la soddisfazione e il benessere dei pazienti in cima alla loro lista di priorità. Tuttavia, l’evidenza schiacciante è che anche i professionisti medici hanno bisogni insoddisfatti e che questi stanno crescendo in modo esponenziale. Un importante determinante sociale della salute è l’esposizione – o la sua mancanza – a condizioni di vita stressanti. Sarebbe difficile trovare un gruppo di persone più soggette a stress durante la pandemia rispetto agli specialisti in EM”, affermano gli autori dell’articolo.

“Gli specialisti dei ME si sono assunti un onere particolarmente pesante e ne stanno soffrendo. Occorrono misure urgenti per ridurre il burnout e quindi per incoraggiare chi pensa di lasciare la professione a ripensarci. Molti interventi si sono dimostrati efficaci nel ridurre il burnout e siamo rimasti delusi nel vedere quanti pochi sembrano essere attuati al momento. La pandemia ha dimostrato quanto siano essenziali”, concludono.

1. La sindrome da burnout è causata da stress cronico sul posto di lavoro non gestito. Si manifesta in mancanza di energia o esaurimento, maggiore distanza mentale dal lavoro e sentimenti di negatività o cinismo legati al lavoro.

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: