Reni

Gli inibitori dell’SGLT2 possono avere effetti protettivi sui reni e sul cuore negli adulti con diabete di tipo 1

Adv

Oltre ad abbassare i livelli di zucchero nel sangue, i farmaci per il diabete chiamati inibitori del cotrasportatore di sodio-glucosio 2 (SGLT2) possono fornire benefici a livello renale e cardiovascolare per le persone con diabete di tipo 2. Uno studio recente ha esaminato se tali benefici sono sperimentati anche da individui con diabete di tipo 1. I risultati saranno presentati online all’ASN Kidney Week 2021 dal 4 novembre al 7 novembre.

Lo studio ha applicato gli Steno Type 1 Risk Engines, modelli di previsione convalidati per malattie cardiovascolari e insufficienza renale nelle persone con diabete di tipo 1, a 3.660 adulti con diabete di tipo 1 che sono stati trattati dal 2001 al 2016. L’uso degli inibitori SGLT2 è stato collegato a un 6,1 % in meno di rischio di malattie cardiovascolari in 5 anni (con un rischio fino all’11,1% in meno nei soggetti con segni di malattia renale) e con un rischio in meno del 5,3% di insufficienza renale (con un rischio fino al 7,6% in meno in quelli con segni di malattie renali).

“Nel nostro studio, abbiamo mostrato riduzioni significative del rischio di malattie cardiovascolari e insufficienza renale con il trattamento con inibitori SGLT2 nel diabete di tipo 1”, ha affermato l’autrice principale Elisabeth Stougaard, Ph.D., dello Steno Diabetes Center, a Copenaghen. “Il nostro modello fornisce una stima del beneficio che può bilanciare i rischi associati all’uso degli inibitori SGLT2 nel diabete di tipo 1”.


Ulteriori informazioni: Studio: “Inibitori del cotrasportatore sodio-glucosio 2 come terapia aggiuntiva per il diabete di tipo 1 e il beneficio sulle malattie cardiovascolari e renali valutato da Steno”

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: