Benessere

Gli inquinanti ambientali svolgono un ruolo nello sviluppo del diabete di tipo 1

Gli inquinanti ambientali che consumiamo sono probabilmente il motivo per cui alcune persone sviluppano il diabete di tipo 1. Anche basse concentrazioni di tali inquinanti possono far sì che le cellule producano meno insulina, rivela un nuovo studio dell’Università di Oslo (UiO).

A circa 400 bambini e adolescenti viene diagnosticato il diabete di tipo 1 ogni anno in Norvegia e il numero di nuovi casi tra bambini e adolescenti è raddoppiato dagli anni ’70. Anche agli adulti viene diagnosticata la malattia.

Il diabete di tipo 1 è una malattia autoimmune caratterizzata dalla distruzione delle cellule beta del pancreas che producono insulina. Il sistema di difesa del corpo fa l’errore di credere che queste cellule produttrici di insulina siano cellule aliene dannose che devono essere distrutte.

Ciò che innesca l’insorgenza del diabete di tipo 1 rimane poco chiaro per gli scienziati. Potrebbe essere ereditario? Fattori ambientali legati alla dieta, acqua potabile inquinata o potrebbe essere dovuto a un’infezione virale?

I ricercatori hanno trovato più inquinanti ambientali nel sangue dei bambini con diabete di tipo 1

In collaborazione con l’Università di Tromsø e diversi gruppi di ricerca negli Stati Uniti, gli scienziati dell’UiO hanno studiato gli inquinanti ambientali nei campioni di sangue di bambini e adolescenti americani a cui è stato diagnosticato il diabete di tipo 1. Questi sono stati confrontati con campioni di sangue di un gruppo di controllo non affetto da diabete di tipo 1.

“Abbiamo scoperto che una percentuale maggiore di persone con diabete di tipo 1 aveva tali inquinanti nel sangue. In media, avevano anche una concentrazione più elevata di diversi tipi di inquinanti ambientali”, afferma Sophie E. Bresson, Ph.D. studente presso il Dipartimento di Medicina Molecolare dell’Istituto di Scienze Mediche di Base dell’Università di Oslo.

Per esaminare questi risultati in modo più approfondito, i ricercatori hanno utilizzato cellule beta di ratti. Le sostanze tossiche sono state applicate a queste cellule per scoprire cosa è successo dopo.

“Abbiamo scoperto che le cellule beta hanno quindi prodotto molta meno insulina, anche dopo solo due giorni e con concentrazioni molto basse di inquinanti ambientali. Quando le cellule beta sono state esposte agli inquinanti per un periodo di tempo più lungo, sono morte. Riteniamo quindi che gli inquinanti ambientali svolgono un ruolo nell’innescare l’insorgenza del diabete di tipo 1 “, afferma Bresson.

Bresson, il professor Jerome Ruzzin e il team di ricerca hanno recentemente pubblicato i loro risultati in un articolo sulla rivista Environment International .

Gli inquinanti ambientali sono una minaccia globale per l’umanità

Molti degli inquinanti ambientali studiati dal gruppo di ricerca, come PCB e pesticidi, sono stati banditi 20 anni fa dalla Convenzione di Stoccolma. Ma queste sostanze si trovano negli alimenti, nella plastica, nelle vernici, nei materiali da costruzione, nel suolo e nell’acqua e vengono scomposte naturalmente solo in minima parte. Potrebbero anche essere stati intrappolati dal ghiaccio e quando il ghiaccio si scioglie a causa del riscaldamento globale, le sostanze inquinanti vengono rilasciate.

Inoltre, alcuni paesi che non hanno firmato la Convenzione continuano ancora a utilizzare queste sostanze per impedire che gli insetti attacchino le colture.

“Consumiamo la maggior parte degli inquinanti ambientali attraverso il cibo che mangiamo. Una volta che questi inquinanti entrano nel corpo, purtroppo non c’è nulla che possiamo fare per sradicarli”, afferma Bresson.

Come parte dello studio, i ricercatori hanno ottenuto campioni di sangue dagli Stati Uniti. Il livello di inquinanti ambientali potrebbe differire da quello della Norvegia?

“Non abbiamo motivo di credere che ci siano differenze significative. Ma dobbiamo scoprirlo con certezza”, afferma Bresson.

Mangia meno carne e più pesce magro

Il 90% degli inquinanti ambientali che consumiamo attraverso il cibo proviene da pesce, carne e latticini , spiega il professor Jason Matthews del Dipartimento di Nutrizione dell’Università di Oslo.

Gli scienziati sottolineano che i pesci grassi come le aringhe, lo sgombro, l’halibut, il salmone e la trota contengono più diossine e dl-PCB rispetto ai filetti di pesce magri. Esempi di pesce magro sono il merluzzo carbonaro, il merluzzo e l’eglefino.

Quindi cosa possiamo fare per ridurre il livello di inquinanti ambientali nel nostro cibo?

“Mangiare meno carne può essere un buon punto di partenza e scegliere pesce magro. Gli alimenti coltivati ??in modo ecologico conterranno meno oligoelementi di pesticidi poiché non vengono spruzzati, ma assorbiranno comunque le sostanze inquinanti attraverso l’acqua e il suolo”, afferma Matthews.


Ulteriori informazioni: Sophie E. Bresson et al, Associazioni tra inquinanti organici persistenti e diabete di tipo 1 nei giovani, Environment International (2022). DOI: 10.1016/j.envint.2022.107175

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: