Donne e diabete

I rischi associati di cancro al seno e diabete

Adv

Lo studio descrive il meccanismo mediante il quale il cancro al seno sopprime la produzione di insulina, alterando la regolazione della glicemia e causando il diabete, che, a sua volta, promuove la crescita del tumore

Il cancro al seno e il diabete di tipo 2 sembrerebbero malattie nettamente diverse, con elementi in comune solo nella loro comunanza. Il cancro al seno è la seconda neoplasia più diagnosticata dopo alcuni tipi di cancro della pelle; circa 1 donna su otto negli Stati Uniti svilupperà un cancro al seno invasivo nel corso della loro vita. Più del 10% della popolazione degli Stati Uniti ha il diabete, con una stima di 2 americani su 5 che dovrebbero sviluppare la malattia cronica nel corso della loro vita. 

Tuttavia, la ricerca passata ha scoperto associazioni tra le due malattie. Le donne con diabete, ad esempio, hanno un rischio aumentato del 20-27% di sviluppare il cancro al seno. La resistenza all’insulina, una caratteristica chiave del diabete, è stata associata all’incidenza del cancro al seno e alla scarsa sopravvivenza. Studi sulla popolazione suggeriscono che il rischio di diabete inizia ad aumentare due anni dopo una diagnosi di cancro al seno e, entro 10 anni dalla diagnosi, il rischio è del 20% più alto nelle sopravvissute al cancro al seno rispetto alle donne della stessa età senza cancro al seno.  

Ma questi collegamenti epidemiologici non sono netti o definitivi e alcuni studi non hanno trovato alcuna associazione. In un nuovo articolo, pubblicato il 30 maggio 2022 su Nature Cell Biology , un gruppo di ricerca guidato da scienziati della University of California San Diego School of Medicine descrive un possibile meccanismo biologico che collega le due malattie, in cui il cancro al seno sopprime la produzione di insulina, con conseguente diabete e la compromissione del controllo della glicemia promuove la crescita del tumore.

“Nessuna malattia è un’isola perché nessuna cellula vive da sola”, ha affermato l’autrice dello studio corrispondente Shizhen Emily Wang, PhD, professore di patologia presso la UC San Diego School of Medicine. “In questo studio, descriviamo come le cellule del cancro al seno alterano la funzione delle isole pancreatiche per farle produrre meno insulina del necessario, portando a livelli di glucosio nel sangue più elevati nelle pazienti con cancro al seno rispetto alle donne senza cancro”. 

Wang ha affermato che lo studio è stato ispirato dai primi lavori e dalla guida di Jerrold Olefsky, MD, professore di medicina e preside associato per gli affari scientifici presso la Divisione di Endocrinologia e Metabolismo presso la UC San Diego School of Medicine. Olefsky è co-autore senior dello studio con Wang.  

Il colpevole, secondo Wang e Olefsky, sono le vescicole extracellulari (EV) – sfere cave secrete o rilasciate dalle cellule che trasportano DNA, RNA, proteine, grassi e altri materiali tra le cellule, una sorta di sistema di comunicazione del carico. 

In questo caso, si è scoperto che le cellule tumorali secernono microRNA-122 nelle vescicole. Wang ha detto che quando le vescicole raggiungono il pancreas, possono entrare nelle cellule delle isole responsabili della produzione di insulina, erogare il loro carico di miR-122 e danneggiare la funzione critica delle isole nel mantenere un livello normale di glucosio nel sangue. 

“Le cellule tumorali hanno un debole per i dolci”, ha detto Wang. “Usano più glucosio rispetto alle cellule sane per alimentare la crescita del tumore, e questa è stata la base per le scansioni PET nel rilevamento del cancro. Aumentando la glicemia che può essere facilmente utilizzata dalle cellule tumorali, i tumori al seno producono il loro cibo preferito e, nel frattempo, privano questo nutriente essenziale dalle cellule normali”.

La ricerca è stata condotta utilizzando modelli murini, che hanno scoperto che pellet di insulina a rilascio lento o un farmaco ipoglicemizzante noto come inibitore SGLT2 ripristinavano il normale controllo del glucosio in presenza di un tumore al seno, che a sua volta sopprimeva la crescita del tumore.

“Questi risultati supportano una maggiore necessità di screening e prevenzione del diabete tra i pazienti con cancro al seno e i sopravvissuti”, ha affermato Wang, osservando che un inibitore del miR-122, sviluppato da Regulus Therapeutics Inc. a San Diego, è attualmente in sperimentazione clinica come potenziale trattamento per l’epatite cronica C. Si è dimostrato efficace nel ripristinare la normale produzione di insulina e sopprimere la crescita del tumore nei modelli murini di cancro al seno.  

“Questi inibitori del miR-122, che sono i primi farmaci a base di miRNA ad entrare in studi clinici, potrebbero avere un nuovo uso nella terapia del cancro al seno”, ha detto Wang.

I coautori includono: Minghui Cao, Roi Isaac, Wei Yan, Xianhui Ruan, Li Jiang, Yuhao Wan, Jessica Wang, Christine Caron, Donald P. Pizzo, Xuxiang Liu, Andrew R. Chin, Miranda Y. Fong, Oluwole Fadare, Richard B. Schwab, Wei Ying e Jack D. Bui, tutti all’UC San Diego; Dorothy D. Sears, Università statale dell’Arizona; Steven Neben e Denis Drygin, Regulus Therapeutics, Inc., San Diego; Xiwei Wu, Joanne Mortimer, Yuan Yuan e Susan E. Yost, tutti a City of Hope, Duarte, CA; Ziting Gao, Kaizhu Guo e Wenwan Zhong, tutti all’UC Riverside.

Adv
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: